Forse eri tu il mio destino Book Cover Forse eri tu il mio destino
Michela Soprano
Romance
Self-publishing
21 marzo 2020
ebook
253

I sogni son desideri.
Diventare un medico degno del cognome di famiglia per Ollie significa tutto. Suo padre le trasmise la passione e la dedizione per il suo lavoro fin da quando era solo una bambina. Impegno e sacrificio la porteranno ad indossare il tanto ambito camice bianco. A soli 28 anni dimostra le sue capacità, la sua prontezza di reagire a casi difficili e ad ottenere una collaborazione nell’ospedale più famoso di New York.
Gli odori di casa, i colori, le persone, i suoi affetti, tutto le mancherà della sua amata Italia ed è per questo che non vede l’ora di riprendere il volo, ma qualcosa o meglio qualcuno le darà un motivo per rimanere. Duncan Kay non è solo il chirurgo di traumatologia bello e scostante nonché suo collega, ma diventerà colui che trasformerà Ollie da ragazza timida, un po' adolescenziale a donna sicura di sè. Insieme a Duncan toccherà le vette dell’erotismo, della passione, scoprirà quanto potente sia l’attrazione.
Il destino però, come in passato, proprio nei momenti più belli e sereni colpirà la sua vita in maniera brusca e inaspettata. Riuscirà a tessere un destino tutto suo? Ollie sarà in grado di andare oltre la razionalità e lasciarsi trasportare dall’emotività e dai suoi sentimenti per cominciare a vivere sul serio?

“Penso che l’amore non si possa controllare, né programmare. Forse era destino che succedesse.”

 

Ollie è una bambina felice e fortunata. Vive in una famiglia benestante e circondata dall’amore dei suoi adorati genitori. L’unico desiderio che ha è quello di diventare, un giorno, come il suo amato papà e aggiustare i cuori.

L'Allegro chirurgo - 10 giochi da tavolo per bambini: cosa fare in casa ai tempi del Coronavirus - Magazine

Tutta la sua vita, però, viene stravolta all’improvviso dopo un incidente. Da quel momento tutto il suo mondo sarà incentrato su unico obbiettivo: rendere orgogliosi di lei i suoi genitori ed essere degna del cognome che porta.

La medicina diventò la mia ossessione. La mia droga. Il mio tutto, e a soli vent’otto anni diventai una vera e propria macchina da guerra.

È difficile, però, affermarsi i un mondo in cui tutti credono che i traguardi faticosamente raggiunti siano dovuti solamente alla fame del padre. Ollie, dalla sua ha carattere da vendere e lavorando sodo riuscirà a far vedere il suo talento e la sua bravura fintanto che un giorno viene chiamata da un prestigioso ospedale di New York per prendere parte ad un importantissimo e delicato intervento.

Qui le cose prenderanno fin dall’inizio una piega diversa. Tra un intervento e l’altro riesce finalmente a lasciarsi andare a diverse emozioni, trovare degli amici e finalmente una persona da amare.

Sembra, però, che la vita non abbia ancora finito con le brutte sorprese e nuove sfide sono dietro l’angolo.

 

COMMENTO PERSONALE:

York Teaching Hospital NHS Foundation Trust - Where Are We?

La storia è narrata in prima persona con un punto di vista alternato. E’ scritta in maniera fluida e semplice con un ritmo veloce che rende la lettura molto piacevole. I protagonisti sono tutti ben costruiti con carattere proprio e mai messi in secondo piano rispetti ai due principali.

L’argomento principalmente trattato è la nascita della storia d’amore tra Ollie e Duncan. Il primo dovrà ricredersi dal giudizio affrettato espresso la prima volta che incontra la bella dottoressa. Ollie, invece dovrà lasciarsi andare e cominciare a provare nuovamente emozioni.

Questa ragazza rappresentava tutto quello che odiavo delle persone la cui vita era stata facilitata dal denaro e da un buon nome come il suo. Al contrario di quelli come me cresciute per le strade di New York , con una famiglia disastrata alle spalle da cui fuggire per avere una vita migliore.

Gli ostacoli che si frappongono fra loro sono molti. Primo fra tutti le menzogne e gli inganni, altro tema ampiamente sviluppato.

Per portare avanti questa storia d’amore è necessario, da parte di entrambi, mettere da parte l’orgoglio e lasciare che il sentimento che provano esploda in tutta la sua meravigliosa potenza.

Altro tema toccato è quello delle ingiustizie e delle violenze subite soprattutto negli ambienti di lavoro . Vige ancora, purtroppo, lo stereotipo della donna vista come facile conquista, colei con la quale tutto è permesso e concesso soltanto perchè si occupa una posizione superiore.

Non lo fece. Non ascoltò la mia supplica, anzi continuò su per la coscia. «Perchè tante storie De Luca dovresti essere lusingata. Ti ho scelto tra le tante candidate che avevano fatto domanda per venire qui, ti ho fatto rimanere e adesso è arrivato il momento per ringraziarmi per tutto questo. Non trovi?»

Mi ha ricordato vagamente la trama delle prime stagioni del famoso telefilm Grey’s Anatomy, ma l’ho trovata una storia molto bella, ben scritta ed estremamente piacevole da leggere. 5 stelle.

 

 

L’autrice

Michela Soprano è nata il 17 febbraio 1990 a Velletri in provincia di Roma. Diplomata in perito informatico e successivamente qualificata Onicotecnica. La sua passione per la lettura l’ha portata a cimentarsi con la scrittura. Figlia di due genitori a cui vuole un gran bene; sorella di due uomini forti che ama; la zia pazzarella e rompiscatole di quattro nipotine fantastiche e moglie di un uomo che non cambierebbe per tutto l’oro del mondo. Si reputa una persona semplice e con dei valori che le sono stati tramandati dalla sua famiglia e che vorrebbe trasmettere poi un giorno ai suoi figli. Lavora come collaboratrice familiare. Ama cucinare. Amichevole, scherzosa, amorevole ma anche permalosa, testarda e caparbia. Non si accontenta di ciò che la vita le ha riservato, cerca sempre di reiventarsi e crearsi un mondo tutto suo.