Homo stupidus stupidus Book Cover Homo stupidus stupidus
Vittorino Andreoli
Saggio
Rizzoli
4 febbraio 2020
Cartaceo
272

“L’osservazione di comportamenti dell’uomo in nessun modo possono essere fatti rientrare nell’ambito della sapienza”

È possibile scongiurare l’agonia in cui sta scivolando la nostra civiltà? Che ne è dell’uomo quando delega le sue funzioni ad appendici digitali, innescando una regressione che cancella ogni traccia del salto evolutivo per cui è stato definito sapiens sapiens, diventando stupidus stupidus? È questo infatti, secondo Vittorino Andreoli, il tratto che oggi definisce la nostra comunità, l’abbandono alla nostra parte pulsionale, che rischia di condurre a un’inarrestabile morte della civiltà. Attraverso tre comportamenti sintomatici – la distruttività, la caduta dei principi alla base del vivere sociale e l’uomo senza misura – lo psichiatra focalizza la sua analisi, arrivando a pensare di escludere ormai l’uomo dall’ambito della sapienza. Tuttavia non è con approccio apocalittico che Andreoli conduce la propria argomentazione, ma con l’idea di trovare come invertire la rotta in questa società: riaffermando quei princìpi che permettono il procedere della ragione, la bellezza della cooperazione contro l’esasperato individualismo, integrando sentimenti e razionalità.

Vittorino Andreoli psichiatra di fama mondiale, attento all’analisi dell’uomo e del mondo, è stato direttore del Dipartimento di Psichiatria di Verona-Soave ed è membro della New York Academy of Sciences. Tra le sue ultime opere pubblicate in BUR: L’educazione (im)possibile (2015), Ma siamo matti (2016), La gioia di vivere (2017) e La gioia di pensare (2018). Il suo ultimo libro è Il rumore delle parole (Rizzoli, 2019).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: