Classici,  Libri,  Segnalazione

Segnalazione!!! In libreria dal 12 marzo “Tra un atto e l’altro” di Virginia Woolf, Guanda

Tra un atto e l'altro Book Cover Tra un atto e l'altro
Virginia Woolf
Classici
Guanda
12 marzo 2020
Cartaceo+Kindle
199

“Torna in libreria, con una nuova traduzione, “Tra un atto e l’altro”, uscito nel 1941, a pochi mesi dal suicidio dell’autrice che ha segnato il ‘900 letterario”

Una mattina d’aprile del 1941 Virginia Woolf usciva di casa e si dirigeva verso il vicino fiume Ouse. Il suo bastone da passeggio, abbandonato sulla riva, segnò il punto in cui il cammino s’era interrotto per divenire «the voyage out». A cinquantanove anni, la più grande scrittrice del Novecento aveva scelto di spegnere nel silenzioso fluire delle acque la tensione ormai insostenibile della sua esistenza. Sulla scrivania di Virginia Woolf, due lettere di congedo, per la sorella e il marito, e l’ultimo romanzo, “Tra un atto e l’altro”, il più rarefatto e insieme il più struggente dei suoi capolavori. Fra un atto e l’altro di una rappresentazione dilettantesca in un paese della campagna inglese, negli intervalli cioè tra la «storia» e la «realtà», si liberano i «momenti dell’essere» più squisitamente woolfiani: gli uomini, gli spettatori della vita, sono colti nel loro stato di protagonisti. Rigurgiti ansiosi, voluttuose fantasticherie, accensioni di desiderio, guizzi di rivolta, monologanti lirismi percorrono un tempo neutro, un’ora zero della vita, e confluiscono in un unico «stream» che si oppone con fluida, magnetica tenacia alla tragica, banale fissità degli avvenimenti rappresentati. L’opera della Woolf, quando sembra maggiormente concedersi al caos, è sempre uno strenuo, esasperato tentativo di organizzare un cosmo: «riunire il disperso». Tra un atto e l’altro non è che l’ultimo capitolo di una trama tanto ossessivamente tessuta quanto sdegnosamente leggera, un frammento che non si concede neppure l’autorità e il terrore di un ipotetico valore testamentario. Postfazione di Franco Cordelli.

Adeline Virginia Woolf nasce a Londra il 25 gennaio 1882. A poco più di venti anni una scrittrice molto stimata, che collabora con il Times Litterary Supplement e che insegna storia nel Collegio di Morley. Il suo primo racconto, “The Voyage Out” poi il brillante romanzo “La crociera”, legato alla tradizione letteraria ottocentesca. Tra gli altri ‘La Signora Dalloway’ e ‘Gita al faro’.

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: