Save you Book Cover Save you
Mona Kasten
Romanzo Rosa
Sperling & Kupfer
24 settembre 2019
Cartaceo+Kindle
368

“Continua in questo secondo, emozionante romanzo la storia di Ruby e James, protagonisti della fortunatissima serie Save firmata da Mona Kasten: autrice bestseller”

Ruby è distrutta. Dopo tutto ciò che hanno condiviso, James ha osato tradirla e l’ha delusa, tanto che lei non vorrebbe rivederlo mai più. Tuttavia, nonostante il dolore che lui le ha procurato, Ruby conforta James per la perdita della madre. Su un punto, però, è irremovibile: non è disposta a perdonarlo e a concedergli una seconda occasione.
James si ritrova così in balia del padre, il quale pretende che lui si prepari a prendere le redini della Beaufort, l’azienda di famiglia, prima del tempo. Il futuro buio tanto temuto da James arriva dunque in anticipo, e la sua condanna è resa definitiva dalla lettera di accettazione a Oxford. Per Ruby, invece, la stessa lettera rappresenta il coronamento degli sforzi di una vita. Nondimeno, la gioia del momento è guastata dalla mancanza di James. Se da un lato, infatti, vorrebbe non averlo mai conosciuto e tornare a essere invisibile ai compagni di Maxton Hall, dall’altro non riesce a dimenticarlo. Soprattutto perché lui sta facendo l’impossibile per riconquistarla.
Mentre odio e amore si contendono il cuore di Ruby, James sfodera tutto il suo fascino nel disperato tentativo di riottenere la fiducia della ragazza. Ma se anche ci riuscisse, Ruby verrebbe accettata dal terribile Mr Beaufort?

Mona Kasten è nata nel 1992 e ha studiato Biblioteconomia e Scienze dell’informazione, prima di dedicarsi completamente alla scrittura. Vive insieme a suo marito, ai suoi gatti e un numero infinito di libri ad Amburgo. Ama la caffeina in qualsiasi forma, lunghe passeggiate nei boschi e le giornate in cui può scrivere dalla mattina alla sera.

Scritto da:

Maria Rita

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.