Cinema e Spettacolo,  Segnalazione

Segnalazione: 33 giri: Gli anni ottanta. Guida ai cantautori italiani, di Mario Bonanno, Pignauno.

33 giri. Gli anni ottanta. Guida ai cantautori italiani. Book Cover 33 giri. Gli anni ottanta. Guida ai cantautori italiani.
Mario Bonanno
Cinema e spettacolo
Pignauno
1 Aprile 2019
Brossura
138

“Gli Ottanta sono riconosciuti come gli anni del Riflusso, della grande fuga dall’impegno di massa e dall’ideologia.”

 

33 giri. Gli anni ottanta. Guida ai cantautori italiani, di Mario Bonanno

In queste pagine Mario Bonanno racconta come sono andate le cose ai cantautori e alla nazione alla fine del decennio d’oro. Nel complesso, la canzone popolare segue l’andazzo, anche se non tutto è da buttare. Tra espressioni canoniche e nuove espressioni, la canzone d’autore al tempo del Riflusso è stata una galassia frastagliata. Nel bene e nel male ci sono stati dentro vecchie glorie e giovani meteore, poetiche biforcute e altre resistenziali, dischi-capolavoro e dischi-saponetta, apici qualitativi e cadute rovinose. Così, per un Camerini perso nell’Arlecchino rock, un Bennato in crollo creativo dopo Sono solo canzonette e un Venditti colpito dallo tzunami cuore/dolore, si assiste alla rinascita artistica di Iannacci, alla maturità di Ivano Fossati e franco Battiato e alle promesse divenute realtà (Mario Castelnuovo, Ruggeri, Alice e Sergio Caputo) affiancate dalle importanti riconferme di Gaber, De Gregori, Conte, De André, Guccini, Vecchioni e Pierangelo Bertoli.

 

 

Mario Bonanno è autore di articoli e saggi sulla canzone d’autore. Fra i suoi ultimi libri, pubblicati con Stampa Alternativa: Che mi dici di Stefano Rosso? Fenomenologia di un cantautore rimosso; Rosso è il colore dell’amore. Intorno alle canzoni di Pierangelo Bertoli; Io se fossi Dio. L’Apocalisse secondo Gaber; La musica è finita e molti altri.

 

Non amo darmi titoli ma ne ho conseguito uno: dottoressa. Il che implica che io abbia una laurea; una soltanto, anche se i miei interessi spaziano in un territorio vastissimo che definirei " Al di là del deserto", (citando il titolo di un libro di uno dei più grandi filosofi contemporanei, a mio avviso... s'intende!!). Potrei dirvi che SONO una dottoressa, ma non lo farò, perché ESSERE qualcosa o qualcuno significa chiudersi in uno spazio troppo piccolo e privo di possibilità. Somiglio ad una cellula staminale, sono totipotente e VIVA! "So essere anche": Una leader eccellente, Moglie mai (se non per burocrazia), compagna di vita di Marco sempre, mamma, Amica, dottoressa, lettrice, studiosa, scienziata, ricercatrice, comica, autrice, artista, pessima bugiarda, Apple addicted, pasticciera, antropologa, curiosa, innovativa, testarda ....  E questa descrizione ovviamente non mi soddisfa ma: La modificherò secondo le necessità.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: