Giallo,  Recensioni

Recensione: “Nelle sue ossa” di Maria Elisa Gualandris, Bookabook

Nelle sue ossa Book Cover Nelle sue ossa
Maria Elisa Gualandris
Giallo
Bookabook
Marzo 2021
cartaceo, ebook
310

Durante un restauro, nella cantina di una villa sul lago vengono trovate ossa umane. Sono lì da almeno quarant'anni e nessuno ha idea di chi possano essere. La giornalista Benedetta Allegri si imbatte nella vicenda e spera che possa essere l'occasione per rilanciare la sua carriera precaria.

Aiutata dall'affascinante commissario Giuliani, scopre che le ossa sono di Giulia Ferrari, una studentessa scomparsa nel 1978 che nessuno ha mai veramente cercato. La procura ha fretta di archiviare il caso e cerca di far ricadere la colpa su quello che all'epoca era il fidanzato della ragazza.

Benedetta, però, intuisce che la sua tranquilla cittadina di provincia nasconde molti segreti ed è pronta a tutto pur di giungere alla verità e ottenere giustizia per Giulia.

“Un delitto è come uno strappo che rompe l’equilibrio del cosmo; come le piastrine che chiudono le ferite e bloccano l’emorragia, permettendoci di sopravvivere. Alla fine l’organismo va avanti, anche se segnato da cicatrici che non passeranno mai”

 

Benedetta Allegri è una giornalista precaria. È l’inviata, per la cronaca nera, del giornale on-line per il quale lavora. Un giorno, camminando per le vie del suo paese, in riva al lago Maggiore, si accorge che davanti a Villa Camelia ci sono delle auto della polizia, parcheggiate. Si informa e scopre che sono state ritrovate delle ossa.

Qualcosa inizia a muoversi dentro di lei. Deve dare giustizia alla creatura abbandonata nello scantinato di quella villa. In poco tempo, riesce a capire che la persona a cui appartengono quei resti altri non è che Giulia Ferrari. La ragazza risulta scomparsa da quel paesino 40 anni prima e nessuno, fino ad allora, si era mai impegnato a cercarla seriamente.

E nessuno sembra appoggiare la sua tesi, unitamente alle ricerche che fa: in particolare, queste iniziano ad essere ostacolate dalla polizia prima, e dalla famiglia proprietaria della villa, poi. Una volta avuta la conferma del DNA, Benedetta si ritrova a dover combattere da sola, per riuscire a dimostrare che Giulia non è stata uccisa dal suo fidanzato di allora, come sostiene la Procura, ma da un altro assassino ben più subdolo.

Alla fine, si troverà a giocarsi il tutto per tutto pur di non lasciare che Giulia venga seppellita senza aver scoperto la verità. Al suo fianco avrà gli amici di sempre, Viola e Francesco, la sua famiglia e, inaspettatamente, l’affascinate ispettore Giuliani, che cerca in ogni caso di darle una mano come può.

Il primo romanzo di Maria Elisa Gualandris la catapulta nell’olimpo degli scrittori di gialli. Molto ben scritto, la storia non è mai noiosa o affaticata. La scrittrice sa come tenere sulle spine il lettore e rende il personaggio di Benedetta vero e vivo, con le sue paure e la sua dignità.  Ci si ritrova a sentirsi vicini a questa ragazza, a cui sembra andare tutto male, a cui la vita riserva momenti difficili dai quali dovrà uscire solo con le sue forze e la passione per il lavoro. Aspettiamo, quindi, ansiosi la sua prossima avventura.

Voi che fareste al suo posto? Rischiereste tutto quello che avete per scoprire la verità in una vicenda che vi sta a cuore?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: