Recensione: “La trasparenza del camaleonte” di Anita Pulvirenti, DeA Planeta

2 risposte

  1. Alice ha detto:

    Gentilissimo Christian,
    la ringraziamo per il commento. Abbiamo provveduto a cambiare il termine, che le assicuriamo non aveva intenti né offensivi né discriminatori. Ci spiace se questa inesattezza (ingenua e non maliziosa) l’abbia infastidita così tanto. Noi siamo recensori e ci limitiamo a valutare il libro in sé, non ad approfondire le tematiche mediche o sanitarie o psicologiche annesse. Ma di questo, ci scusiamo lo stesso.
    Riteniamo però che i toni – se permette – soprattutto in questo periodo così difficoltoso per tutta l’Italia ed il resto del mondo, non siano tanto adeguati: noi in primis, nel nostro piccolo, cerchiamo di diffondere un po’ di pace e serenità grazie alla bellezza dei libri.
    La ringraziamo ancora molto per averci fatto presente l’inesattezza della parola e cogliamo l’occasione per augurarle una serena giornata.

  2. Christian Agresta ha detto:

    Buongiorno,
    vorrei capire da dove avete preso la definizione Morbo di Asperger, ma dove le prendete queste informazioni, prima di scrivere un articolo vi prego di informarvi meglio. L’Asperger NON è una malattia, non è una malattia, è una differente modalità cognitiva e viene associata all’autismo per determinate caratteristiche che hanno in comune. Non scrivete queste stupidaggini vi prego, informatevi meglio. Correggete il vostro articolo o rimuovetelo. Grazie mille.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.