Libri,  Segnalazione,  Studi culturali e sociali

Segnalazione: L’IMMAGINAZIONE NON E’ UNO STATO MENTALE di Francesco Boer, Fontana Editore

L'IMMAGINAZIONE NON E'UNO STATO MENTALE Book Cover L'IMMAGINAZIONE NON E'UNO STATO MENTALE
Francesco Boer
Studi culturali e sociali
Fontana Editore
7 marzo 2019
cartaceo
199

 

“Vediamo quello che siamo in grado di immaginare, nella nostra mente. E il simbolo ci viene in aiuto, ci costringe ad essere parte attiva, fa luce sulle connessioni, allarga la nostra capacità di vedere, e perciò, di immaginare”

 

 

L’IMMAGINAZIONE NON E’ UNO STATO MENTALE: E’ L’ESISTENZA UMANA STESSA

Francesco Boer

 

Questo libro è un percorso di esplorazione a tappe con la figura del simbolo. Compito non facile. Il simbolo ci parla ma, per farlo, pretende da noi un notevole sforzo di mondatura interiore. È uno specchio impietoso che non avrà scrupoli a rimandare al mittente la propria immagine del momento. “L’immaginazione non è uno stato mentale: è l’esistenza umana stessa”, così titola il libro. Cosa assolutamente vera, vediamo quello che siamo in grado di immaginare, prima, nella nostra mente: creiamo il mondo che siamo in grado di immaginare! E il simbolo ci viene in aiuto, ci costringe ad essere parte attiva, fa luce sulle connessioni, allarga la nostra capacità di vedere, e perciò, di immaginare. Ecco che, d’improvviso, il nostro mondo diventa più grande, più vivido, più vitale.

 

 

 

Francesco Boer è ragioniere ed alchimista, scrittore, falso profeta e poeta. E’ proprio durante uno dei suoi burrascosi viaggi che Francesco impara l’arte della magia ed i segreti più profondi delle scienze esoteriche, anche se la vera identità del suo maestro rimane tuttora un segreto. Dal 2005 Francesco presta servizio alla corte del Re di Svezia in qualità di santo della Chiesa Cattolica, ma nel 2007 viene scoperto ed è costretto a fuggire. Dal 2008 al 2012 ha vinto a più riprese sia il premio Strega che il premio Bancarella, usando però di volta in volta un differente pseudonimo. Parla fluentemente sette lingue, anche se spesso i suoi interlocutori non lo capiscono. Nel 2012, con le Edizioni Segno, è uscito il libro “Guerra alla Dea Madre”: è la storia di un soldato americano che si ritrova catapultato in Macedonia, in quella che credeva essere una normale missione di peacekeeping, ma che si rivelerà gradualmente essere una sanguinaria ed onirica caccia alle streghe.

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: