Giallo,  Recensioni

Recensione: “Segreti che uccidono” di Riccardo Landini, Newton Compton

Segreti che uccidono Book Cover Segreti che uccidono
Riccardo Landini
Giallo
Newton Compton
25 Marzo 2021
cartaceo, ebook
256

Il restauratore Astore Rossi riceve dall'amico Sergio Candurra una serie di mobili antichi da rimettere in sesto. Nascosti all'interno di uno di essi, Astore trova degli anelli, delle monete antiche e una lista di nomi, accanto ai quali sono vergate delle croci nere.

Quando qualcuno si introduce in casa sua alla ricerca degli oggetti misteriosi, il restauratore vorrebbe spiegazioni, ma Candurra fugge dal Paese, affidando alle cure di Astore la figlioletta, Isabella. Assieme alla bambina, Astore si trasferisce nello sperduto paesino appenninico di Garbano, dove si troverà invischiato in una fitta rete di segreti, tutti con al centro la misteriosa lista di nomi che, scoprirà ben presto Astore, appartengono ad abitanti di Garbano ormai deceduti. Abitanti su cui, a quanto pare, gravava una maledizione...

Trovare Candurra, proteggere sé stesso e Isabella da qualcuno che sembra minacciarli e svelare i segreti annidati a Garbano: saranno questi i tre obiettivi di Astore in un pericoloso gioco in cui a è come sembra.

“Mai avrei pensato di ritrovarmi nella situazione in cui mi sarei cacciato e mai avrei immaginato che tutto sarebbe nato da quella mattina del 25 Giugno in cui Sergio Candurra mi chiamò per avvisarmi del suo imminente arrivo in Via San Giorgio con un carico di mobili antichi”

 

Astore Rossi è un uomo solitario. La sua vita è stata molto difficile. Un solo errore lo ha portato a perdere tutto quello che aveva, gli amici, un padre che gli voleva bene, la sua vita tranquilla e spensierata. Si è ritrovato, così, a lasciare gli studi di medicina e a portare avanti una bottega in cui aggiusta e restaura mobili.

Di questa sua vita gli piace la tranquillità e, considerando i rapporti interpersonali che aveva avuto da ragazzo, ne apprezza anche la solitudine. Questa tranquillità, però, negli ultimi tempi è stata scossa da diversi eventi; hanno addirittura cercato di ucciderlo. Il suo lavoro lo ha portato ad incontrare persone poco affidabili. Tra i suoi amici fidati, invece, c’è Sergio che, quella mattina del 25 Giugno, gli scarica in bottega un carico di mobili antichi, tra cui una scrivania nella quale rinviene uno scompartimento segreto. Al suo interno ci sono delle monete d’oro, un paio di anelli e una lista di nomi. Se li mette in tasca e se ne dimentica, finché la stessa notte qualcuno entra nella sua bottega, senza rubare nulla.

Astore capisce che quello che ha tra le mani è l’inizio di un problema che non gli lascerà scampo. Dovrà per forza arrivare a svelare il mistero nascosto dietro a quegli oggetti. Sergio, poi, lo contatta dicendo che dovrà recarsi all’estero per degli affari e che gli lascerà in affido la figlia Isabella, che fino ad ora era vissuta con sua cognata a Napoli.

Questo inaspettato evento lo porterà a rivalutare il senso di “famiglia” che aveva perso sin da piccolo, quando era morta sua madre, e a non apprezzare più la solitudine in cui si era accomodato. Con Isa ed il suo amico Oscar, ignari di tutto, partirà per un viaggio alla ricerca dei nomi sulla lista rinvenuta nella scrivania. Un viaggio che non sarà affatto semplice e che gli farà affrontare pericoli inaspettati.

Il libro è ben scritto, con un lessico ricercato e scorrevole. I colpi di scena non mancano e il lettore non può fare a meno di capire cosa succeda nella pagina successiva. Una volta finito il libro, vorresti leggere ancora di questo Astore e della sua vita. Vorresti saperne di più, come fosse un amico lontano che ti telefona ogni tanto per salutarti e ti racconta le sue vicende. E tu stai lì ad aspettarlo ansioso di sapere.

L’autore ha saputo renderci familiare questo personaggio, crearlo e farlo sembrare vivo e reale.

Avete mai trovato, in un vecchio cassetto, qualche oggetto misterioso? Vi siete messi alla ricerca della sua storia?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: