Libri,  Recensioni,  Thriller Psicologico

Recensione: “Scheletri nell’armadio” di Nicola Rocca, Ennerre

Scheletri nell'armadio Book Cover Scheletri nell'armadio
Nicola Rocca
thriller psicologico
Ennerre
cartaceo, ebook
301

Una vita normale.
Una fervida passione.
Un tradimento inconfessabile.
Un successo inaspettato.
Una giovane donna assassinata.
Una serie di prove schiaccianti.
Così, per Roberto Marazzi, si aprono le porte del carcere.

Roberto Marazzi, quarant’anni, sposato, un posto fisso.
E un sogno nel cassetto: sfondare con la sua passione, la scrittura, che finora gli ha procurato qualche riconoscimento, ma non lo ha messo a contatto con il grande pubblico.
Inaspettatamente, il nuovo thriller, Scheletri nell’armadio, scala le classifiche di Amazon, la più famosa piattaforma on-line, tenendo testa ai grandi nomi della narrativa internazionale.
I colossi dell’editoria fanno la fila per mettere le mani su quello che ha tutte le carte in regola per diventare il best-seller dell’anno.
Dopo un’attenta valutazione, Roberto firma il contratto con il più grande editore italiano.
Scheletri nell’armadio continua a scalare le classifiche, mentre l’autore, a poco a poco, si fa strada nell’olimpo degli scrittori affermati.
Proprio mentre Roberto si sta godendo il successo, un errore commesso quando ancora non era “famoso” viene a tormentarlo. Qualcuno lo ricatta: l’adulterio potrebbe costargli caro, se venisse a conoscenza della moglie.
Certo, se si trovasse all’interno di uno dei suoi romanzi, Roberto saprebbe come comportarsi: un colpo di pistola in testa. O un coltello dritto nel cuore. E tutto sarebbe risolto.
Purtroppo, questa non è una fiction noir. È la realtà.
La situazione precipita quando viene scoperto un cadavere.
Non ci sono dubbi: si tratta di omicidio.
Qualche settimana di indagini e la polizia ha il nome dell’assassino: Roberto Marazzi.
Per lo scrittore viene disposto un fermo, in attesa del processo.
I giorni in carcere sono lunghi; molti sono i dubbi che attanagliano il presunto assassino.
I problemi di memoria, che lo hanno tormentato per anni, tornano alla ribalta, arrivando al punto di fargli dubitare perfino della propria innocenza.
L’unica persona a credere in lui è la moglie Sonia, che farà di tutto per restituirgli la libertà.
Sarà un’ardua impresa, ostacolata da persone ostili, prove inconfutabili, accuse schiaccianti, menzogne, minacce, ma alla fine Roberto Marazzi potrà uscire dal carcere, grazie alla tenacia di Sonia.
La vicenda sembra conclusa nel migliore dei modi, ma in questo romanzo, così come nella vita reale, nulla è mai come sembra.
Perché il genere umano è più imprevedibile e crudele di quanto si pensi.

Scheletri nell’armadio è un thriller psicologico che vi fa sprofondare nell’angoscia più profonda. L’intreccio tiene alta la suspense e vi accompagna fino all’inaspettata e crudele verità.
Questa storia mette in mostra le debolezze, le paure e, soprattutto, le imperfezioni del genere umano. Perché, tutti quanti abbiamo degli scheletri dentro l’armadio. E se qualcuno pensa di non averne… be’, si sbaglia di grosso.

 

In ogni istante, ciascuno di noi è messo di fronte a un bivio. Ha di fronte due strade, e soltanto lui può decidere quale imboccare.

 

Roberto ha un grande passione: la scrittura.

Quando finalmente tutti i suoi sogni sembrano realizzarsi e la sua ultima creatura letteraria lo fa conoscere al grande pubblico succede però che tutti i suoi scheletri nell’armadio minaccino di seppellirlo.

Quando viene trovata morta una giovane donna a lui vicina, Roberto si ritrova intrappolato nelle maglie della giustizia, molte prove portano a lui, ma il nostro protagonista non ricorda nulla…

Davvero un thriller psicologico avvincente questo di Nicola Rocca, la cui storia tiene lettore incollato alle pagine come la carta moschicida fino all’ultimo, in un crescendo di ritmo e di adrenalina degno dei migliori romanzi appartenenti a questo genere.

Angosciante  vivere con il protagonista la sensazione di sentirsi accusato ingiustamente e nello stesso tempo dubitare di se stessi.

Piacevolissimo lo stile narrativo di Rocca che rende la lettura scorrevole e fluida, ben calibrata nei tempi e nel ritmo.

I personaggi sono ben approfonditi, il protagonista è pieno di chiaro scuri e fino alla fine ti chiedi cosa nasconda.

Per tutto il romanzo niente è come appare e le possibili soluzioni vengono lasciate aperte fino agli ultimi colpi di scena.

Ho apprezzato anche l’epilogo, di cui non posso dare dettagli per evitare spoiler, ma che fanno sorgere spontanea la domanda quanto la realtà è in grado di superare la narrativa?

 

L’autore

Nicola Rocca nasce a Bergamo il 23 settembre 1982.

Dopo la pubblicazione con due case editrici, decide di camminare con le proprie gambe, diventando un autore indipendente (con il marchio ENNEERRE) e affidando ad Amazon l’esclusiva per la distribuzione delle sue opere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: