King Kong Theory Book Cover King Kong Theory
Virginie Despentes
Studi culturali e sociali
Fandango
3 Ottobre 2019
Ebook/Cartaceo

Uscito per la prima volta in Francia nel 2007, King Kong Theory è un moderno manifesto femminista, tradotto in sedici paesi, con oltre duecentomila copie vendute. Partendo dall’esperienza personale, uno stupro a 17 anni, l’autrice traccia provocatoriamente una figura femminile eccentrica, ribelle, refrattaria a conformarsi alle norme di genere. 

 

SINOSSI

Un testo cruciale per molti aspetti, il primo saggio pubblicato da Virginie Despentes è un moderno manifesto femminista che devasta l’ordine sociale contemporaneo nel quale i corpi delle donne sono a disposizione degli uomini. Muovendo dalla sua esperienza personale – una giovinezza che descrive come “virile” nei circoli punk, uno stupro a 17 anni, un periodo di prostituzione, prima del successo come romanziera –, la scrittrice e regista di Nancy, traccia in poco più di cento provocanti pagine una figura femminile eccentrica, ribelle, refrattaria a conformarsi alle norme di genere. Un libro che è tutt’ora un manifesto di liberazione per tutte quelle donne che non si sentono rappresentate, “le brutte, le vecchie, le camioniste, le frigide, le malscopate, le inscopabili, le isteriche, le tarate, tutte le escluse dal mercato della gnocca”. Con la nuova traduzione di Maurizia Balmelli, Fandango Libri ripropone uno dei più grandi successi della teoria queer e femminista degli ultimi anni, tradotto in sedici paesi, con oltre duecentomila copie vendute solo in Francia. Crudo, arrabbiato, autobiografico, il grido di Despentes è sempre più attuale.