Libri,  Narrativa,  Studi culturali e sociali

Recensione: Si stava meglio. IN VIAGGIO CON MIA NONNA LUNGO UN SECOLO DI STORIA ITALIANA di Claudio Di Biagio. Rai Eri

Si stava meglio. IN VIAGGIO CON MIA NONNA LUNGO UN SECOLO DI STORIA ITALIANA Book Cover Si stava meglio. IN VIAGGIO CON MIA NONNA LUNGO UN SECOLO DI STORIA ITALIANA
Claudio Di Biagio
Narrativa
Rai Eri
26 settembre 2018
ebook, cartaceo
220

La storia è sempre quella: si nasce, e poi si prova a vivere. Ci si innamora e si scopre il sesso e magari ci si sposa, oppure no, ci si perde, si divorzia. Si incontra un nemico e lo si combatte, oppure no, siamo noi il nemico. Si insegue la propria ambizione e si corona un sogno oppure no, si cade sul percorso, vittime dello stress. Poi invece capita che vai a pranzo da tua nonna e nel fumo della pasta "alla zozzona" ti coglie l'illuminazione: no, la storia in realtà è sempre diversa, dipende da come la racconti. Dipende dalla memoria. E allora, Claudio parte, deciso ad attraversare Roma in un viaggio con nonna Lea, inseguendo la storia e i pensieri di una generazione - quella degli over 70- con cui il dialogo gli appare più facile e fecondo che con quella dei padri. La vicenda di Lea si intreccia poi ad altre tre, liberamente reinterpretate a partire da lunghe interviste: quella di una giornalista battagliera, di un artista appassionato, di una sportiva innamorata del mare. Mentre il gioco sempre più intimo delle domande e delle rivelazioni trasforma un semplice viaggio in macchina in un'avventura picaresca, intrisa di realismo magico, Claudio tesse nel suo racconto la più dirompente delle verità: la realtà vissuta da uno è sterile, se non diventa esperienza regalata a tutti. E la sua generazione, così spesso definita "in crisi di futuro, respiro ed entusiasmo", ha bisogno di storie vere per crescere, ne ha bisogno come dell'aria, come della luce. Perché solo al ritmo della parola - reale, onirica, malinconica e ruggente - il cuore può tornare a battere.

IN VIAGGIO CON MIA NONNA LUNGO UN SECOLO DI STORIA ITALIANA

Dobbiamo collegare il filo dell’emozione al ricordo per fare del passato non solo una fotografia ma una realtà virtuale in cui giocare, piangere e ridere.”
Un viaggio lungo un giorno che attraversa una vita; la vita di una novantenne che continua a credere che tutto ciò che è stato e che sarà può portare a qualcosa di positivo.
Possiamo dividere il libro in due parti ben distinte: una è il viaggio di Lea e suo nipote Claudio, l’altra sono le interviste che quest’ultimo fa a tre personaggi particolari che hanno lasciato un segno nello scorso secolo. Iniziamo da questi ultimi, tre vicende completamente differenti tra loro ma che ci fanno scoprire realtà di luoghi d’Italia molto distanti sia geograficamente che culturalmente. I pochi capitoli che narrano di una sportiva piuttosto che di un artista o di una giornalista intraprendente ci mettono di fronte ad una realtà dove nulla era dovuto ma tutto doveva essere conquistato, situazioni ben diverse da quelle di Claudio e dei suoi coetanei sempre in crisi per il futuro. IN tutti e tre i casi nulla è lasciato in sospeso, descrizioni precise, ambientazioni molto accurate.
Affiancate a questi capitoli quelli dedicati al viaggio di Lea e Claudio: un giorno a bordo di una Smart per le vie di Roma alla ricerca dei ricordi di un passato lontano ma che desta ancora molte emozioni in Lea.
Descrizioni ben fatte, Di Biagio ci fa viaggiare sulla macchina con nonna Lea e ci fa assistere ai ricordi di novant’anni, ancora accesi e indelebili, anche se la fatica fatta per arrivare alla casa d’infanzia ci fa tenere ben presente che è una nonnina a guidarci per il suo quartiere, non più completamente a fuoco nei suoi ricordi e molto cambiato nella realtà.
Un accento particolare lo metterei sulla descrizione dei sentimenti e degli stati d’animo dei nostri due protagonisti, molto ben sviluppati in ogni frangente. Le situazioni che si vengono a creare sono molte, alcune un po’ sforzate, ed in tutte l’autore mostra la sua capacità nel mostrarci lo stato d’animo di Claudio e Lea.
Un bel libro, non facile, forse da leggere una seconda volta per apprezzarne le sfaccettature.
Claudio Di Biagio
Claudio Di Biagio Webtalent, Regista, Influencer, Conduttore Radiofonico, Autore e Sceneggiatore. Uno dei primi Youtuber italiani (230.000 iscritti), ha collaborato tra gli altri con i The Pills, The Jackall, Willwoosh, Clio, Martina Dell’Ombra. Nel 2014 ha diretto il fan film “Dylan Dog -Vittima degli Eventi” e la serie FREAKS! Collabora attivamente con Warner Bros, Sony, Netflix, Audible, HBO, Sky. Conduttore radiofonico e autore per Radio2, ogni sera con Claudio Lippi e Federico Bernocchi del programma “MeAnzianoYouTuberS”. Sta lasciando il web per dedicarsi completamente alla regia.

Leggo per diletto qualsiasi genere; è sempre stata una mia grande passione. Di una lettura mi colpisce sia una bella trama che una scrittura ricercata. Un romanzo rosa, un romanzo storico, della narrativa contemporanea non importa basta che non sia... fantasy! Il mio primo libro è... Eterno

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: