Libri,  Segnalazione

Segnalazione: Autobiografia spirituale di Julius Evola, Edizioni Mediterranee

Autobiografia spirituale Book Cover Autobiografia spirituale
Julius Evola
Filosofia
Edizioni Mediterranee
1 Aprile 2019
cartaceo
160

“Maestro dell’Impersonalità Attiva, Julius Evola ha sempre parlato pochissimo di sé. Basta leggere la sua autobiografia, Il Cammino Del Cinabro (1963), pensata più che altro come una guida alle opere di Evola”.

 

Autobiografia spirituale di Julius Evola

 

Questione di equazioni personali, come lui stesso amava ripetere… Tuttavia, gli scritti raccolti nella Autobiografia Spirituale sfuggono a questa norma, integrando e completando quanto si legge nel Cammino Del Cinabro.

Nelle due lunghe interviste risalenti al 1969 e al 1971, tradotte per la prima volta in italiano dal francese, sollecitato dai suoi interlocutori, Evola spazia con gran disinvoltura dalle letture giovanili agli studi di matematica, dal futurismo al dadaismo, dai suoi rapporti con Guénon al confronto tra le proprie opere.

Non mancano nemmeno piccoli ritratti, come quelli di Marinetti ed Ezra Pound, nonché analisi critiche di fascismo e nazionalsocialismo. A emergere è soprattutto lo spirito di un uomo indipendente, allergico alle camarille del potere e agli intrighi di palazzo, che sopra ogni altra cosa teneva alla propria libertà interiore.

Corredano le interviste tre articoli usciti – sotto pseudonimo – sulla rivista Ur alla fine degli anni Venti, dedicati alla crisi che condusse il giovane filosofo sull’orlo dell’abisso, da cui riuscì a salvarsi per miracolo, come lui stesso dice, facendo luce su uno degli episodi più enigmatici della sua vita.

Oltre alle note e alle bibliografie, arricchiscono questa edizione due saggi di Andrea Scarabelli e Alessio de Giglio, una presentazione di Gianfranco de Turris e una selezione di scatti tratti dalle due interviste televisive.

 

 

 

Julius Evola (1898-1974), avvicinatosi giovanissimo all’arte d’avanguardia, si è poi dedicato alla filosofia, sino a giungere agli studi che lo hanno reso più famoso, vale a dire la morfologia delle civiltà e lo studio comparato delle religioni. Attento lettore di Guénon, ne ha declinato in modo personale il pensiero in opere come Rivolta contro il mondo moderno (1934) e Il mistero del Graal (1937). Traduttore di Weininger, Spengler e Jünger, intellettuale dal respiro europeo, si è occupato di metafisica del sesso e metapolitica, tantrismo e stoicismo. Tutte le sue opere sono pubblicate in edizione critica dalle Edizioni Mediterranee.

Non amo darmi titoli ma ne ho conseguito uno: dottoressa. Il che implica che io abbia una laurea; una soltanto, anche se i miei interessi spaziano in un territorio vastissimo che definirei " Al di là del deserto", (citando il titolo di un libro di uno dei più grandi filosofi contemporanei, a mio avviso... s'intende!!). Potrei dirvi che SONO una dottoressa, ma non lo farò, perché ESSERE qualcosa o qualcuno significa chiudersi in uno spazio troppo piccolo e privo di possibilità. Somiglio ad una cellula staminale, sono totipotente e VIVA! "So essere anche": Una leader eccellente, Moglie mai (se non per burocrazia), compagna di vita di Marco sempre, mamma, Amica, dottoressa, lettrice, studiosa, scienziata, ricercatrice, comica, autrice, artista, pessima bugiarda, Apple addicted, pasticciera, antropologa, curiosa, innovativa, testarda ....  E questa descrizione ovviamente non mi soddisfa ma: La modificherò secondo le necessità.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: