Fantasy,  Mistery Thriller,  Narrativa contemporanea,  Racconti,  Recensioni

Recensione: “La strana estate di Oliver Mills” di Alessandro Petrelli, Pubme

La strana estate di Oliver Mills Book Cover La strana estate di Oliver Mills
Alessandro Petrelli
dark fantasy, narrativa contemporanea
Pubme
2 dicembre 2020
ebook
27

8 giugno 2002.

È il primo giorno di vacanze per Oliver Mills ed Erman Walker, due dodicenni di Panville che si preparano a passare un’estate all’insegna del divertimento ma che ben presto svelerà i suoi risvolti tragici. La banda di bulli capitanata da Thomas Moore li perseguita già da mesi, e non li lascerà in pace finché non avranno pagato la cifra pattuita qualche giorno prima all’uscita da scuola. Ma c’è un colpo di scena che cambierà le sorti dei due amici.

Durante una passeggiata in riva al lago, Oliver ed Erman incontrano uno strano personaggio, un mendicante in fin di vita disposto a offrir loro qualcosa di magico: si tratta di un antico telefono in grado di esaudire ogni desiderio.

Ma tutto ha un prezzo, quale sarà quello da pagare al misterioso uomo?

“Perché mai un ragazzino dovrebbe pretendere altro, quando è già in possesso di tutto il tempo che ha davanti?”

 

In quella che, forse, sarà la loro ultima estate da “bambini”, Oliver ed Erman, amici da una vita, organizzano le loro giornate all’insegna del divertimento, dei bagni al lago, del gioco, delle esplorazioni del bosco e, naturalmente, della spensieratezza più assoluta. Cercando di evitare per l’ennesima volta il gruppo di bulli che tormentano Erman per il suo aspetto fisico, i due amici si ritroveranno a scappare in mezzo al bosco, dove incontreranno uno strambo individuo che sembra conoscere bene i due ragazzi. Il barbone tenterà i due protagonisti con una proposta difficile da rifiutare. Ma si sa, ogni medaglia ha il suo rovescio e le conseguenze delle loro scelte saranno pagate a caro prezzo. Cosa saremmo disposti a sacrificare per soddisfare le nostre debolezze?

Ho iniziato davvero con grande curiosità questo racconto breve di Alessandro Petrelli, giovane e talentuoso scrittore pugliese. Avevo avuto già modo di leggere il suo secondo libro: “Trauma”, la cui recensione potete trovare al seguente link, e, quindi, mi sono tuffato nella lettura de “La strana estate di Oliver Mills”.

È una storia che si legge letteralmente tutta d’un fiato, coinvolgente come possono essere le storie che riguardano l’adolescenza, che tutti abbiamo vissuto. Ci si trova a empatizzare con i due piccoli protagonisti molto facilmente, proprio perché, come loro, tutti noi siamo stati spensierati e incoscienti prima di affrontare la vita vera.

“la verità è che il dolore ti insegna a vivere, e io a quel severo insegnante mi ero come affezionato, in qualche modo.”

La scrittura è limpida e scorrevole; la maturità letteraria raggiunta dall’autore è notevole. Petrelli riesce, in poche pagine, a caratterizzare la personalità dei personaggi in maniera egregia, a fare risaltare il valore dell’amicizia senza essere melenso e a procurare una tensione nella lettura, tipica dei grandi scrittori del genere.

Insomma, “La strana estate di Oliver Mills” va letto senza alcun dubbio; una storia che strizza l’occhio ai racconti di Stephen King, e che farà vibrare le corde del vostro cuore, facendovi passare un brivido lungo la schiena.

 

L’autore

Alessandro Petrelli è nato a Lecce il 19 aprile 1990 e vive a Bolzano, dove lavora come fisioterapista. È autore dei thriller psicologici ambientati nel Salento Oltre la finestra (Lettere animate, 2016) e Trauma (Lettere animate, 2017; Pubme, 2019), dei racconti Lettere da una fan (Pubme, 2019) e La strana estate di Oliver Mills (Pubme, 2020), e della raccolta di aforismi Autoritratto (Giuliano Ladolfi, 2019).

Luca Martorana, siciliano classe ‘73, è un ex giocatore professionista di pallacanestro e grande appassionato di “Heavy Metal”. Appassionato lettore, divora libri fin da bambino.  E’ un patito di cinema e serie tv, soprattutto se di fantascienza. Ama esplorare strade sempre nuove in sella alla sua Harley. Nel tempo libero lavora….ma niente di serio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: