La vittima sbagliata Book Cover La vittima sbagliata
Helen Fields
Thriller
Newton Compton Editori
21 maggio 2020
ebook, kindle, cartaceo
404

La vittima sbagliata

Dall'autrice del bestseller Resti perfetti
Un grande thriller
Una lunga scia di sangue svelerà il più terribile dei segreti
Una scia di sangue serpeggia tra le strade di Edimburgo.
Nel bel mezzo di un festival rock, un volontario è stato accoltellato allo stomaco ed è morto dopo pochi minuti. Nella confusione, nessuno ha visto l’assassino, nessuno è stato in grado di tracciare un identikit. La settimana seguente il corpo di una maestra elementare è stato ritrovato in un cassonetto: la donna era stata strangolata con la sua sciarpa di lana. La polizia brancola nel buio. I detective Ava Turner e Luc Callanach non hanno indizi per collegare i crimini, né prove sufficienti a formulare le prime ipotesi, fino al momento in cui sui muri della città appaiono graffiti che fanno esplicito riferimento alle vittime degli omicidi. È il gesto sbruffone di un mitomane o è la firma del killer? Quando scoprono che i murales sono stati preparati prima degli omicidi e non dopo, per Ava e Luc ha inizio una corsa contro il tempo che si rivelerà molto più pericolosa di quanto avrebbero potuto immaginare. Perché l’assassino è pronto a colpire ancora…
Una serie da mezzo milione di copie
Tradotta in 10 Paesi
«Un thriller pieno di colpi di scena. La storia cattura man mano che la trama si infittisce.»
Woman’s Way
«Helen Fields ha un vero talento nel creare atmosfere cupe e vivide nella fantasia del lettore. I colpi di scena sono efficaci e i personaggi magistralmente costruiti. L’esordio con Resti perfetti è stato straordinario, ma La vittima sbagliata potrebbe addirittura superarlo.»
Scotland Correspondent
«Uno dei thriller psicologici più inquietanti che abbia mai letto.»
Paul Finch

La vittima sbagliata

Il lato nascosto dell’umanità

Oggi vi parlerò di una nuova uscita New Compton Editori “La vittima sbagliata”, di Helen Fields che dopo il suo precedente libro “Resti perfetti” torna ad appassionare i lettori. La sua scrittura veloce, semplice riesce ad accattivare e ad incuriosire facilmente chi legge.

Ha uno stile che coinvolge dalla prima al’ultima pagina. La sua capacità è quella di appassionare e rendere partecipe il lettore.

“L’unico modo certo di ritagliarsi il proprio posto nella storia era quello di trasmettere il proprio lavoro in corso d’opera.”

Ci si ritrova ad essere presi in un vortice di avvenimenti che ti spingono a non smettere di leggere. Questo grazie anche alla trama. Avvincente, ricca di colpi di scena, piena di suspense, è la trama giusta per un thriller che però è tutt’altro che classico. C’è ben altro. Un libro dentro un libro. Una storia nella storia.

                                                                                I protagonisti ci coinvolgono con le loro vite.

I loro sentimenti e le loro personalità sono descritte così bene che sembra di conoscerli.

E ci si ritrova a sperare che accada qualcosa  nelle loro vite. Come per Luc e Ava.  Luc, ispettore, ha un modo così particolare che affascina tutti e Ava, detective, in apparenza forte, si rivelerà un’anima fragile.

 

“Non provava altro che paura. Le strisciava dentro permeandole ogni poro, dandole crampi a ogni muscolo e facendola sentire piccola.”

Ma non sono gli unici personaggi su cui si basa questo thriller. La scrittrice ne ha inseriti diversi e tutti ben delineati. Ognuno ha un ruolo preciso, uno scopo e si introducono con coerenza nella storia. E tutti sono utili per lo svolgimento della trama che ha come ulteriore protagonista il Darkweb, che negli ultimi anni sta irrompendo nella vita di molte persone. Un  mondo oscuro che si svolge in rete.

Una specie di sottomondo virtuale, che di lecito non ha niente e che la maggior parte delle persone ne ignora l’esistenza. Forse per chi lo conosce e lo usa è un gioco ma in realtà è solo crudeltà.

“Il desiderio omicida per la maggior parte della gente era una questione privata, ma c’erano pochi individui selezionati che sentivano il bisogno di uccidere e di essere acclamati per questo.”

Violenza, crimini, morte sono al centro di questo thriller che è reso dinamico, complesso ed originale dalle indagini, dalle irruzioni, dalle lotte e dagli inseguimenti che si susseguono incessamente.

La cosa che più mi ha sorpreso è il finale. Nulla di scontato. Nulla è come sembra. Un thriller “La vittima sbagliata” che mi è piaciuto davvero tanto e che quindi consiglio di leggere a tutti perché è attuale, molto credibile e perché vi terrà col fiato sospeso dall’inizio alla fine.

Buona lettura

Helen Fields

Ha studiato legge all’Università di East Anglia e alla Inns of Court School of Law di Londra. Dopo aver lavorato per anni in tribunale, specializzandosi in Diritto penale e di famiglia, ha deciso di fondare insieme al marito una casa di produzione cinematografica, nella quale lavora anche come sceneggiatrice. Vive a Los Angeles con la famiglia. La Newton Compton ha pubblicato il suo romanzo d’esordio, Resti perfetti, e La vittima sbagliata.

Scritto da:

Barbara Recupito

Sono sposata dal 2002 ed ho 2 figli. Sono una casalinga con la passione della lettura. Leggo di tutto ma adoro i thriller e i libri che raccontano la vita.