Fantasy,  Horror,  Review party

Review Party: Sun moon- antichi segreti di Freya Ballada

Sun moon- antichi segreti Book Cover Sun moon- antichi segreti
Freya Ballada
Fantasy, romance
ebook
232

Tutti i bambini che nascono su quest’Isola hanno un potere. Ma Emily ed Eduard sono speciali perché sono gli unici a poter controllare rispettivamente il potere della luna e del sole. Proprio per questo si reincarnano sempre.
Questi due poteri, frutto dell’unione tra la luce e l’oscurità, all’improvviso si separano.
Tra Eduard ed Emily scocca una scintilla che potrebbe aiutarli a scoprire la verità che si cela dietro i numerosi misteri che riguardano le loro vite passate. Ma, ogni volta che lei si lascia andare, nella sua mente compare l’immagine di Eduard che sta morendo e non ne comprende il perché. Riuscirà a capire il motivo della amnesia riguardante le sue vite passate?
Nel frattempo una forza oscura si risveglia e minaccia l’Isola. I due giovani dovranno combattere contro un immortale che brama vendetta. Riuscirà Emily a proteggere l’amata Isola dal male che incombe?
Non sempre ciò che noi pensiamo essere il male lo è veramente.

 

“Dove c’è la luce, deve esserci l’ombra, e dove c’è l’ombra, deve esserci la luce”.  Non esiste ombra senza luce, né luce senza ombra”.

Il libro si apre con una leggenda dell’Isola in cui è ambientato il romanzo, per poi venir catapultati nel romanzo. I protagonisti del libro son Emily e Eduard, due giovani ragazzi che si ritroveranno per una serie di circostanze a dover condividere la casa.

Il romanzo è narrato dal punto di vista di Emily, la protagonista, ragazza con poteri magici che ad ogni reincarnazione si alternano (nel libro ora ha il potere della luna mentre nella vita passata possedeva quello della sole). Questa alternanza non vale solo per i poteri ma anche per la sua vita privata: infatti in ogni vita sarà perdutamente innamorata del protagonista maschile Eduard. Ma questa volta è diverso anche se non lo si percepisce fin da subito e l’autrice è stata brava su questo aspetto: è riuscita fino a metà libro a lasciare aperta ogni possibilità e ha giocare tra atteggiamenti e parole, tra il filo del detto e non detto.

Mi sento di fare però una precisazione: nel carattere narrativo, soprattutto quando si tratta di Emily, ho notato che l’autrice tende ad eccedere un pochino, a mio avviso, con le descrizioni sugli abiti di tutti i personaggi: mi sono chiesta più di una volta che senso avesse con gli avvenimenti che sono narrati.

Il personaggio di Eduard fin da subito denota il suo carattere ambiguo, è certamente un bel ragazzo ma ha qualcosa di strano che verrà svelato a fine libro con una rivelazione scioccante!

Confesso di essere rimasta stupefatta dal finale, anche se per come procedeva la narrazione ha tratti l’ho trovata un po’ scarna di eventi e quindi non del tutto scorrevole.

L’ambientazione è caratteristica, descritta minuziosamente e quando Emily si relaziona con la natura, soprattutto di notte, sembra di essere nei luoghi, negli spazi narrati. Molto coinvolgente.

Un elemento critico però l’ho trovato nella storyline: seguendo la leggenda iniziale, come lettrice mi aspettavo di assistere ad una battaglia epica del bene contro il male. Invece il finale si è rivelato un po’ sbrigativo e a tratti scontato.

I personaggi secondari ma di rilievo, come Marcus, Trina, Nina e Ben, sono descritti con lo stesso modus (sempre dai dettagli dei vestiti come lunghezza e colori) ma si evince il loro profondo legame con la protagonista. L’autrice è molto abile a far trasparire le emozioni dei personaggi nelle loro interazioni. Marcus è il capo villaggio, molto legato ad Emily essendo il suo mentore, segue la ragazza fin da quando era piccola. Nutre verso di lei profondo affetto e rispetto: ha in mente di aiutarla a governare il suo potere e farla diventare ancora di più una brava guerriera. Ogni volta che lei ha bisogno lui è lì per sostenerla e prepararla all’imminente battaglia.

Un altro elemento che mi ha lasciata un po’ perplessa sono i diari che la protagonista possiede, scritti da lei nelle vite precedenti. L’idea di un coinvolgimento e salto temporale presente-passato era una buona idea, ma non ho compreso a pieno la loro utilità: parlano di una Emily innamorata persa di Eduard, ma non svelano nulla sul suo rapporto con Oblivion, il personaggio antagonista del romanzo.

Ho fatto un po’ di fatica verso la fine del libro a capire la connessione tra Emily, Eduard e Oblivion (che è stata ripresa in due momenti diversi non consecutivi). Probabilmente è stato questo elemento a rendermi difficile il coinvolgimento nel finale, che a mio parere non è stato molto efficace.

Non ho trovato errori di sintassi o grammaticali, è scritto con cura ma, a tratti, ho avuto l’impressione che l’autrice non sapesse che direzione far prendere alla vicenda, per questo infatti il finale è un po’ sbrigativo. Mi sento comunque di dare 3 stelline al libro.

 

Freya Ballada è una romantica e l’unico modo che conosce per far vivere i suoi sogni è quello di metterli per iscritto.
Ha ventuno anni e spera di trovare la sua anima gemella. Vive a Cagliari con i suoi due gatti e la sua cagnolina.
Fin da piccola aveva l’hobby della scrittura. Negli anni lo ha coltivato fino a farlo diventare una vera e propria passione.
Ha già pubblicato la saga di The Curse.

Appassionata di libri, soprattutto di romanzi rosa e fantasy. Mi piace immergermi in un libro e viaggiare con la fantasia. Per me la lettura è un modo per evadere dalla vita di tutti i giorni e imparare nuove cose.

Un commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: