Libri,  Recensioni,  Review party,  Romance,  Romanzo

Review Party: “I sogni di Alice” di Elisa Murra, Literary Romance

I sogni di Alice Book Cover I sogni di Alice
ElIsa Murra
romance
Literary Romance
20 maggio 2021
cartaceo, ebook
217

Alice ha alcune certezza nella vita: 1) i suoi genitori sono strambi; 2) non si separerà mai dal suo migliore amico Alex; 3) ricorda tutti i sogni che fa la notte e non manca mai di trascriverli in un diario; 4) vuole fare l’attrice.

A vent’anni, piena di speranze ed entusiasmo, si trasferisce a Milano, città ricca di opportunità per chi come lei vuole studiare recitazione, e luogo in cui Alex frequenta l’università. Insomma è tutto perfetto… o forse no?

Tra vicini di casa bizzarri, un nuovo amico dal fascino orientale ma gay, una compagna di studi altezzosa e un misterioso sceneggiatore, la vita di Alice non è mai noiosa e nulla ha da invidiare agli assurdi sogni che le tengono compagnia la notte.

Con uno stile allegro e frizzante, Elisa Mura ci narra con leggerezza e sagacia, le tragicomiche avventure di Alice… non sempre nel paese delle meraviglie.

 

“Credi nei tuoi sogni, non importa quanto possano sembrare impossibili”

Walt Disney

 

Alice ha un sogno: diventare una grande attrice. Dopo aver fatto una  tournée con una piccola compagnia teatrale, decide di raggiungere a Milano il suo fidanzato, nonché migliore amico dai tempi delle medie, per inseguire il suo sogno e frequentare un’accademia di recitazione. Quando arriva a Milano, però, l’aspetta più di una sorpresa.

Alex le confessa di aver perso la testa per un ragazzo giapponese, scoprendosi omosessuale. La cosa sconvolge parecchio Alice, ma allo stesso tempo la conforta perché finalmente lo vede sereno e felice. Come se non bastasse, la scuola in cui doveva recarsi per fare un colloquio per essere ammessa ha commesso errori tecnici con i nominativi. Morale della storia: non può più entrare a farne parte.

Alice è disperata e sconfortata senza un posto dove stare. Ha però due amici, Alex e Kei, pronti ad aiutarla e a sostenerla. I tre ragazzi iniziano, così, a condividere un appartamento insieme in una palazzina un po’ rocambolesca.

COMMENTO PERSONALE

I sogni di Alice è un romanzo scritto in prima persona da Alice stessa. Un linguaggio molto semplice e lineare permette al lettore di sentirsi molto vicino alla storia e a tutti i suoi protagonisti.

È un racconto ironico e divertente e spesso, durante la lettura, mi sono ritrovata a ridere a crepapelle.

Alice è una ragazza forte e determinata. Ha un sogno fin da bambina ed è decisa a fare di tutto per realizzarlo, superando i diversi ostacoli che si trova davanti. È un bell’insegnamento quello che l’autrice dà: non demordere e fare di tutto per raggiungere i propri obiettivi, soprattutto se sospinti da amore e passione.

“È difficile spiegare che cosa provo, ma sul palco mi sembra di diventare leggera come una nuvola, come se non fossi più io”

Alex e Kei, in questo percorso, si rivelano fondamentali. Non lasciano mai sola Alice, sono sempre al suo fianco pronti a sostenerla in tutto, cominciando proprio dalla scelta di condividere l’appartamento insieme. Cosa che, per altro, creerà innumerevoli fraintendimenti molto divertenti. In loro, Alice trova una seconda famiglia, molto più di quella fuori dagli schemi che l’aspetta a casa, a Genova.

“Ogni tanto, per ridere, fingevamo di essere una famiglia, in cui loro erano i miei due padri. Erano battute, ma per me, adesso, sono davvero come una famiglia”

L’appartamento scelto si trova in una palazzina vicino al Parco Sempione. Gli altri inquilini del condominio sono tutti personaggi diversi e con caratteri molto particolari. Le anziane e pettegole gemelle, sempre con l’orecchio sull’uscio semi aperto per poter origliare; Gina, la ragazza dalla perenne allergia; Silvia, bambina un po’… vivace. Infine Andrea, giovane enigmatico ed ombroso, un vero e proprio uomo del mistero che riuscirà a risvegliare il cuore di Alice.

È proprio questo mix esplosivo di personalità bizzarre che darà vita a molte delle situazioni tragicomiche che si verificano.

Sarà proprio una delle tante marachelle di Silvia a mettere le basi per un incontro molto particolare tra Andrea e Alice. Così, l’uomo misterioso finalmente si svela piano piano, entrando nel cuore delle lettrici più romantiche.

Alla fine di alcuni capitoli vengono riportati alcuni sogni che la protagonista fa. Talmente sembrano reali che decide di scriverli in alcuni diari.

Un bel libro, ironico e frizzante; non fa di certo annoiare, anzi tutt’altro. Fa ridere e sorridere, cosa rara di questi tempi. Mi è  proprio piaciuto. 5 stelle.

E voi, bottegai, avete dei sogni nel cassetto? Siete riusciti a realizzarli?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: