Horror,  Recensioni,  Thriller

Recensione: “L’imbalsamatore” di Alison Belsham, Newton Compton

L'imbalsamatore Book Cover L'imbalsamatore
Alison Belsham
thriller, horror
Newton Compton
1 aprile 2021
cartaceo, ebook
186

Il prossimo nome sulla lista è il tuo

Quando un corpo appena mummificato viene ritrovato al museo di storia naturale di Brighton, il detective Francis Sullivan non riesce a crederci. Chi è quella donna? Ma poi per la città iniziano ad apparire vasi sepolcrali egizi contenenti parti del corpo e messaggi criptici, e Sullivan si rende conto di avere a che fare con un serial killer.

Vendetta, ossessione e un'antica religione sembrano aver trovato la perfetta sintesi in questo caso, che campeggia su tutte le prime pagine di cronaca nera, scatenando un'ondata di terrore in tutta Brighton. Impegnato in una corsa contro il tempo, il detective Sullivan dovrà fare appello a tutta la sua determinazione per scoprire la vera identità dell'Imbalsamatore prima che sia troppo tardi. Perché ci sono demoni del suo passato  che, dopo anni di oblio, cominciano a risvegliarsi... Francis ancora non lo sa, ma c'è una verità oscura che sta per tornare alla luce.

“Era orgoglioso del ruolo che aveva giocato nella cattura del Killer dell’inchiostro avvelenato”

 

Dopo aver condotto e concluso brillantemente le indagini sul “ladro di tatuaggi”, la squadra investigativa composta da Francis Sullivan e Marni, ora, si ritroverà ad affrontare una sfida ancora più ardua: scoprire chi si cela dietro all’imbalsamatore, colui che mummifica gli esseri umani. E lo fa riprendendo una vecchia pratica che usavano gli antichi egiziani per mummificare, ossia usando il natron, un composto salino.

Il tutto inizia con la scoperta di un corpo all’interno di una tomba, in un museo. Il corpo della povera vittima viene ritrovato ricoperto di numeri, simboli, scritti e geroglifici, proprio come accadeva nell’antico Egitto. Di chi sarà mai quel corpo? E cosa significa ciò?

In un primo momento, si pensa che quel corpo appartenga alla direttrice del museo, scomparsa da 24 ore, ma il proseguimento della indagini smentirà questa ipotesi. Nel frattempo, nella città di Brighton, inizia a prevalere il terrore. Iniziano ad apparire antichi vasi sepolcrali egizi, contenenti parti del corpo e messaggi criptici. Il più famoso di tutti è il vaso di Duamutef, che, nell’antico Egitto, serviva per conservare lo stomaco del deceduto.

La polizia, arrivata a questo punto, non ha altro tempo da perdere: deve fare presto prima che il prossimo nome sulla lista dell’imbalsamatore non diventi quello di un’altra vittima. Ma, purtroppo, Francis, a metà indagine, dovrà fare a meno della sua compagna… Perché proprio lei? Sarà forse una trappola?

Le indagini proseguono a ritmo incalzante e Francis non immagina minimamente che alcuni demoni del suo passato stiano per tornare a galla.

E voi cosa fareste se nella vostra città, all’improvviso, si riempirebbe di vasi contenenti messaggi criptici?

Di questa autrice, ho letto il primo libro, “Il tatuatore” e devo ammettere che mi è piaciuto particolarmente. La trama è sicuramente avvincente e rispecchia tutti i canoni propri del genere thriller.

I personaggi sono ben descritti e ciascuno riveste un ruolo ben definito nella storia. Ne assistiamo anche all’evoluzione psicologica, e questo aspetto appassiona ancora di più gli amanti del genere. Tuttavia, il mio coinvolgimento, durante la lettura, non è equiparabile a quello che ho avuto con il libro precedente di Alison Belsham.  La lettura non è stata scorrevole, anzi… questa volta, lo stile mi è apparso pesante, anche a causa delle continue ripetizioni e lungaggini eccessive per esprimere un concetto o descrivere una situazione.

Non mi riferisco alle descrizioni che, come ho già detto in riferimento ai personaggi, sono molto puntuali, a tal punto da far storcere, spesso, il naso al lettore. La storia si vive appieno, ma il modo in cui la si vive è opinabile. Consiglio, però, la lettura agli amanti di storie e misteri egiziani, enigmi, puzzle da completare, perché ne L’Imbalsamatore non mancano affatto!

 

L’autrice

Alison Belsham ha iniziato a scrivere sceneggiature, ed è stata finalista alla BBC Drama Writer Competition. Il tatuatore è il suo thriller d’esordio, ha vinto il Bloody Scotland Crime Writing, uno dei più prestigiosi premi del genere crime. La Newton Compton ha pubblicato anche il ladro di tatuaggi . L’imbalsamatore è il terzo attesissimo caso dell’ispettore Sullivan.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: