Libri,  Recensioni,  Romanzo Rosa

Recensione: Semplicemente Giò (Un cuore per capello) di Erika Lenti

Semplicemente Giò (Un cuore per capello) Book Cover Semplicemente Giò (Un cuore per capello)
Erika Lenti
Romanzo rosa
PubGold
31 gennaio 2018
ebook, cartaceo
470

Si dice che il destino sia scritto nelle stelle. Se invece le fatalità non esistessero, se fossimo noi a crearci il futuro, un susseguirsi di eventi non dettati dalla provvidenza ma dalle nostre scelte, cambierebbe la nostra prospettiva sull'esistenza? Chiamatelo destino o semplice casualità, ma la vita si basa su delle scelte, giuste o sbagliate che siano, per la maggior parte delle volte suggerite dal cuore. Che sia una scelta riguardante un amore, una proposta di lavoro, un sogno da perseguire, il cuore è sempre il protagonista. La vita è piena di difficoltà e abbiamo noi la chiave del nostro destino: dobbiamo solo capire quando usarla. Come una chiave di violino messa usualmente all'inizio di un pentagramma, con la funzione di fissare la posizione giusta delle note, ma che può essere usata anche in un punto qualsiasi per identificare un passaggio, un cambiamento. Perché, in fondo, la musica è in tutto ciò che ci circonda, può guidarci, salvarci, ed è lei la vera protagonista di questa storia in cui i personaggi si troveranno spesso di fronte a dei bivi, in cui dovranno decidere se essere veramente padroni del proprio destino: scegliere tra un amore puro, tenero, romantico e sicuro o abbandonarsi a una passione sfrenata, vitale, intensa e irrefrenabile; scegliere di abbandonare un sogno perché le dure e avverse realtà della vita fanno di tutto per impedirti di realizzarlo; scegliere quale rapporto affettivo mettere al primo posto, a costo di perdere una persona comunque importante. Sarà proprio il destino a far scontrare la personalità raggiante ed esuberante di Giorgia, appassionata di musica, con quella del giovanissimo uomo d’affari Liam e dello scontroso ex musicista Dylan. Due ragazzi apparentemente diversi, ma uniti da un passato doloroso e da un futuro che si prospetta ancor più difficile. Giorgia sarà una nuova speranza, un nuovo inizio per entrambi, ma forse segnerà la fine del loro legame… per sempre!

«Non ci si innamora per scelta, accade per caso. Rinunciarci, quella sì che è una scelta. E se proprio se deve fare una, non si può far altro che scegliere la persona che si ama.»

RECENSIONE

Bah… ho appena finito di leggere questo libro e sinceramente sono in seria difficoltà… non posso dire che non mi sia piaciuto come non posso scrivere che mi abbia entusiasmato.

La copertina ha un profondo simbolismo, rappresenta Giò nell’atto della sua passione principale: suonare la chitarra! La musica per lei rappresenta un momento importante della sua vita, vi si è avvicinata casualmente in un periodo triste, la perdita improvvisa di suo padre e questo “amore” nato per caso la accompagnerà e la guiderà nell’affrontare i propri dubbi e superare i profondi momenti di sconforto che troverà sulla sua strada sino a condurla verso la felicità.

La trama è interessante, ben sviluppata. La scrittura è fluida, semplice ma i continui rimandi alle canzoni dei Modà hanno reso il tutto un po’ “pesante”. Le ripetute citazioni dei testi insieme ai costanti riassunti sull’Amico Mio hanno tolto, a mio modesto parere, un po’ di freschezza al romanzo, anche se le battute tra i protagonisti non mancheranno di farvi spuntare più di una volta il sorriso sulle labbra. In questo devo dire che Erika Lenti è bravissima a descrivere quanto si sta svolgendo in modo così tanto preciso da rendere la scena quasi reale.

I protagonisti sono ben delineati, freschi e “identificabili”. Giorgia, o semplicemente Giò, è solare, esuberante, adorabilmente pasticciona e “folle”. Inizialmente non l’ho amata, in quanto mi sembrava una ragazza molto superficiale, quasi sciocca, la classica “oca” poi, proseguendo nella lettura, Giò mi è entrata dentro con i suoi dubbi, le sue incertezze ma soprattutto con le sue follie e la sua passionalità. Liam, il classico principe azzurro del quale ogni donna vorrebbe innamorarsi; Dylan, bello e “tenebroso”, non è semplice descriverlo… farlo vorrebbe dire rovinare la sorpresa ai lettori.

Leggete il romanzo è scopritelo, ne resterete piacevolmente sorpresi!

AUTORE

Erika Lenti

Lenti Erika nasce nel 1979, in un paese in provincia di Roma, dove vive tuttora insieme al marito Massimo, i due figli, Manuel e Marissa, e l’amico a quattro zampe Pulce. Inizia a scrivere nel 2016, quando il ricordo di un vecchio tema di scuola le riaffiora alla mente: nasce così il suo primo romanzo, un thriller psicologico dal titolo “Il ventunesimo albero” vincitore nel 2018 del premio ‘miglior colpo di scena’ degli Italian Writers Awards su Wattpad.
Successivamente, come conseguenza di un periodo molto difficile, l’avvicinamento al mondo della musica e la realizzazione di “Semplicemente Gio’”. Verso la fine dell’anno approda, consigliata da un’amica, sulla piattaforma Wattpad, decidendo così di mettersi in gioco e pubblicare il suo romanzo rosa che ottiene, nell’estate del 2017, la vincita del premio Wattys nella categoria “Nuovi arrivati”.
Questo primo e importante riconoscimento la spinge a intraprendere un passo verso l’editoria ed è così che approda a Un cuore per Capello.

I molteplici impegni famigliari (ho due figli stupendi oltre ad un marito e a un cane) mi hanno sottratto per un lungo periodo ad una delle mie più grandi passioni: la lettura (oltre alla pallacanestro -amore questo condiviso con mio marito, allenatore, e mio figlio, arbitro, che ci ha portato a creare una nostra società dove ricopro il ruolo di presidente). Ora complice un infortunio che mi costringe a diradare i miei impegni fuori casa (non posso guidare) sono “finalmente” riuscita a riprendere un libro in mano! Il fato, insieme ad un post di Kiky (co-fondatrice de “La bottega dei libri” che conosco da oltre 20 anni) pubblicato su Facebook han fatto sì che nascesse la mia collaborazione con “La bottega”, collaborazione che quotidianamente mi riempie di soddisfazione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: