Libri,  Narrativa contemporanea,  Segnalazione

Segnalazione: “Una vita vera” di Brandon Taylor, Codice

Una vita vera Book Cover Una vita vera
Brandon Taylor
Narrativa Contemporanea
Codice
12 maggio 2021
Cartaceo
288

 

Amore e violenza, privilegio
e razzismo, nel romanzo d’esordio
finalista al Booker Prize 2020.

Wallace è un giovane biochimico, nero e omosessuale, che studia per conseguire un dottorato in un’università del Midwest degli Stati Uniti. La carriera universitaria è per lui la strada del riscatto da un’adolescenza traumatica vissuta nelle zone più conservatrici dell’Alabama, che ha lasciato cicatrici e ombre da cui non riesce a fuggire. Wallace ha eretto tra sé e il mondo una barriera protettiva di diffidenza e distacco, anche all’interno della sua cerchia di amici, tutti bianchi, alcuni omosessuali e altri che fingono di non esserlo. Nel corso di un weekend di fine estate, però, lo scontro con i colleghi dell’università – una delle grandi delusioni per Wallace – e l’incontro inaspettato con un compagno di corso mineranno il suo equilibrio precario, sospeso tra il desiderio di riprendere il controllo della propria vita e un costante senso di non appartenenza e solitudine. Attraverso il racconto di soli tre giorni della vita di Wallace, Brandon Taylor ricostruisce la rete di angoscia e disperazione in cui resta intrappolato chi si sente un impostore e un intruso nel mondo, chi osserva costantemente gli altri meravigliandosi di come riescano a essere a proprio agio in quella “vita vera” che sembra così lontana e inaccessibile. Quali compromessi bisogna accettare per cominciare a vivere davvero, e quali barriere è necessario abbattere? Quando inizierà per Wallace la vita vera?

L’AUTORE

BRANDON TAYLOR ha pubblicato racconti e scritti brevi su “The New Yorker” e “The Literary Review”. Una vita vera è il suo primo romanzo.

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: