le parole lo sanno
Romanzo

Recensione: “Le parole lo sanno” di Marco Franzoso, Mondadori.

Le parole lo sanno Book Cover Le parole lo sanno
scrittori italiani e stranieri
Marco Franzoso
Romanzo
Mondadori
10 Marzo 2020
Cartaceo, E-book
176

Alberto trova, forse per la prima volta, lo stupore di essere vivo. Accanto a lui si siede una giovane donna, Flavia. Si parlano. Flavia si racconta e si confessa. Ha un bambino, e un marito ossessivamente geloso. Nasce qualcosa di semplice, inatteso, che sembra parlare con la voce profonda del destino. L'intesa, il desiderio di ritrovarsi, l'attrazione: l'amore insomma, che nessuno dei due cercava e che li sorprende senza difese. Alberto è sempre più coinvolto in quelle confessioni di violenza subita e, non avendo nulla da perdere, entra nella vita di Flavia come la provvidenza. Tuttavia se il suo drastico intervento abbia liberato o condannato all'infelicità la donna che ama non è dato sapere. Perché Flavia, com'è arrivata, un giorno come un altro scompare per sempre. Ad Alberto non resta che scrivere: affidare a un diario il racconto di ciò che è accaduto, ormai sicuro che "le parole sanno sempre dove andare" e che quindi, in un modo a lui ancora sconosciuto, prima o poi arriveranno a Flavia. È questo il destino delle parole e il destino di ogni racconto che dicono l'amore, liberi entrambi dalla vuota comunicazione a tutti i costi che è dei tempi nostri. Siamo di fronte a una storia dentro una storia, dentro un'altra storia ancora, in un meccanismo concentrico e tecnicamente perfetto. Una dichiarazione d'amore per la letteratura, perché scrivere - e leggere - realizzano il passaggio del testimone più universale e intimo. D'altra parte, si sa, chi legge ama.

le parole lo sanno

«Ecco la confusione, la bellezza e il suo contrario, la rinascita che si nutre di mille separazioni.»

Benvenuti cari lettori e lettrici, è sempre un piacere per noi essere in vostra compagnia.

Quest’oggi grazie alla nostra amata Bottega dei Libri, ho l’enorme piacere di parlarvi di un nuovo romanzo scritto da Marco Franzoso: “Le parole lo sanno” pubblicato da Mondadori.

Molte le tematiche trattate, interessante ed accattivante la scelta dello stile, sublime la prosa di alcuni passaggi.

««L’inizio della fine» hai detto proprio così.»

armonia di colori

In questa vicenda incontriamo Alberto, un dottore milanese. Nato e cresciuto qui, nella zona cittadina dove è possibile trovare da una parte il “Lambro” e dall’altra, questo parco carino, dove c’è un ponticello, una pozza d’acqua, un chiosco, delle panchine, un cigno nero…

Ecco proprio qui, non in un centro di ricerca aerospaziale, ma in un paesaggio bucolico, nella semplicità, immersi nella genuinità, le persone, tutte, possono trovare se stessi e molte verità importanti. Alberto per arrivare qui, o meglio per ritornarvi, decide prima di fare una sosta in oncologia. È la malattia che gli cambia la vita, oppure paradossalmente gliela dona.

Dopo aver scoperto di essere malato farà infatti ritorno al parco dove ha trascorso molti momenti della sua giovinezza e attraverso maschere, trasmutazioni e cambiamenti, da cieco quale si finge e quale era, comincerà a vedere realmente i colori, la vita, la magnificenza e la perfezione. Come i granelli di sabbia del deserto o gli atomi di un corpo, tutto è in sintonia e in sincrono. In questo momento di apertura-chiusura, avverrà l’incontro con Flavia, una giovane donna, mamma, amante dei libri e delle narrazioni. Attraverso la narrazione, l’ascolto e l’apertura alla comunicazione, Alberto e Flavia si regalano e ci regalano qualcosa di prezioso.

Ho decisamente apprezzato molto lo storytelling, all’interno dello storytelling. È la magia della matrioska, la bambola russa, che mostra qualcosa di nuovo e diverso ad ogni apertura. Ad ogni scoperta ne segue un’altra, ed un’altra e così via fino a scoprire il centro, il fulcro di tutto, il nucleo. In questo romanzo ho trovato davvero tante cose interessanti e molto si potrebbe dire su ciò che l’autore ha delicatamente toccato, come fanno le farfalle quando si poggiano sui fiori.

Se deciderete di leggerlo, in esso troverete la delicatezza, contrapposta alla ferocia, contrasti chiaroscurali, colori, carezze, musica, relazioni… soffermandomi, riflettendo, in effetti mi è quasi sembrato di leggere un quadro, oppure di toccare una statua o ancora di ascoltare un’opera lirica.

Un libro è storia, è fatto di parole, è vivo e giunge a chi è pronto ad accoglierlo. Scrivere diventa un atto d’amore, un dono, una comunicazione particolare rivolta a tutti, ma nello specifico rivolta proprio a Te. Esattamente, mi sto rivolgendo proprio a Te, che sei irripetibile, nella tua unicità, nei tuoi bisogni, nelle tue peculiarità… fermati a pensare un istante: ciò che ricevi è per Te, solamente ed esclusivamente per Te. Non ci sono errori in questo e non ve ne possono essere, è tutto così chiaro e inoppugnabile. 

In tutto questo le cose teniamo a mente che nella semplicità possiamo trovare tante risposte e liberandoci da veli e maschere possiamo riscoprire noi stessi. Prendiamoci del tempo e doniamoci amore, basta cominciare dalle piccole cose e ogni momento è ottimo per cominciare.

Grazie Marco, mi è piaciuto molto leggerti. A presto 

Scritto da Marco Chabod

Marco Franzoso è nato nel 1965. Dai suoi romanzi (Tu non sai cos’è l’amore, Westwood dee-jay) sono stati realizzati spettacoli teatrali. Da Il bambino indaco (Einaudi, 2012) Saverio Costanzo ha realizzato il film Hungry Hearts, interpretato da Alba Rohrwacher e Adam Driver (entrambi premiati con la coppa Volpi al festival di Venezia del 2014). Il suo più recente romanzo, L’innocente, è uscito per Mondadori nel 2018 e ha vinto il premio Mondello.

I was a student, an adolescent, an idealist, a Fury, a young man, a nephew, a son, Anger, Lover, baker, barman, waiter, cook, dreamer, writer, mask, husband, uncle, player, athlete, rugby player, rugby coach, student again, humanist, philosopher and thousands other things. Adesso ho deciso di essere e di cominciare da Marco. Pertanto mi diletto con piacere a leggere, recensire e intanto amplio il mio Universo personale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: