Libri,  Saggio

Recensione: PILLOLE DI STORIA ANTICA di Costantino Andrea De Luca, Independently Published

PILLOLE DI STORIA ANTICA Book Cover PILLOLE DI STORIA ANTICA
Costantino Andrea De Luca
storico
Independently Published
13 dicembre 2018
ebook e cartaceo
254

Si stima che dall’8.000 a.C. ad oggi siano esistite oltre cento miliardi di persone. Un numero mostruoso, che racchiude una crudele verità: ciò che attualmente sappiamo della storia umana è solo un minuscolo tassello di un mosaico forse perduto per sempre. In questo libro, suddiviso in 250 pillole di storia, viene dato spazio anche a coloro il cui nome non è mai andato di moda, agli emarginati la cui fama sembra perduta tra le pieghe del tempo. E oltre a loro, tra le pillole si trova davvero di tutto: da grandi avvenimenti epocali che cambiarono per sempre la storia dell’uomo, a piccoli aneddoti divertenti, da antiche massime filosofiche a malinconiche storie d’amore. La maggior parte dei contenuti riguarda il periodo antico, ma vi sono anche delle eccezioni medievali, moderne e contemporanee.

“Ora che ho faticato e tanto vagato per le lande deserte, dovrò forse dormire e lasciare che la terra ricopra per sempre il mio capo? Che i miei occhi contemplino il sole fino ad essere abbagliati della sua vista. Benché io non valga ormai più di un uomo morto, che io contempli ugualmente la luce del sole”

 

Ho iniziato a leggere questo libro incuriosita; dopo un centinaio di pagine mi sono accorta che non avevo assimilato nulla di quello che fino a quel momento avevo letto.

Forse, mi sono detta, “retaggi di scuola… la storia antica… una noia mortale”.

Allora, ho ripreso dall’inizio il testo con un altro spirito e devo dire che mi sono appassionata e anche molto divertita.

Questo libro nasce in modo molto semplice: una pillola di storia  al giorno, come messaggio per un’amica; poi su facebook con un seguito di circa diecimila persone e poi il tutto messo su un libro… GENIALE.

250 pillole di storia antica poste in ordine cronologico, scollegate l’una dall’altra in modo tale da leggere qualsiasi pagina senza perdersi.

Grandi avvenimenti e piccoli aneddoti, divertenti, massime filosofiche e storie d’amore e di sesso. Parliamo del periodo antico ma ci sono delle pillole anche medievali, moderne e contemporanee.

Si parla di Annibale con i suoi elefanti per attraversare le Alpi; l’epopea di Gilgames con il villaggio in Anatolia con la sua economia avanzata ed una notevole cultura artistica, passando per il medico egizio verso il 2500 a.C. che per primo analizzò vari casi di tumori.

Troviamo la leggenda (del toro che sconfisse un malvagio drago) sulle origini del nome della città di Torino; di un villaggio nella regione caucasica che si può pregiare del primato della produzione del vino più antico mai rinvenuto; i sumeri con la loro bevanda amara (oggi birra) già nel terzo millenio a.C..

Inoltre l’ormai nota tra le sette meraviglie del mondo antico: la costruzione della piramide di Cheope oppure il più antico trattato di pace scritto della storia, tra l’impero egizio e l’impero ittita.

Come non parlare delle favole di Esopo, dell’antenato del moderno rugby; come oltre duemila anni fa Alcmeone di Crotone, a modo suo, aveva già compreso il funzionamento di un nervo ottico; oppure la storia di Timoleonte di Corinto (tanto a cuore al nostro scrittore) che salvò la Sicilia dal divenire territorio cartaginese.

Per finire cosa dire della prima biblioteca fatta costruire da Assurbanipal verso la metà del VII secolo a.C., per regalare all’umanità il bene, secondo lui, più prezioso: la conoscenza.

Parliamo di pillole semplificative e riassuntive; anche se l’autore ritiene un libro non adatto allo studio, credo invece, che per giovani poco inclini e poco pazienti verso la storia antica sarebbe un testo molto più interessante di tanti altri libri scolastici.

Concentrati di storia, un po’ come degli integratori, accentrati in poco spazio per ricaricare la mente.

 

Costantino Andrea De Luca nasce a Padova il 6 gennaio del 1995. La passione per la storia antica inizia da bambino, all’età di circa 10 anni: grazie al padre gli regalò il romanzo “Annibale” di David Anthony Durham. Si innamora così della materia, scoprendo le folli imprese di un uomo in grado di attraversare le Alpi con gli elefanti. Da allora colleziona testi storici di ogni tipologia, per lo più di autori antichi: Plutarco, Polibio, Seneca, Erodoto, Senofonte… lottano insieme a molti altri tra gli scaffali della sua libreria, tentando di farsi rileggere per l’ennesima volta. Nel dicembre 2017, per condividere questa passione anche con altre persone, decide di aprire una pagina Facebook condividendo un aneddoto storico ogni giorno. L’idea ebbe molto successo, la community crebbe e a distanza di un anno, ha toccato quasi 70mila persone su Facebook (Una pillola di storia antica al giorno) e circa 15mila su Instagram (Pillole.di.storia). Nel frattempo, tra un aneddoto storico e l’altro, studia economia all’Università di Padova.

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: