Chick lit,  Segnalazione

Segnalazione: in uscita OGGI, “Il Natale che non ti aspetti” di Angelica Romanin, Self-publishing

Il Natale che non ti aspetti Book Cover Il Natale che non ti aspetti
Angelica Romanin
chick lit, commedia
Self-publishing
30 novembre 2020
cartaceo, ebook

 

 

 

Cosa accade quando la vita decide di sorprenderti?

 

 

Di tutto. Può accadere davvero di tutto. E Marianna lo sa bene, visto che nel giro di ventiquattr’ore vede la sua vita cambiare completamente. Infatti, proprio quando pensava di doversi rassegnare a un triste Natale in città, il destino le regala un viaggio.

Era un concorso a premi, di quelli che si trovano sui panettoni o sulle confezioni dello shampoo. Di quelli ai quali si partecipa, ma mai si crede di poter vincere realmente un giorno. Ebbene, per Marianna quel giorno è arrivato. Ha vinto una settimana di vacanza in un hotel a cinque stelle a Mayrhofen: un caratteristico paesino sulle montagne austriache. Se tutto va come previsto, passerà un romantico Natale sulla neve, in compagnia del suo ragazzo.

Ma la vita si sa, è imprevedibile, e a volte si diverte a fare scherzi crudeli. Così Marianna non ha nemmeno il tempo di rallegrarsi per questa vincita inaspettata che, appena poche ore dopo, sorprende il suo ragazzo a tradirla. E ora che fare? Partire da sola o rinunciare all’agognato viaggio?

Seppur depressa e avvilita, decide di non lasciarsi scoraggiare dagli eventi, e sceglie di partire lo stesso: cascasse il mondo lei non rinuncerà al suo bianco Natale!

Ma ci sono giorni in cui tutto va storto, e per Marianna questo è uno di quelli. E mentre la sua fantasia corre tra cime innevate e aitanti maestri di sci, nella realtà si ritroverà a fare i conti con un imprevisto dietro l’altro.

Un’improvvisa bufera di neve, un bizzarro albergatore e una simpatica compagnia di fiorentini la trascineranno in una rocambolesca avventura che finirà per trasformare la sua vacanza in un’esperienza indimenticabile.

 

«Cosa significa ultima fermata?» Spalancai gli occhi. «Significa che dovete scendere tutti, perché il treno non può più proseguire» spiegò il controllore con tono pedante.

«Ma io devo andare a Jembach.»

«Allora ci dovrà andare a piedi, perché il treno si ferma a Vipiteno» sentenziò con un accenno di sarcasmo.

«Non è possibile, ho già l’albergo pagato! Devo assolutamente arrivare a Jembach!» protestai.

Quel tipo iniziava a seccarmi, sembrava si divertisse a darmi cattive notizie.

«Signorina, è inutile che si scaldi! Le ho spiegato che ci sono stati dei problemi sul percorso. La bufera ha tirato giù alcuni tralicci e interrotto i collegamenti ferroviari in più punti. Probabilmente ci vorrà tutta la notte perché si sistemi tutto. O scende a Vipiteno o scende a Vipiteno, non ci sono altre possibilità!»

Restai a guardarlo impotente mentre girava i tacchi e se ne andava, tutto impettito, a informare il resto del convoglio.

L’ex vigile del fuoco mi sorrise, sembrava seriamente dispiaciuto per me. «Se vuoi possiamo chiedere se c’è posto nel nostro albergo.»

La moglie annuì, con sguardo gentile. «Sì, puoi venire con noi.»

«Quindi voi avete prenotato a Vipiteno. Non dovevate andare in Austria…» constatai, sentendomi abbandonata nella mia sfortuna.

Sembravano davvero imbarazzati nel vedermi tanto avvilita.

«Veniamo tutti gli anni per le vacanze» rispose lei. «È un posto davvero carino.»

Mi girai a guardare gli altri tre. «Anche voi dovevate scendere a Vipiteno?» chiesi con voce tremula. Egoisticamente speravo di non essere l’unica a trovarsi in quella spiacevole situazione, invece anche gli altri annuirono, e io mi sentii ancora più sola.

«Quindi l’unica sfigata sono io?» Ora ero a un passo dal pianto.

«Yesss! Sei l’unica sfigata!» esclamò il ragazzino con brio, annuendo energicamente.

Trattenni la forte tentazione di strangolarlo e mi voltai a guardare di nuovo l’uomo di fronte a me. «Allora ok. Se chiede al suo albergo mi fa un grosso piacere. Altrimenti non saprei proprio dove andare. E con questa neve girare in cerca di un hotel non mi sembra il massimo…»

«Puoi sempre guardare su Booking» si intromise il brufoloso saputello. «Sai cos’è, vero?»

«Sì che lo so» sospirai.

La mia sopportazione si stava esaurendo.

«Hai visto, mamma? Lei, anche se è vecchia, le sa queste cose.»

«Vecchia a chi?» sgranai gli occhi. Ecco, ora la mia pazienza si era decisamente esaurita. Fortunatamente, prima che potessi reagire, la mamma gli diede uno scappellotto. «Non offendere la signorina e fatti gli affari tuoi!»

«Ma…»

Altro scappellotto. «Ho detto zitto!»

Guardai lo stronzetto con sufficienza, mentre sul viso mi si dipingeva un’espressione soddisfatta. Normalmente ero contro la violenza, ma in questo caso non avevo nulla da eccepire: quel tipetto era davvero fastidioso.

«Tutto a posto» mi confermò l’ex vigile del fuoco che nel frattempo aveva parlato con l’albergo. «Hanno detto che c’è una singola disponibile. L’ho prenotata perché era l’ultima rimasta.»

«Perfetto. La ringrazio, è stato davvero gentile.»

«Ma figurati! Anzi, visto che passeremo le vacanze assieme puoi darci del tu. Io mi chiamo Alfredo» si presentò. «E lei è Matilde» mi indicò sua moglie. «Piacere, Marianna» diedi loro la mano.

Erano davvero carini, e, nonostante fossi dispiaciuta nel dover affrontare questo ulteriore intoppo, pensai che ero stata fortunata a incontrare delle persone tanto disponibili.

“Quindi non si incontrano solo serial killer ad andare in giro da sole, può anche capitare di incontrare delle brave persone…”

Mi segnai mentalmente di riferirlo a mia madre.

Mezz’ora più tardi ero nella hall dell’albergo Edelweiss, a conversare con un tipo dall’aspetto poco rassicurante.

I miei benefattori erano già saliti nella loro stanza, mentre io attendevo che il tipo in questione mi desse le chiavi della mia.

Il signor Franz – così aveva detto di chiamarsi – aveva dei lineamenti vagamente familiari. Mi ricordava qualcuno, ma non riuscivo a ricordare chi. Era tra i quaranta e i quarantacinque anni, di corporatura media, né alto né basso, né grasso né magro. I capelli neri, leggermente brizzolati, erano pettinati con cura da un lato, e lui continuava a stirarli con le mani nonostante non ce ne fosse alcun bisogno. Aveva lo sguardo concentrato e le labbra sottili, ed era vestito con il tipico abbigliamento da montagna: felpa imbottita, pantaloni pesanti e scarponcini con le stringhe.

«Tu sei signorina Marianna, Ja?»

«Ja, sono…» mi interruppi. «Cioè, volevo dire sì, sono io.»

«Pene, pene, pene…»

Lo guardai a occhi sgranati. “Pene? Ma che dice ‘sto qua?”

«Va pene» ripeté.

“Ah già, l’accento tirolese…” mi tranquillizzai.

«Dunque, camera numero dreizhen. Tredici. Primo piano. Aiuto a portare tue valigie?»

«No no, grazie, faccio da sola.»

Nel frattempo continuavo a rimuginare. “Ma chi è che mi ricorda? Forse qualcuno dello spettacolo?”

«Allora, tu hai capito?»

«Cosa scusi? Non ho sentito, ero sovrappensiero.»

«Ho detto: cena ore sette e mezza. Stasera si mancia canederli con brodo, e arrosto con patate. E per dolce torta di ricotta. Ma se a te non piace canederli, possiamo fare pasta con pomodoro…»

Finalmente mi venne in mente. “Adesso mi ricordo! Assomiglia a Hitler!”

«No no, i canederli vanno benissimo» confermai, senza riuscire a smettere di fissarlo.

Quella pettinatura, i lineamenti del viso… Se avesse avuto anche i baffetti non avrei saputo distinguerli. Era spiaccicato a Adolf Hitler.

«Pene. Allora questa è tua chiave. Camera numero tredici, primo piano.»

Afferrai la chiave e lo ringraziai. «Perfetto, allora a dopo. Grazie signor Adolf.»

Mi paralizzai all’istante. Il signor Franz mi guardò come se avesse avuto di fronte un escremento.

Grazie signor Adolf? Ma come mi era uscito? Avrei voluto sprofondare.

«Cioè… volevo dire… A dopo» Girai i tacchi e corsi via, per quanto me lo permetteva la mia pesante valigia. Entrai in camera e mi buttai sul letto demoralizzata.

Ma come era successo che dalla prospettiva di trascorrere una meravigliosa settimana in Austria in un hotel super lusso, mi ritrovavo in questa pensioncina a tre stelle in compagnia di un’anziana coppia e del sosia di Hitler?

Leggere mi stimola e mi riempie. L'ho sempre fatto, fin da piccola. Prediligo i classici, i romanzi storici, quelli ambientati in altre epoche e culture. Spero di riuscire a condividere con voi almeno parte dell'impatto che ha su di me tutto questo magico universo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: