Libri,  Romanzo storico

Recensione: L’armata invincibile di Simon Scarrow. Newton Compton editore

L'armata invincibile Book Cover L'armata invincibile
The eagles series - Romans series
Simon Scarrow
Storico
Newton Compton
1 marzo 2018
ebook, cartaceo
367

Per Roma comincia una sfida pericolosa
54 D.C.
 Le milizie romane sono disposte lungo tutti i confini del gigantesco impero: dal Mediterraneo al Mare del Nord, dall’Atlantico alle rive del Nilo. Roma ha brutalmente imposto il suo dominio e le sue legioni sono l’arma più efficiente e letale di tutto il mondo conosciuto. Due veterani esperti, il prefetto Catone e il centurione Macrone, sono sopravvissuti alle sanguinose campagne in Britannia e vengono finalmente richiamati a Roma. Ma il tempo trascorso in seno alla città della politica è breve, perché vengono nuovamente inviati con la guardia pretoriana in Spagna, l’indomita colonia nella quale i nativi ancora si ribellano al dominio imperiale, alimentando le tensioni. La nuova sfida che i due vecchi amici dovranno affrontare è diversa da qualunque cosa si siano mai trovati davanti: perché stanno per raggiungere una terra che è definita “indomabile”… 

Un grande romanzo storico. Un autore da oltre 1 milione di copie

RECENSIONE

Il prefetto Catone e il centurione Macrone fanno ritorno a Roma dopo molti anni trascorsi in Britannia, combattendo duramente cercando di piegare i Celti. Ma i due commilitoni non riescono a godersi i meritati onori che l’Imperatore Claudio gli tributa, che già devono ripartire per la Spagna, dove il ribelle Iskerbeles sta fomentando una rivolta, in una provincia mai conquistata nonostante la capillare presenza romana.

Quindicesimo capitolo della saga che vede protagonisti ancora una volta il prefetto Catone e il centurione Macrone, due uomini diversi caratterialmente e per estrazione sociale ma che, forse proprio per questo, creano un connubio quasi perfetto. Leggo sempre con piacere le avventure narrate da Scarrow. La sua prosa è, come sempre, piacevolissima, scorrevole, accattivante e coinvolgente, in una parola appassionante. Si riesce a immaginare chiaramente il rumore delle ossa che si rompono sotto un colpo d’ascia o a vedere il sangue scorrere dopo che un fendente di gladio ha aperto l’addome a un soldato nemico. In questa avventura, ambientata nella calda penisola iberica, provincia che Roma non è mai riuscita veramente a dominare, l’autore pone l’accento sulla condizione degli schiavi nelle province, forse uno degli aspetti più scuri della dominazione romana. Non per niente il protagonista, Catone, comincia a nutrire seri dubbi sui metodi di amministrazione della giustizia romana e sulla stessa efficacia della pax romana. I riferimenti storici (assolutamente esatti e temporalmente coerenti), si amalgamano armoniosamente con fatti e personaggi creati dalla fantasia dell’autore, trascinando il lettore in una dimensione narrativa assolutamente coinvolgente. La rappresentazione che viene fatta, partendo dalla spiegazione della struttura dell’esercito romano, fino ad arrivare alla descrizione dell’armamento in dotazione ai soldati, è talmente precisa, quasi puntigliosa, che viene il dubbio che Scarrow abbia viaggiato nel tempo e fotografato ogni particolare per poi raccontarlo. L’autore, in questa avventura, punta l’attenzione verso la guardia pretoriana, in pratica l’élite dell’esercito romano (privilegiati rispetto ai soldati “regolari”, i cui membri  venivano scelti, oltre che per le loro doti di combattenti, anche in base alle loro “conoscenze” o al loro status sociale), che aveva il compito di difendere l’Imperatore a ogni costo e che, come fa notare l’autore, “furono i più leali tra gli uomini…che il denaro poteva comprare”.

Trattandosi del quindicesimo libro della “Romans Series” o “The Eagles Series” si potrebbe pensare che la qualità del racconto vada a scapito della quantità di libri pubblicati. Scarrow tuttavia equilibra, senza se e senza ma, questa equazione. Ogni libro, ogni racconto, ogni saga è piacevolissima da leggere e, cosa ancor più pregevole, ciascun racconto può essere letto indipendentemente dall’aver letto i precedenti, ogni storia infatti è autoconclusiva e non lascia l’amaro in bocca non sapendo come andrà a finire la storia.

Consigliatissimo per tutti, sia agli appassionati di storia romana ma anche a chi ha voglia di gettarsi tra le fila di quello che è stato, indubbiamente, il più grande, temuto ed efficace esercito della storia.

 

AUTORE

Simon Scarrow

È nato in Nigeria. Dopo aver vissuto in molti Paesi si è stabilito in Inghilterra. Per anni si è diviso tra la scrittura, sua vera e irrinunciabile passione, e l’insegnamento. È un grande esperto di storia romana. Il centurione, il primo dei suoi romanzi storici pubblicato in Italia, è stato per mesi ai primi posti nelle classifiche inglesi. Scarrow è autore di moltissimi romanzi tra cui Sotto l’aquila di RomaIl gladiatoreRoma alla conquista del mondo, La spada di Roma, La legioneRoma o morteIl pretorianoLa battaglia finaleIl sangue dell’imperoLa profezia dell’aquilaL’aquila dell’imperoSotto un unico imperoLa spada e la scimitarraRoma, sangue e arenaPer la gloria dell’imperoL’armata invincibile e I conquistatori (con T.J. Andrews), tutti pubblicati dalla Newton Compton. Le sue opere hanno venduto oltre 1 milione di copie nel mondo.

 

Luca Martorana, siciliano classe ‘73, è un ex giocatore professionista di pallacanestro e grande appassionato di “Heavy Metal”. Appassionato lettore, divora libri fin da bambino.  E’ un patito di cinema e serie tv, soprattutto se di fantascienza. Ama esplorare strade sempre nuove in sella alla sua Harley. Nel tempo libero lavora….ma niente di serio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: