Libri,  Narrativa,  Segnalazione

Segnalazione: “Lo strano caso dell’invisibile scomparso” di Salvatore Scalisi, Independently Published

Lo strano caso dell'invisibile scomparso Book Cover Lo strano caso dell'invisibile scomparso
Salvatore Scalisi
Narrativa
Independently published
14 giugno 2017
Cartaceo+Kindle
170

 

Che stesse agitando le acque era più che palese, ma non immaginava minimamente che potesse essere invitato nella residenza privata della massima autorità religiosa della città: il Vescovo.

Nelle pagine che seguono il terzo e ultimo romanzo della trilogia dedicata alla vita dei senza fissa dimora e al mondo di indifferenza e abusivismo morale che li circonda. Con i tratti stilistici di un neo-verista Salvatore Scalisi inscena il terzo e ultimo atto che ritrae i chiaroscuri della vita di un senza fissa dimora che si è ritrovato nella condizione di vivere ai margini della società pur essendo il protagonista di una umanità autenticamente genuina e priva di tutti gli orpelli del secolo post-industriale. Scalisi è abile nella costruzione di intrighi letterari che accedono alla trama giallistica e in questa sua ultima opera emerge questa sua predisposizione naturale che si intreccia magicamente con la denuncia di carattere sociale. Reale e surreale, verità e finzione così si incrociano in quel sapiente dosaggio artistico e letterario che Scalisi tesse con il suo incedere narrativo incalzante, ma in grado di coinvolgere il lettore immergendolo di peso nella dinamica della storia. Scalisi ha abituato il lettore alla durezza e alla crudezza: i senza fissa dimora sono figure amorfe per la società, spesso anche per quel mondo di assistenza e beneficenza che orbita intorno ad essi; i senza fissa dimora sono ignorati come l’altro che non esiste in una società in cui l’avere conta più dell’essere e non si bada più di tanto se l’altro ha un minimo sufficiente per poter essere, nel senso di esistere. Ebbene, in un tale scenario sempre duramente e giustamente denunziato dall’opera dell’autore, emerge questa volta il paradosso: un invisibile, cioè un senza fissa dimora, scompare senza lasciare più traccia. Scalisi fonde così la sua esperienza letteraria di scrittore di gialli con la sua esperienza esistenziale di senza fissa dimora catapultando letteralmente il lettore nella suspense del racconto che si snoda tra indagini, minacce e giochi di potere. Un libro che chiude un ciclo letterario dedicato ai senza fissa dimora, ma che apre, per il lettore attento, oltre che il fascino del divertimento letterario di una storia interessante e ben scritta, anche e soprattutto l’educazione morale alla partecipazione sociale di chi dalla società viene normalmente escluso. Avv. Aldo Vitale

Salvatore Scalisi nato e residente a Catania. Nella vita ha svolto diversi lavori: manovale, lavapiatti, cameriere, vendita porta a porta, rappresentante e antiquario… Da ragazzo, ma ancora oggi possiede la stessa vivacità, aveva una spiccata fantasia che gli permetteva di elaborare a livello mentale una serie di scene adrenaliniche che, messe insieme, diventavano delle vere storie. Questa situazione è durata fino all’età di 14 – 16 anni, per poi passare alla scrittura vera e propria. I miei primi lavori erano dei brevi racconti. Poi, intorno ai quarant’anni, la passione per il cinema lo porta a cimentarsi con i soggetti cinematografici. Pure in questo caso la produzione è stata importante, sul numero delle decine. Successivamente passa a storie più articolate, racconti lunghi, per finire al romanzo.

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: