IL VALORE DEL CASO. LA MIA VITA Book Cover IL VALORE DEL CASO. LA MIA VITA
Agnes Heller
Biografia
Castelvecchi Editore
28 maggio 2019
Cartaceo
160

Le deportazioni naziste dell’infanzia e la complicità degli ungheresi, le fucilazioni degli ebrei lungo il Danubio, la morte dell’amatissimo padre ad Auschwitz.

IL VALORE DEL CASO. LA MIA VITA – AGNES HELLER

Un’infanzia che decide, “per caso”, il destino di una grande filosofa. Al cuore del suo percorso esistenziale e intellettuale, l’incontro con György Lukacs e la nascita della Scuola di Budapest, con il suo vivace corredo di amicizie e intrighi amorosi. La vocazione filosofica e il marcato spirito d’indipendenza di Ágnes Heller si accompagnano a un radicale impegno politico che la catapulta negli snodi cruciali del Ventesimo secolo: la Rivoluzione del 1956, il Sessantotto, la caduta del Muro nel 1989, il passaggio alla democrazia liberale, fino all’attuale tirannia di Orbán in Ungheria. Heller racconta l’emigrazione in Australia nel 1977, cui seguono i febbrili anni newyorkesi, dal 1986 al 2007, caratterizzati da una vita culturale in fermento: teatri, concerti, viaggi, incontri con intellettuali di tutto il mondo. In questo caleidoscopio di esperienze sfilano i più grandi nomi del pensiero novecentesco, da Foucault a Derrida, da Adorno a Löwenthal, da Jonas a Habermas, da Taubes a Bauman. Una vita intensa, movimentata, trascorsa in una costante e coraggiosa ricerca della libertà.

Agnes Heller viene considerata la più grande filosofa esistente, certamente è  l’esponente maggiore e più conosciuto della Scuola di Budapest, luogo in cui si formò il “dissenso comunista” nell’Europa dell’Est all’insegna del marxismo.

Scritto da:

Maria Rita

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.