La moglie innocente Book Cover La moglie innocente
Amy Lloyd
Thriller
Newton Compton Editori
15 marzo 2018
ebook, kindle, cartaceo
332

La moglie innocente
Il thriller dell'anno per il Daily Mail
Ti fidi di lui. Allora perché ti fa così paura?
Vent’anni fa, Dennis Danson fu arrestato e condannato per l’omicidio di una ragazza nella Contea di Red River, in Florida.
Ora, dopo tanto tempo, sul web si sta diffondendo a macchia d’olio un documentario che rimette in discussione le indagini. Il popolo della rete invoca la liberazione dell’uomo, accusato ingiustamente.
A chilometri e chilometri di distanza, in Inghilterra, Samantha è ossessionata dalla storia di Dennis. Gli scrive delle lettere e si lascia sedurre dal suo fascino e dalla sua gentilezza. Tanto da decidere di abbandonare la sua vecchia vita per sposarlo e lottare ufficialmente per il suo rilascio. Eppure, quando la campagna ha successo e Dennis viene liberato, Samantha inizia a notare piccoli dettagli che le fanno temere di non aver mai compreso veramente l’uomo che ha sposato.
Davvero può essere sicura che sia innocente?
Un bestseller internazionale
Pubblicato in 17 Paesi
Diritti cinematografici acquisiti dai produttori di La ragazza del treno
«La musica dei cattivi presagi risuona fin dalla prima riga. Un thriller fantastico.»
Lee Child
«Scritto con ritmo impeccabile, il libro cattura abilmente la natura dell’ossessione e le sue conseguenze e culmina in un climax degno di Patricia Highsmith.»
Daily Mail
«Un thriller acuto e attuale.»
Sunday Mirror
«Starete svegli tutta la notte con La moglie innocente.»
Julia Heaberlin
«L’ho letto tutto d’un fiato.»
Hollie Overton

La moglie innocente

La verità prima o poi arriva

Vincitore nel 2016 del premio First Novel Competition del Daily Mail e di Penguin Random House, “La moglie innocente” è un thriller diverso dagli altri. Non ci troviamo davanti ad un classico giallo con un’indagine e tutto ciò che concerne essa. Non abbiamo ispettori, agenti di polizia, investigatori. Non ci sono nemmeno avvocati o giudici.

Il racconto è incentrato sul colpevole o sul presunto colpevole. Un uomo condannato alla pena di morte. Un uomo che aspetta di essere giustiziato nel braccio della morte. Un uomo accusato di aver ucciso vent’anni prima una ragazzina, quando anche lui era un ragazzo. Un uomo che non smette mai di dichiararsi innocente.

                    “L’uomo si voltò, con la mascella                                                                 tirata,

               e a Sam parve sul punto di scoppiare in                                                      lacrime.”

Ma è colpevole o innocente Dennis Danson? E questa è la domanda che si fa l’opinione pubblica. E se da un lato c’è chi è convinto della sua colpevolezza, dall’altro c’è chi è convinto della sua innocenza. E quindi vediamo manifestazioni che vedono contrapporsi innocentisti e colpevolisti che con costanza seguono il caso di Dennis Danson, il ragazzo di Red River.

“Assomigliava a un uomo che muore di sete e beve acqua di mare,

                         Sam non riusciva a farlo smettere.”

 

E tra gli innocentisti troviamo Samantha che, dopo aver seguito per anni la storia di Dennis, finirà per sua scelta ad essere totalmente coinvolta in essa.

            “In quel posto c’era qualcosa che lo                                            trasformava,

e Sam aveva la sensazione che stesse                                             trasformando pure lei.”

“La moglie innocente” è l’esordio di Amy Lloyd, autrice che mi ha favorevolmente colpita e che ho apprezzato molto. Un esordio più che soddisfacente. Una storia accattivante ed interessante che grazie ad una scrittura semplice riesce a coinvolgere il lettore in modo totalitario. Uno stile nel raccontare i fatti diverso da tanti altri autori. Punti di vista diversi dai soliti autori di thriller, rendono questo libro più che un thriller un romanzo. A coinvolgere così tanto sono i sentimenti dei vari personaggi. ci troviamo in una vera e propria storia d’amore. Un amore un po’ bizzarro. Un amore che nasconde molto altro. E di “nascosto” in questa storia  ci sono tante cose.

“In un mondo dove non erano concessi errori, lei ne aveva commesso uno madornale: aveva preso le parti dell’uomo sbagliato.”

L’autrice attraverso i suoi racconti riesce a farci conoscere il carattere e la personalità dei vari personaggi. Riesce a rendere interessante ognuno di loro. Dà un ruolo significante ad ogni personaggio. E ognuno di loro serve alla narrazione. Come servono i riferimenti ai libri scritti sul caso di Dennis e i riferimenti agli interrogatori. Questi risultano efficaci nella comprensione del caso, ma soprattutto instillano dei dubbi. E i dubbi si hanno fin dalle prime pagine e continuano per tutto il libro. E’ stato lui? O è stato qualcun altro? Il lettore cambierà spesso opinione e il finale porterà ancora più dubbi che lo lasceranno un po’ perplesso.

” Sam riconobbe il suo sguardo: il cuore straziato la rabbia e la tristezza. Ormai era una donna che non aveva nulla da perdere. E Sam capì che se n’era accorto pure Dennis.”

Il mio consiglio è di leggere “La moglie innocente” perchè è stata per me una lettura piacevole, interessante, facile, veloce e diversa.

Buona lettura

Amy Lloyd

Ha appena superato i trent’anni e vive a Cardiff. Ha esordito come scrittrice con La moglie innocente, romanzo vincitore nel 2016 del premio First Novel Competition del «Daily Mail» e di Penguin Random House: i diritti di traduzione sono stati venduti in 17 Paesi.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: