Libri,  Romanzo,  Segnalazione

Segnalazione: Emma B di Sabrina Campolongo. Paginauno

Emma B Book Cover Emma B
Sabrina Campolongo
romanzo
Paginauno
18 ottobre 2018
ebook, cartaceo
296

La scoperta del talento di una figlia, l’insofferenza per la sonnolenta vita della provincia, il desiderio di riscatto sociale di una madre e la fragilità degli adolescenti di oggi, il sogno a portata di mano dei talent show, la pervasività dei social network.

Emma B è una riflessione sul richiamo irresistibile e sui rischi celati dai miti di oggi, ma allo stesso tempo sull’ambiguità e sulle trappole del rapporto tra genitori e figli, in un presente nel quale i ruoli appaiono sempre più fluidi e gli adulti per primi faticano a identificare i valori che sarebbero tenuti a trasmettere. Un romanzo che si pone come grido d’allarme per i genitori e delicato atto d’amore e di preoccupazione per il mondo segreto dell’adolescenza, da una scrittrice che già nel precedente romanzo Ciò che non siamo (Paginauno, 2016) aveva mostrato la sua attenzione per i danni che i genitori inconsapevolmente o in buona fede finiscono per causare nell’esistenza dei figli.

La vita di Emma sembra essersi assestata sul binario della prevedibilità: madre di due figli avuti da due padri diversi – il primo, Cristian da un uomo affascinante quanto inaffidabile, la seconda, Elisa dall’attuale marito che è l’antitesi del precedente – conduce un’esistenza insipida nella provincia brianzola, appena rischiarata dalle soddisfazioni materne e da inconfessati acquisti di capi di lusso a prezzo d’occasione. Anche la crociera con la famiglia, ottenuta grazie a un caso fortuito, sembra destinata a essere l’ennesima esperienza frustrante, fino a che, una sera, si rivela, totalmente inatteso, il talento canoro di Elisa. La scoperta potrebbe essere la svolta insperata, l’accesso a un mondo su cui Emma ha solo fantasticato, allo scintillante ambiente della tv, attraverso il più popolare dei talent. Non resta che farlo accadere.
Quello di Emma B è il percorso di una Madame Bovary moderna, che esercita le proprie ambizioni per mezzo della figlia, ma è anche quello di una madre che vuole salvare la figlia amata dalla condanna al grigiore di un’esistenza di provincia.
Un romanzo profondamente attuale, che riflette sui miti della società moderna, ma antico quanto il complicato rapporto tra madri e figlie.

 

Sabrina Campolongo

Sabrina Campolongo è nata nella provincia di Milano e vive a Monza, dove lavora come traduttrice e tiene corsi di traduzione letteraria e di scrittura creativa. Ha pubblicato la raccolta di racconti Balene bianche (Michele di Salvo, 2007), il Cahier di viaggio Unessential Dublin (2010) e i romanzi Il cerchio imperfetto (Creativa Edizioni, 2008), Il muro dell’apparenza (Historica Edizioni, 2008) e Ciò che non siamo (Edizioni Paginauno, 2016).

 

 

 

Leggo per diletto qualsiasi genere; è sempre stata una mia grande passione. Di una lettura mi colpisce sia una bella trama che una scrittura ricercata. Un romanzo rosa, un romanzo storico, della narrativa contemporanea non importa basta che non sia... fantasy! Il mio primo libro è... Eterno

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: