Un uomo a pezzi Book Cover Un uomo a pezzi
Francesco Muzzopappa
Racconti
Fazi Editore
27 agosto 2020
cartaceo, ebook
160

Come si argina un call center? Che c'entra il cadavere di Laura Palmer con un mercatino dell'usato? Cosa lega una pop star a un buco nei pantaloni?

Muzzopappa vi farà morire dal ridere portandovi a riflettere su come la vita, a volte, possa essere davvero paradossale.

Dalla maratona per la salsa fatta in casa, specialità meridionale, alla tortura di attraversare l'adolescenza indossando un busto ortopedico, ogni scheggia di quotidianità si trasforma in una cronaca feroce ed esilarante della società, con Muzzopappa per una volta protagonista, tra vicini di casa improbabili, surreali vacanze in Grecia e il passaggio traumatico da un parrucchiere del Sud a un hair stylist milanese.

“E poi, ancora, poco lontano, vasche da bagno, lavandini, piatti doccia e persino cessi. C’era gente che sradicava gabinetti dal proprio bagno e li portava in quell’hangar. Sembra incredibile, ma a quanto pare, come in tutte le cose, dove c’è offerta c’è anche domanda.
Cara, che ne dici se compriamo un water nuovo da Brico?

Ma sei matto? Prendiamone uno già provato per noi da qualcun altro. Prendiamolo usato.”

 

Non è un romanzo, non è un chick lit; è un insieme di racconti brevi che, sinceramente, assomigliano molto alle ciliegie o, per chi preferisce il salato, ai pop corn: uno tira l’altro.

Attraverso un spaccato della sua vita, relativa sia al periodo pugliese (quando viveva con i genitori) sia alla fase lombarda (periodo adulto), ci regala numerose risate .

La sua ironia è adorabile, il suo continuo prendersi in giro, enfatizzando la realtà vi travolgerà e soprattutto, almeno nel mio caso, vi catapulterà in flashback di vita vissuta, un po’ come le Madeleine per Proust, perché – diciamocelo – alcuni “pezzi” sono anche un pochino nostri.

Ho adorato tutti i racconti ma quello che mi è entrato nel cuore è “La salsa, in casa, in Puglia, d’estate”, in cui si racconta come si fa la salsa, in casa, in Puglia. Mi è piaciuto perché mi ha riportata indietro a quando ero poco più che adolescente e facevamo la salsa da parenti in Emilia.


Per noi pugliesi fare la salsa in casa è come andare al militare: un’esperienza che ti forma
e non vorresti mai più ripetere.
Mentre il resto del mondo civilizzato ha imparato a comprare pelati e passata industriale al supermercato, dalle mie parti è considerata una bestemmia. Ci si avvicina a quegli scaffali col crocifisso, recitando al contrario versetti in aramaico.

In Puglia la salsa VA fatta in casa.

Gli argomenti sono vari:  tagli di capelli, vacanze, massaggi o piccole manie della moglie Carmen. L’autore ha voluto regalarci, attraverso questi racconti esilaranti, la possibilità di conoscerlo meglio.

La scrittura è diretta, fluida. Ovviamente non vi è una trama con un inizio e una fine ma un fil rouge che collega il tutto: la voglia di mettersi in un certo senso a nudo.

Un piccolo capolavoro che vi farà letteralmente morire dal ridere, ma non solo.. vi farà  pensare, annuire, intenerire  e molto spesso riflettere.

Lo consiglio  a tutti, per  staccare dai problemi quotidiani, e farsi una grossa e grassa risata.

P.S: non conoscevo, prima di questo libro, l’autore ma sicuramente troverò il tempo di leggere qualcos’altro di suo. Ne vale veramente la pena!

Certe volte mi chiedo come mai, dopo aver inventato le essenze di violetta e ciclamino, la Ambi Pur non si sia dedicata alla produzione di diffusori allo Xanax, fragranza di cui, per come la vedo io, in certi ambienti di lavoro si sente la mancanza.

 

 

L’autore

Francesco Muzzopappa, nato a Bari ma milanese ormai da anni, è uno tra i più conosciuti e apprezzati copywriter italiani.
Per la categoria in cui eccelle, la pubblicità radiofonica, ha ottenuto numerosi riconoscimenti in Italia e all’estero.
Francesco Popolarissimi e molto amati i suoi romanzi, tutti pubblicati da Fazi Editore: Una posizione scomoda, il libro d’esordio uscito nel 2013, Affari di famiglia (2014), Dente per dente, pubblicato nel 2017 e vincitore del Premio Troisi nello stesso anno, e Heidi (2018): tutti i titoli sono stati tradotti in Francia dall’editore Autrement riscuotendo un grande successo di critica e di pubblico.
Recentemente, ha pubblicato per De Agostini un libro per ragazzi, Il primo disastroso libro di Matt.

 

 

Scritto da:

Cristina Marangio

I molteplici impegni famigliari (ho due figli stupendi oltre ad un marito e a un cane) mi hanno sottratto per un lungo periodo ad una delle mie più grandi passioni: la lettura (oltre alla pallacanestro -amore questo condiviso con mio marito, allenatore, e mio figlio, arbitro, che ci ha portato a creare una nostra società dove ricopro il ruolo di presidente). Ora complice un infortunio che mi costringe a diradare i miei impegni fuori casa (non posso guidare) sono “finalmente” riuscita a riprendere un libro in mano! Il fato, insieme ad un post di Kiky (co-fondatrice de “La bottega dei libri” che conosco da oltre 20 anni) pubblicato su Facebook han fatto sì che nascesse la mia collaborazione con “La bottega”, collaborazione che quotidianamente mi riempie di soddisfazione.