I sette peccati e le sette virtù capitali Book Cover I sette peccati e le sette virtù capitali
Giorgio Scerbanenco
Narrativa Contemporanea
La nave di Teseo
11 aprile 2020
Cartaceo+Kindle
260

“Ognuna di queste storie è un piccolo capolavoro, di colore indubbiamente noir. Scerbanenco ci mostra come le nostre vite siano sempre più complesse e contraddittorie di come appaiano – o di come preferiamo raccontarle.”

Dall’introduzione di Cecilia Scerbanenco

Giorgio Scerbanenco, al massimo della sua fama di giornalista e scrittore per le riviste femminili, nel 1962 pubblica su “Novella” una serie di racconti dedicati ai sette peccati capitali. Le storie hanno un tale successo che l’autore è chiamato a replicare l’anno successivo con le virtù. Questa nuova edizione propone i racconti inclusi nella prima antologia del 1974, accoppiando ogni vizio a una virtù: dal coraggio all’invidia, dalla speranza alla lussuria, Scerbanenco svela i misteri, innocenti o meno, che si nascondono nella vita di ognuno di noi.

Giorgio Scerbanenco (1911-1969), nato a Kiev, cresce a Roma ma ancora adolescente si stabilisce a Milano. Negli anni ’30 approda nell’editoria come collaboratore alla Rizzoli e in seguito come caporedattore dei periodici Mondadori, per tornare in Rizzoli nel dopoguerra come direttore dei periodici femminili. Collabora con i maggiori quotidiani e riviste dell’epoca, tra cui il “Corriere della Sera”, “La Gazzetta del popolo”, “il Resto del Carlino” e “Novella”. Scrittore prolifico, ha sperimentato tutti i generi della narrativa ed è riconosciuto come uno dei maestri del giallo italiano, consacrato dal successo della serie di romanzi con protagonista Duca Lamberti e dall’assegnazione del Grand Prix de littérature policière nel 1968. Tra i suoi libri ricordiamo Venere privata, Traditori di tutti, Milano calibro 9, I milanesi ammazzano al sabato, Ladro contro assassino. Tutta la sua opera è in corso di pubblicazione presso La nave di Teseo.

Scritto da:

Maria Rita

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.