Anteprima,  Dark Romance,  Erotico,  Libri,  Mistero,  Recensioni,  Romantic-suspense,  Romanzo,  Romanzo contemporaneo,  Romanzo Rosa,  Saga familiare

Review Party: “Inganno mortale (The series of deceptions #4)” di Brenda Mill

Inganno mortale Book Cover Inganno mortale
The serie of deception #4
Brenda Mill
Erotic Romance
Self-publishing
cartaceo, ebook
283

Nessun riscatto. Nessuna possibilità. L'amore diventa odio. Il buono si trasforma in cattivo. Colpevole o innocente? Un' unica certezza. Daniel Green non è morto. Purtroppo per chi ha ostacolato in ogni modo la sua unione con Phoebe Stone, è proprio così. Un padre senza figli, un marito senza moglie, un magnate senza industrie. Non c'è nulla di più terribile per macchiare una coscienza ormai dannata. E se niente è come sembra, meglio prepararsi. Lord Black sta per tornare e lasciare un segno indelebile nella vita di ognuna delle persone che l'hanno ostacolato. Dereck Moore, dal suo canto, non si lascerà di certo intimorire proprio nel momento in cui rischia di ottenere un potere molto più grande di lui. I ricchi e i poveri si confonderanno. I giovani si uniranno agli adulti. Vecchie conoscenze usciranno di scena in maniera clamorosa.

Tutti o quasi... avranno la propria rivincita. Ma a quale prezzo? Quanto ancora dovranno pagare? Il lieto fine non esiste, è solo una leggenda, mettetevelo bene in testa. Lo sanno molto bene i coniugi Green, lo sapete anche voi... Perché se c'è un unico sentimento che vale la pena inseguire nonostante tutto il dolore che esso stesso può generare, è l'amore. Quello onesto e sincero, desiderato e ostentato, che può vincere qualsiasi ostacolo compresa la morte...

 

“Si dice che il bene generi altro bene e che la sofferenza vada in qualche modo ripagata. Si dicono molte cose… la maggior parte di esse sono sbagliate. La mia vita, infatti, non è così perfetta come sembra. Tutti mi invidiano, tutti vogliono essere me: stanno sbagliando, perché non c’è niente di più errato, desiderio più contorto. Sono stata raggirata ancora. Mille torti, mille inganni e non riesco a distinguere il bene dal male, il falso dal vero”.

 

Shoccante, devastante e intrigante più che mai. Ma partiamo dall’inizio…

Dopo una lunga attesa, Brenda Mill ci regala il quarto capitolo della saga The series of deceptions, il penultimo.

C’è un solo modo, Phoebe, per scoprire cosa è successo, ed è salire ai vertici della confraternita. Non sei così debole, la tua famiglia è predestinata a qualcosa di grande, lo siamo tutti. Il destino non si avvera con una profezia, ma con la volontà. Una sola cosa può riunirti a lui ed è la vendetta. Fai di quest’arma, potente e affascinante, la tua vittoria.

Phoebe è alla ricerca della sua personale vendetta verso colui che ingannandola le ha rapito i figli.

Dopo la sconvolgente scoperta che suo marito, Daniel Green, non è morto ma è vivo e soprattutto deciso a riprendersi la sua vita, Phoebe si troverà a combattere contro tutti e tutto.

Il nemico si annida ovunque e non ci si può fidare di nessuno. La storia si complica sempre di più, accanto ai soliti protagonisti, alcuni dei quali saranno solo delle meteore in questo volume, se ne affiancano altri, pochi a dire il vero, che faranno da contorno ai segreti che di celano dietro alla “bene vixit qui bene latuit”. Molti si riveleranno per quello che realmente sono: falsi, doppiogiochisti e arrivisti; altri ci stupiranno per il loro cambio “di casacca”.

La scrittura è fluida, vivace e inchioda il lettore alle pagine.
La trama è molto arzigogolata, ricca di colpi di scena e cambiamenti di fronte repentini.

Verrà un tempo confuso in cui il bene e il male si sovrapporranno. I giochi di potere si moltiplicheranno. Il più grande, diverrà il più piccolo. I potenti si uniranno agli oppressi, i ricchi ai poveri, gli sfruttati agli sfruttatori. Niente avrà inizio, tutto avrà fine. La bene vixit qui bene latuit verrà distrutta per opera di mani candide e pure che si imbratteranno anche esse. Il potere si sa, vuole altro potere. Non c’è fine a ciò che l’uomo può distruggere.

Durante la lettura, come per i precedenti tre libri, ho provato varie emozioni: tristezza, gioia, tenerezza; ma il sentimento che prevale, come sempre, su tutto, è la rabbia intervallata al dolore. Rabbia verso il comportamento degenerato di alcuni personaggi; rabbia verso il sistema che permette certi atteggiamenti. Ho provato una forte empatia per Phoebe, costretta a subire violenze di ogni genere per cercare di salvare i propri figli dalle grinfie sadiche di Dereck Moore.
Non tutto però è come sembra e molte cose cambieranno,

Si sa, le cose non sono mai come appaiono. Il nero diventa bianco. Il vero diventa falso. Il buono diventa cattivo. Ora vedo chiaramente tutto ciò che i miei occhi in questi anni hanno tentato di oscurare.

Non resta che attendere il quinto e ultimo volume della serie per mettere la parola fine a una storia che mi ha tenuta incollata alle pagine. Al contrario di quanto si possa pensare, gli eventi che accadono nei vari volumi sono tutti molto coinvolgenti e per niente ripetitivi. Ogni romanzo è il racconto di una parte di vita dei personaggi e vi conquisterà.

Una domanda che mi assilla da quando ho iniziato a leggere i libri della Mill è: ma questi accadimenti sono solo frutto di una fervida immaginazione oppure, magari solo in parte, possono essere ispirati a fatti reali che accadono in certi ambienti? Voi cosa ne pensate? Io non sono ancora riuscita a darmi una risposta.

 

 

I molteplici impegni famigliari (ho due figli stupendi oltre ad un marito e a un cane) mi hanno sottratto per un lungo periodo ad una delle mie più grandi passioni: la lettura (oltre alla pallacanestro -amore questo condiviso con mio marito, allenatore, e mio figlio, arbitro, che ci ha portato a creare una nostra società dove ricopro il ruolo di presidente). Ora complice un infortunio che mi costringe a diradare i miei impegni fuori casa (non posso guidare) sono “finalmente” riuscita a riprendere un libro in mano! Il fato, insieme ad un post di Kiky (co-fondatrice de “La bottega dei libri” che conosco da oltre 20 anni) pubblicato su Facebook han fatto sì che nascesse la mia collaborazione con “La bottega”, collaborazione che quotidianamente mi riempie di soddisfazione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: