Senza categoria

Recensione “L’inganno: innocenti, prima di essere tradite” di Thomas Cullinan edito da De Agostini…


«Un racconto gotico dal fascino oscuro e febbrile. Resterete ammaliati dalle spaventose vicende che prendono forma in questa scuola per signorine dimenticata dal mondo.»                                            Stephen King



Titolo: L’inganno: innocenti, prima di essere tradite
Autore: Thomas Cullinan
Editore: De Agostini editore
Genere: romanzo storico, narrativa
Formato: Ebook
Prezzo: € 9,99
Formato: cartaceo
Prezzo: 14,95
Pagine: 472
Data di uscita: 14 settembre 2017
Link d’acquisto:


SCOPRIAMO INSIEME TRAMA E RECENSIONE…


Trama

Quando il soldato nordista John McBurney, gravemente ferito, viene condotto alle porte del Collegio per signorine di Miss Martha Farnsworth, in Virginia, la direttrice accetta di accudirlo in nome della carità cristiana. Ma la presenza del giovane in una casa in cui otto donne vivono isolate da oltre tre anni non può che scatenare intrighi e gelosie. Quando il gioco si spinge troppo in là, John scopre di non essere l’unico in grado di mentire, manipolare, ferire. E mentre la resa dei conti si avvicina, a pagare il prezzo più alto potrebbe essere proprio lui. In un vorticoso alternarsi di voci e punti di vista, Thomas Cullinan mette in scena una storia sensuale, potente e modernissima. Una meditazione in forma romanzesca sull’eterna, sconcertante violenza delle passioni umane.



Recensione


Il libro si apre sullo scenario della guerra, dove il generale John McBurney viene ferito alla gamba. Nel frattempo nello stesso bosco dove avviene la vicenda si trova Amelia, giovane fanciulla amante della natura, che vive in un collegio di sole ragazze poco distante da lal luogo.

Trovandosi al cospetto del ragazzo, la giovane donna, con fatica riesce a portarlo fino all’istituto ove lei stessa alloggia, consapevole sì, di aver fatto la cosa giusta ma altrettanto cosciente del fatto che porterà il suo nobile gesto porterà diversi scompigli.

La storia viene raccontata dal punto di vista di ogni ragazza presente nel romanzo, per far si di avere una visione completa di tutto ciò che accade durante la narrazione.

L’autore è stato veramente bravo a mettere in relazione tutte le parti, creando un intreccio di situazioni e pensieri che coinvolgono il lettore.

Molto interessante è capire come ogni piccola cosa sia vista e recepita in diversi modi in base alla narrazione delle ragazze.

Avendo anche età diverse, le protagoniste vivono a loro modo l’arrivo del generale (unica presenza maschile), tanto da creare situazioni di tensione ed invidia tra di loro.
Ognuna delle presenti comincerà a dare grande risalto al proprio aspetto ed al modo di porsi, instaurando un rapporto d’amicizia o d’amore con lui con il protagonista maschile del libro.
Il generale, conscio della sua posizione all’interno del convitto, cercherà in ogni modo di sedurre o farsi aiutare da ognuna delle ragazze, mettendole inevitabilmente in competizione.
Il linguaggio utilizzato dall’autore è corretto e semplice, ma devo dire che all’inizio l’ho trovato troppo descrittivo in particolari a mio avviso non molto rilevanti.
La lettura procede scorrevole ma con qualche incertezza all’inizio, facendosi più interessante con il prosieguo della storia.
Mi ha stupito il cambiamento repentino del generale, descritto all’inizio come un ragazzo bisognoso di attenzioni, dimostrandosi invece poi molto furbo.
Riuscirà solo con le parole a tessere intrighi e situazioni strane

(Recensione a cura di Martina)


VALUTAZIONE


L’AUTORE

Thomas Cullinan

Thomas Cullinan (1919-1995) ha scritto romanzi e sceneggiature per il teatro e la televisione. L’inganno è la sua opera più famosa, già oggetto di un famoso adattamento cinematografico con il titolo La notte brava del soldato Jonathan e Clint Eastwood nel ruolo del protagonista.


Leggo per diletto qualsiasi genere; è sempre stata una mia grande passione. Di una lettura mi colpisce sia una bella trama che una scrittura ricercata. Un romanzo rosa, un romanzo storico, della narrativa contemporanea non importa basta che non sia... fantasy! Il mio primo libro è... Eterno

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: