“Dasempre & Persempre”: Werther e Goethe, così distanti ma così vicini

...