Sciacalli. Virus, salute e soldi. Chi si arricchisce sulla nostra pelle Book Cover Sciacalli. Virus, salute e soldi. Chi si arricchisce sulla nostra pelle
Mario Giordano
studi sociali
Mondadori
5 maggio 2020
cartaceo, ebook
204

 

«Può il costo di un farmaco aumentare da un giorno all’altro, senza nessuna ragione, del 1540 per cento? Perché il prezzo a cui lo Stato compra pillole e flaconi è più segreto del segreto di Fátima? È vero che ci sono in commercio 105 medicine più dannose che utili? È normale che l’Agenzia europea per il farmaco sia finanziata all’84 per cento dalle aziende che dovrebbe controllare? È giusto che Big Pharma versi ai medici 550 milioni di euro l’anno, cioè un milione e mezzo al giorno, cioè 1000 euro al minuto? È ammissibile che prendano soldi anche i medici che scrivono le linee guida per conto dello Stato? E anche le Asl e l’Istituto superiore di Sanità? È vero che l’eccesso di antibiotici uccide una persona ogni ora? È legittimo che i dati dei malati siano venduti alle multinazionali?

C’è una grande partita che si sta giocando lontano dagli occhi di tutti. E si gioca sulla nostra pelle. Quello della salute, infatti, sarà il vero business dei prossimi anni, sul quale stanno puntando i colossi economici, la finanza, i giganti di internet, le assicurazioni.

Il nostro Servizio sanitario è ancora un orgoglio nazionale, ma viene progressivamente e sistematicamente svuotato: in vent’anni sono stati sottratti 37 miliardi di euro. E c’è qualcuno che su questo declino ci guadagna. Viviamo uno strano paradosso. La medicina fa ogni giorno passi da gigante: ci sono sempre più possibilità di curarsi, ma sempre meno persone che possono curarsi. Si producono farmaci da 2 milioni di dollari, ma 6 milioni di italiani non hanno accesso nemmeno alle cure essenziali. L’Organizzazione mondiale della Sanità certifica che ogni anno 100 milioni di malati cadono in povertà a causa del prezzo delle medicine. È uno scenario tragico. E quanto mai vicino. Eppure nessuno ne parla.

È vero: quando scoppiano le emergenze, come quella del coronavirus, di sanità si parla moltissimo. Tutti si improvvisano virologi ed esperti di contagi. Ma in realtà non c’è materia che sia così inesplorata come quella della salute. Ed è strano: la salute prima di tutto, diciamo sempre.

Eppure, di chi la governa davvero sappiamo pochissimo. Quali sono i meccanismi? Chi se ne approfitta? “Sciacalli” è un viaggio che nessuno aveva osato prima dentro questo mondo: perché non possiamo lasciare che sia il circolo ristretto della Salute Spa a decidere quando tagliare i fili delle nostre esistenze, senza nemmeno avvertirci di quel che sta succedendo. In molti mi hanno sconsigliato di scriverlo. Ma ciò mi ha convinto ancora di più che questo libro era indispensabile. Per rivelare dati sconosciuti, numeri segreti, scandali misteriosamente occultati. Ed episodi inediti. Come quello accaduto nell’ufficio di un sottosegretario alla salute, a cui le aziende farmaceutiche hanno fatto una proposta indecente da 20 milioni di euro. Cominceremo da lì.» (Mario Giordano)

 

Mario Giordano

 

Mario Giordano ha 53 anni e due amori: la famiglia e il giornalismo. Ragione per cui, nonostante la tentazione, anche quest’anno ha rinunciato a scrivere un romanzo erotico e ha fatto un’altra inchiesta. Dopo le Sanguisughe, i Vampiri, i Pescecani e gli Avvoltoi, denuncia i Predoni stranieri che ci stanno rubando l’Italia. È il diciassettesimo libro che pubblica con Mondadori, ma lui non è superstizioso. Nel frattempo ha diretto telegiornali (Studio Aperto e Tg4), fondato quotidiani («La Verità») e canali all news (Tgcom24), e inventato diversi programmi Tv. L’ultimo («Fuori dal Coro») lo conduce. È sposato da 27 anni con Paola e ha quattro figli che non solo sono nati in Italia ma si ostinano pure a voler vivere qui. Per questo lui continua a scrivere e a battersi: spera che non debbano pentirsene troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: