Libri,  Medicina,  Segnalazione

Segnalazione: “Hai da spegnere?” di Giulia Veronesi, Sonzogno

Hai da spegnere? Book Cover Hai da spegnere?
Giulia Veronesi
Medicina
Sonzogno
13 maggio 2021
Cartaceo, Ebook
192

 

Dieci ragioni che non vi hanno mai raccontato per abolire il fumo

Il fumo fa male alla salute, ce lo hanno sempre spiegato. Ed è vero, verissimo. Ma questa prospettiva individuale rischia di mettere in ombra il quadro più generale: il tabacco fa male anche a chi non fuma ed è tra i nemici più temibili dell’ambiente e della giustizia sociale nei paesi meno sviluppati. Nel saggio scientifico “Hai da spegnere?”, Giulia Veronesi racconta le dimensioni finora ignorate del fenomeno. Coltivare, lavorare e commercializzare il tabacco intacca risorse naturali che potrebbero essere impiegate in modo più sostenibile, come acqua, energia e terreno. Si aggiungono l’uso massiccio di pesticidi, il disboscamento e l’inquinamento. «A ogni boccata di sigaretta c’è un pezzetto di mondo che va in fumo» scrive l’autrice, chirurgo robotico toracico e massima esperta della materia. «Bruciano il tabacco, la cartina e le foreste decimate per produrli. Una nuvola grigia occupa uno spazio che prima era di aria pulita.» Il lettore viene accompagnato alla scoperta dell’incessante attività di marketing dell’industria del fumo, che da oltre un secolo cerca di rendere sexy la sigaretta tra i più giovani e che oggi, anche grazie ai social network, spinge la diffusione dei nuovi dispositivi elettronici, dalle e-cig ai device a tabacco riscaldato. Pagina dopo pagina, si scoprono i meccanismi biologici e psicologici responsabili di una delle dipendenze più sottovalutate: quella da nicotina. Nella parte finale del libro, un’ampia sezione con test e consigli medici per chiudere con il fumo senza soffrire l’astinenza e senza prendere peso.

Giulia Veronesi è direttrice del programma strategico di Chirurgia robotica toracica dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano e professoressa associata all’Università Vita-Salute San Raffaele della stessa città. Formatasi presso l’Institute Mutualiste Montsouris di Parigi e l’Humanitas di Milano, ha lavorato per quindici anni all’Istituto europeo di oncologia. È attualmente principal investigator di ricerche – finanziate da Airc, ministero della Salute e Comunità europea – finalizzate a sviluppare programmi di screening del tumore, e membro del CdA della Fondazione Umberto Veronesi, da sempre attiva nella ricerca sul fumo e il sostegno alla ricerca. Ha fondato e coordina il gruppo robotico toracico della Società europea di chirurgia toracica (Ests) ed è membro di diverse società scientifiche di rilievo internazionale.

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: