Libri,  Narrativa,  Recensioni

Recensione: “Vite strappate in Italia dagli anni’70 ad oggi” di Antonella Betti, Editrice Italia Semplice

Vite strappate in italia dagli anni '70 ad oggi Book Cover Vite strappate in italia dagli anni '70 ad oggi
Antonella Betti
Narrativa
Editrice Italia Semplice
1 gennaio 2019
Kindle,cartaceo
272

Vite strappate in Italia dagli anni '70 ad oggi

Libro inchiesta sulle testimonianze dei "sequestri di Stato" , ovvero gli allontanamenti coatti dei minori dalle loro case d'origine.

Vite strappate in Italia dagli anni ’70 ad oggi

Un’infanzia rubata

Oggi vi parlerò di “Vite strappate in Itali dagli anni’70 ad oggi” di Antonella Betti, un libro che tratta un argomento molto complesso e delicato: quello degli allontanamenti dei minori dai propri genitori e dalle famiglie d’origine. Negli ultimi anni notizie di questo genere hanno fatto il giro dei telegiornali, delle trasmissioni televisive, di internet, di giornali. Penso che tantissimi sono venuti a conoscenza di ciò che è accaduto presso alcuni istituti che si occupano di minori in difficoltà.

 

Sono sincera, non è facile recensire questo genere di libro in quanto tratta una questione delicata ma farò del mio meglio.

 

Parto dicendo che l’autrice ha uno stile semplice e questo conta molto in quanto l’argomento è già di per sé difficile e potrebbe risultare un po’ complicato. Invece è riuscita a spiegare molto bene anche i dettagli tecnici che ai più, come me, sono sconosciuti.

 

Troviamo tra le pagine delle parole evidenziate.

Sono parole forti. 

Parole dure.

Parole che colpiscono.

Ti restano dentro.

Ti fanno riflettere.

 

 

Lo scopo di questo libro è difendere prima di tutto i bambini, la cui infanzia è stata rubata molto spesso proprio da chi doveva difenderla. In queste pagine l’autrice ha dato voce a coloro che non vengono nemmeno ascoltati.

Le storie che vengono raccontate sono storie vere e leggendole ci si rende conto che ciò che è accaduto a loro potrebbe accadere a chiunque.

In questi racconti si capisce che si è cercato e, purtroppo, trovato un pretesto qualunque pur di allontanare il minore dai genitori, dalla propria famiglia, dalla propria casa.

Perché? Per quale ragione? Era sempre davvero giusto? O dietro ogni allontanamento c’era qualcosa di più? Forse solo scopi economici? Sembrerebbe di si.

Dagli anni ’70 ad oggi sono stati sottratti un numero enorme di minori alle loro famiglie, molte volte anche illegalmente senza validi motivi.

 

 

Mi sento di fare i complimenti all’autrice per il coraggio, la determinazione, la passione, la sensibilità che ha messo in questo suo egregio lavoro.

 

Consiglio di leggere “Vite strappate in Italia dagli anni ’70 ad oggi” perché questo è un libro che BISOGNA leggere. Bisogna leggerlo attentamente per riuscire a capire bene ciò che è successo e per fare in modo che non succeda più nulla di simile a nessun bambino.

Buona lettura

 

 

Antonella Betti è assistente sociale, Giornalista-Pubblicista, Scrittrice, Criminologa e Formatore.
Presidente Help & First Aid: Minori e Famiglie Roma O.N.L.U.S. Autrice del libro-inchiesta autobiografico vite strappate in italia dagli anni 70’ ad oggi. Attiva sul campo a rispondere ai bisogni, all’ emergenza sociale, a fenomeni di devianza e di emarginazione sociale, come a dare voce alle categorie più deboli, i cosiddetti “Invisibili”.

Sono sposata dal 2002 ed ho 2 figli. Sono una casalinga con la passione della lettura. Leggo di tutto ma adoro i thriller e i libri che raccontano la vita.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: