Libri,  Libri per ragazzi e bambini,  Racconti

Recensione: Le fiabe di…versi di Valerio Giusto, Marotta&Cafiero editore

Le fiabe di...versi Book Cover Le fiabe di...versi
Marotta e Cafiero
Valerio Giusto
Libri per bambini
Marotta e Cafiero
17 set 2017
Cartaceo
64 pagine

"Le fiabe di... versi" è una raccolta di 4 fiabe scritte interamente in rima baciata e ispirate a testi della musica italiana. La diversità non come ostacolo, ma elemento nuovo ed originale con cui guardarsi dentro. Argomenti per grandi resi accessibili ai piccoli attraverso buffi animaletti.

“Tu non farlo, sii te stesso, taglia i fili, vivi adesso.”

Le Fiabe di…versi portano la firma di Valerio Giusto e sono state pubblicate da Marotta&Cafiero editore. Il libro consta nella raccolta di quattro racconti in rima, molto piacevoli da leggere per il ritmo e la musicalità, che suggeriscono ciascuno un proprio messaggio.

È molto bella l’idea di utilizzare la rima baciata per giocare con le parole e i messaggi. All’interno delle poesie/fiabe ci sono rimandi a celebri canzoni italiane e ugualmente i personaggi delle stesse, si ispirano ad esse.

Immaginando che i destinatari fossero dei bambini, alcuni termini o provocazioni li avrei evitati, ma complessivamente penso che sia grandi che piccini le troveranno piacevoli.

Questa è stata la mia prima impressione, però qualcosa continuava a non tornare.

Perciò arriverò dritto al sodo. Innanzitutto ho letto molte recensioni su queste fiabe e ancor prima sono andato a documentarmi sul significato del titolo, perciò posso condividere con voi la prima importante connotazione che ho trovato: le fiabe in genere non vogliono contenere nessuna morale, sebbene io per primo in queste ne abbia cercata almeno una per ciascun racconto. Sono nate con il solo scopo di intrattenere, mentre le favole avevano l’onere di portare al lettore una morale.

Se il titolo è stato attribuito tenendo conto di questa sostanziale differenza , sicuramente l’autore non aveva l’alto intento di moralizzare, bensì voleva scrivere delle storie un po’ differenti. Non posso darlo per scontato, ma posso indirettamente domandarlo. Questo è un aspetto importante, ma solamente per precisarne il contenuto, perché poi sta a noi trovare o meno qualcosa in ciò che leggiamo.

 

 

“Non fermarsi alle apparenze”, “Chi trova un amico trova un tesoro”, “Dentro ciascuno di noi c’è un tesoro immenso” e “Libertà di espressione” sono le quattro morali che ho voluto trovare io.

Mi piacevano molto e desidero condividerle con voi, ma altre persone hanno voluto leggere fra le righe argomenti più delicati su cui sensibilizzare i bambini, come bullismo, integrazione, transessualità ed handicap. Per quanto possa essere molto importante, una cosa mi permetto di esprimerla: i bambini non si fermano alle apparenze, non si fanno problemi di genere o amore, si esprimono e lo fanno con tutta la naturalezza del mondo.

Almeno fino ai 5-6 anni.

Dopodiché riproducono ciò che ricevono come esempio o insegnamento, diventando piccole copie di noi. Questo ovviamente rende orgogliosi molti genitori, oppure al contrario li fa molto arrabbiare… perché le copie sono anche specchi. Perciò bellissimo lo spunto che mi nasce da queste fiabe e che spero nasca anche dentro di voi leggendole: parlate con i vostri figli, spiegate loro tutto del mondo, ma ricordatevi la cosa più importante di tutte. Siate sempre il miglior voi stesso che potete essere in quel momento, i vostri figli vi ringrazieranno e ne trarranno beneficio.

Soprattutto siate voi stessi… no, non quello che pensate di dover essere, tirate fuori il vostro vero io… quello che non si è potuto esprimere per tanto tempo, nascosto sotto maschere di formalismi e maniere. Quello che forse avete messo in un angolino e sta aspettando che vi ricordiate che esiste, che vuole essere ascoltato, che vuole essere felice. Tutto può sempre cambiare, in qualunque momento.

 

I was a student, an adolescent, an idealist, a Fury, a young man, a nephew, a son, Anger, Lover, baker, barman, waiter, cook, dreamer, writer, mask, husband, uncle, player, athlete, rugby player, rugby coach, student again, humanist, philosopher and thousands other things. Adesso ho deciso di essere e di cominciare da Marco. Pertanto mi diletto con piacere a leggere, recensire e intanto amplio il mio Universo personale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: