L'eroe di Eleanor Book Cover L'eroe di Eleanor
Jill Barnett (trad. Isabella Nanni)
Novella
Babelcube Inc.
19 Novembre 2019
Ebook
75

Un classico racconto natalizio ambientato a New York a fine 1800. Alla morte di suo nonno, la 40enne Eleanor Austen è costretta a trasferirsi in un appartamento all’ultimo piano dell’edificio che avevano affittato a una palestra rumorosa di proprietà di un rinomato pugile irlandese, il 32enne Conn Donnoughue. Durante un mese di dicembre innevato e magico, due cuori solitari potrebbero scoprire di avere in comune molto più di quanto pensavano…

Dall’autrice Jill Barnett, più volte in vetta alle classifiche del New York Times e già pubblicata in precedenza da Mondadori, ecco un racconto incantevole ancora inedito in Italia.

“Il nome di lei era una preghiera sulle sue labbra, il suo nome un sussurro d’amore su quelle di lei”

 

Buongiorno carissimi bottegai!

Ci avviciniamo velocemente al Natale e, vuoi quanto successo in tutto questo terribile 2020, vuoi tutto ciò che ancora ci sta colpendo, ho notato in molti di voi la voglia di lasciarsi tutta la tristezza alle spalle e guardare avanti verso quella meravigliosa festa che riempie di magia sia grandi che piccini.

E allora, cosa c’è di meglio di una bella novella natalizia?

“Eleanor’s Hero” ovvero “L’eroe di Eleanor” è un piccolo racconto di circa 75 pagine, ambientato verso la fine del 1800 a New York.

I protagonisti di questa storia sono Eleanor Austen, una bellissima quarentenne dai lunghi capelli corvini, e Conn Donnoughue soprannominato “il gigante irlandese”, un giovane trentaduenne proprietario della palestra ubicata nello stesso fabbricato ove Eleanor intende traferirsi.

Devo dire che la storia è davvero esilarante quanto emozionante. Le scene comiche si alternano a quelle un po’ più profonde che vedono i due protagonisti riflettere sulle proprie scelte di vita.

La descrizione dei luoghi è ben dettagliata, sia per quanto riguarda gli appartamenti dei due protagonisti sia per quanto concerne la scena della gita in carrozza che narra di una bellissima New York totalmente innevata.

I caratteri dei protagonisti sono ben delineati, lei romantica ed anche un poco “ansiosa”, passatemi il termine; in qualche passaggio mi ha ricordato la pasticciona Bridget Jones.

Lui, forte e caparbio ma allo stesso tempo dal cuore tenero.

Lo stile della narrazione è semplice, raffinato e ben comprensibile e devo dire che, essendo un testo tradotto, sono rimasta meravigliata dalla perfezione della trasposizione. Complimenti davvero a Isabella Nanni per l’ottimo lavoro.

L’unico appunto che devo fare è la velocità dell’evoluzione dei sentimenti dei due protagonisti, a mio avviso avviene tutto in maniera molto veloce, soprattutto dalla parte di Conn, mi sarebbe piaciuto capire quando è nato questo sentimento così forte, cosa lo ha portato a provare queste forti emozioni.

Per il resto, non voglio soffermarmi troppo sulla storia perché non voglio spoilerare nulla, ma credetemi è davvero un racconto da leggere tutto d’un fiato, magari davanti a un bel caminetto e a una buona cioccolata calda.

E ora veniamo a noi?

Qual è la cosa che amate di più del Natale?