I colpi di fulmine non esistono. O forse sì? Per Natale torniamo tutti bambini a Disneyland

Sinossi

Chi capisce le donne è bravo, ma non è il mio caso.
Accompagnare mia sorella e le mie adorate nipotine a Disneyland si sta rivelando una pessima idea: quattro femmine sono troppe da gestire. Amo alla follia il sangue del mio sangue, ve lo giuro, ma sto seriamente pensando di farmi adottare.
Possono bastare una donna isterica, una neonata e due gemelle che sanno manipolarmi meglio di chiunque altro? No, certo che no. Il destino si sta divertendo a rendermi la vita impossibile e Liliana ne è la prova.
Dannata Rossa! Mi farà impazzire, ne sono certo.
Farmi travolgere così da una ragazza non è da me. I colpi di fulmine non esistono, lo sanno tutti, e allora perché mi sto comportando come un pivello? Perché sto vivendo in balia degli eventi, con la speranza che prima o poi arrivi un’illuminazione divina?
Non so cosa mi stia succedendo.
Mi sento strano.
Non sarà che…
Oddio, esistono davvero!
Penso di essermi innamorato.
Aidez-moi.
Help me.
Aiutatemi.

 

Estratto

 «Hai visto?» le chiedo, mentre mi sistemo il berretto di lana e la sciarpa «Tutte mi desiderano.»
Mia sorella alza gli occhi al cielo. «No, Artù, quella è solo disperata perché non palpa un uomo dal paleolitico e si è buttata sul primo sedere vagamente decente a portata di mano.»
«Il mio culo è perfetto, non vagamente decente» mi lamento.
«Culo» dicono le figlie ridacchiando, e lei sbuffa scoccandomi un’occhiata di fuoco.
“Eh, ma non si può più dire niente!”

 

Erika Cotza, classe 1988, è nata a Cagliari e cresciuta in un piccolo paesino della Sardegna. Adora la natura e gli animali. Eterna sognatrice, spera di continuare a scrivere romanzi per il resto della vita.

Scritto da:

Maria Rita

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.