Libri

Recensione: “Niente tranne te” di Hellen C. Worth, Lettere animate editore

 

Quando l’amore ci sorprende

Perché la materia più importante che a scuola si dimenticano di insegnare è l’educazione ai sentimenti.  

 

Niente tranne te di [Hellen C. Worth]

Titolo: Niente tranne te
 
Autore: Hellen C. Worth
 
Editore: Lettere animate editore
 
Genere:  Romantico
 
Formato: Ebook
 
Prezzo: 2,99
 
Formato: Cartaceo
 
Prezzo: 16,15
 
Pagine: 306
 
Data d’uscita: 15 gennaio 2018
 
Link d’acquisto:

 

 

TRAMA

 

Un viaggio, l’occasione di Giulia per ripartire da capo e ritrovare se stessa.
L’incontro con Marco giunge inaspettato. Lei è fuoco, lui è ghiaccio. Non si sopportano, ma inevitabilmente si attraggono. Marco non è l’uomo adatto a Giulia. Troppi silenzi e misteri avvolgono quel sexy, rozzo contadino dagli occhi capaci di spogliarle l’anima. Ma Giulia ha imparato a lottare per ottenere ciò che così ardentemente desidera, e non si fermerà davanti a nulla. Sentimento ed azione immersi in ambientazioni da sogno. Forti sensazioni e colpi di scena vi accompagneranno lungo tutto il corso della storia, fino all’ultima, emozionante, pagina.

 

 
RECENSIONE
Leggere questo romanzo è stata un’esperienza catartica davvero. Dopo aver incontrato mio marito ed essermi finalmente spogliata di molte insicurezze del passato mi sono sempre chiesta se a 27 anni – la stessa età della protagonista, alla quale ho incontrato quello che sarebbe diventato il mio compagno di vita – ero io ad essere sbagliata o era il mondo a odiarmi. MI sono chiesta tante volte se io ero l’unica a tenere quel comportamento oppure ci fossero altre ragazze che come me mascheravano dietro una facciata di spensierata allegria e indifferente superficialità una profonda solitudine e la necessità quasi fisica di essere amata, essere pretesa, ricevere attenzioni e affetto. In questa bella storia ho visto me stessa, il rapporto con mia madre, la mia gelosia nei suoi confronti, i disturbi alimentari, le mie paturnie, le mie ansie, le mie fissazioni e idiosincrasie, e poi anche la mia rinascita, la scoperta di un porto sicuro, la lotta per tenersi stretto qualcosa per cui finalmente vale la pena combattere. E da qui a capire che non solo io e la protagonista siamo simili, ma un intero esercito di giovani donne vive le stesse esperienze emotive e di quotidianità, fa gli stessi incontri sbagliati e soprattutto si stima molto meno di quello che dovrebbe, il passo è stato brevissimo. Perché inserisco questo mio stralcio di vita in una recensione? Innanzitutto per rendere grazie all’autrice che scassina con il suo personaggio la convinzione di molte ragazze che sia il mondo, e il mondo maschile in particolare, a essere una cloaca abitata da coccodrilli quando in realtà siamo noi che ci mettiamo nella condizione di essere trattate come la seconda scelta. In seconda istanza utilizzo questo paragone per far emergere la maestria con la quale è stato tratteggiato il personaggio di Giulia, la protagonista, rendendola reale e calandola perfettamente nell’asentimentalismo imperante che purtroppo domina la nostra società. La superficialità dei rapporti fisici è inversamente proporzionale alla ricerca di attenzioni da parte di chi intreccia varie relazioni occasionali, nascondendo la frustrazione per la mancanza di amore dietro un’ostentata indifferenza sentimentale che è solo di facciata.
Dietro a questa magnifica protagonista un gruppetto di persone di cui si sa poco, un po’ per mantenere la suspance fino all’ultima scena – come nel caso di Marco, il protagonista maschile – un po’ perché l’autrice non vi si sofferma in modo puntiglioso, non li rende tridimensionali limitandosi a renderli funzionali ai protagonisti della storia. Ho avuto qualche perplessità sul titolo che ho compreso solo dopo averci riflettuto un po’. Lascio alle lettrici carta bianca per giudicare quanto sia calzante “Niente tranne te” in riferimento a una storia che vede crescere un amore forte come un cactus in un deserto di sentimenti.
( A cura di Pitti Duchamp)

 

VALUTAZIONE
AUTRICE

 

Hellen C. Worth

 



Recensore brioso e fuori dagli schemi. Scrittrice di romance storici e contemporanei, collezionista di pezzi vintage e di antiquariato, appassionata di burlesque è la voce fiorentina de ‘La bottega dei libri’. Preferisce leggere storici ma non disdegna libri di altro genere purché siano belli e scritti bene… chiamala bischera!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: