Torniamo indietro con un romanzo d’altri tempi…
 
Risultati immagini per il giardino di elizabeth
Titolo: Il giardino di Elizabeth
Autore: Elizabeth Von Arnim
Genere: Narrativa
Casa Editrice: Fazi
Formato: ebook
Prezzo: 7,99 €
Formato: Cartaceo
Prezzo: 12,50
Pagine: 144
Data di uscita: 5 Ottobre 2017
Link d’acquisto:
 
 




In fuga dall’opprimente vita di città, l’aristocratica Elizabeth si stabilisce nell’ex convento di proprietà del marito, un luogo isolato e carico di storia in Pomerania. A vivacizzare le giornate della signora ci sono le tre figlie – la bimba di aprile, la bimba di maggio e la bimba di giugno –, le amiche Irais e Minora, ospiti più o meno gradite con le quali intrattiene conversazioni brillanti e conflittuali, sempre in bilico fra solidarietà e rivalità femminile, e poi c’è lui, l’Uomo della collera, «colui che detiene il diritto di manifestarsi quando e come più gli piace». Ma soprattutto c’è il giardino, una vera e propria oasi di cui Elizabeth si innamora perdutamente. Estasiata dalla pace e dalla tranquillità del luogo, trascorre le ore da sola con un libro in mano, immersa nei colori, nei profumi e nei silenzi, cibandosi soltanto di insalata e tè consumati all’ombra dei lillà. Mentre le stagioni si susseguono, Elizabeth ritrova se stessa, i suoi spazi, i suoi ricordi e la sua libertà. Una storia che ha molto di autobiografico narrata da una donna più avanti del suo tempo: una donna di mondo coraggiosa e irriverente che parla a tutte le donne di oggi. Uscito per la prima volta nel 1898 in forma anonima, Il giardino di Elizabeth, primo romanzo di Elizabeth von Arnim, ebbe da subito un successo clamoroso. Presentato qui in una versione integrale fino a ora inedita in Italia, è un romanzo del passato che colpisce per la sua modernità.

 

L’Autrice
 
Risultati immagini per elizabeth von arnim

Elizabeth Von Arnim

La Arnim, il cui vero nome era Mary Annette Beauchamp, nacque in Australia in una famiglia della borghesia coloniale inglese di Sydney. I suoi genitori si chiamavano Henry Herron Beauchamp (1825-1907), di professione commerciante, ed Elizabeth (Louey) Weiss Lassetter (1836-1919). Una sua cugina prima, Kathleen Beauchamp, diverrà anch’essa scrittrice con lo pseudonimo di Katherine Mansfield.Nel 1891 sposò il conte tedesco Henning August von Arnim-Schlagenthin, figlio adottivo di Cosima Wagner, conosciuto durante un viaggio in Italia, acquisendo così automaticamente la cittadinanza tedesca. Il matrimonio avvenne a Londra; i coniugi vissero dapprima a Berlino e successivamente nella residenza della famiglia Arnim a Nassenheide, in Pomerania (oggi Rzędziny, Polonia). Dalla nozze nacquero cinque figli: quattro bambine e un maschio. Fra i precettori dei bambini a Nassenheide vi furono E.M. Forster e Hugh Walpole. Il matrimonio non fu tuttavia molto felice sia soprattutto per incompatibilità di carattere con il marito (che la scrittrice nella sua autobiografia chiamerà “Man of Wrath” ovvero uomo dell’ira, sia successivamente, per difficoltà finanziarie conseguenti all’incarceramento del marito per truffa. La carriera di scrittrice iniziò con la pubblicazione nel 1899 de Il giardino di Elizabeth, un’opera semi-autobiografica anonima in cui l’io scrivente si chiamava “Elizabeth”, senza cognome. Il romanzo ebbe immediatamente successo e fu ristampato più volte. L’autrice pubblicò a breve distanza due altri romanzi semi-autobiografici: The Solitary Summer (1899) e The Benefactress (1902) e successivamente altri diciotto volumi firmati «by the author of “Elizabeth and her German garden”»; in seguito firmerà le sue opere più semplicemente come “Elizabeth”. Si farà chiamare “Elizabeth” anche in famiglia.Nel 1908 lasciò Nassenheide per tornare a Londra. Rimasta vedova nel 1910, dal 1910 al 1913 fu amante di H. G. Wells. Nel 1916 sposò in seconde nozze il duca John Francis Stanley Russell (1865–1931), fratello maggiore del filosofo Bertrand Russell. Nello stesso anno morì in Germania, dove si era recata per perfezionarsi nello studio della musica, la giovane figlia Felicitas; la vicenda, somigliante a quella della protagonista del romanzo epistolare Christine, spinse Elizabeth a trasferirsi negli Stati Uniti. Anche il matrimonio con Russell fu poco fortunato: i due coniugi si separarono nel 1919, anche se non divorziarono mai. Elizabeth von Arnim trascorse gli ultimi anni della sua vita in Europa (Svizzera e Costa Azzurra); pubblicò nel 1936 la sua autobiografia e, allo scoppio della seconda guerra mondiale (1939), si trasferì definitivamente negli Stati Uniti.
 

 

Altri libri dell’autrice
 

Scritto da:

Cristiana Meneghin

Ha esordito nel mondo editoriale nel 2016 con "Ananke" a cui sono seguiti "Artemisia" e "l'Ultima Notte al mondo"; ha collaborato a varie antologie dal titolo "Io me lo leggo". I suoi romanzi sono tutti ambientati in Italia tra le alte cime del Piemonte e i paesaggi Pugliesi, vi troverete all'interno i valori in cui crede: la lotta per i sogni, l’amore e l’amicizia. Da più di un anno collabora attivamente con i blog LabottegadeiLibri e lubri.iCrewPlay, scrivendo articoli che ruotano attorno al mondo dei libri.