Fantasy,  Libri

Recensione: La grande casa bianca di Maurizio Gramolini. Cavinato

La grande casa bianca Book Cover La grande casa bianca
Maurizio Gramolini
Fantasy
Cavinato
19 ottobre 2018
ebook, kindle, cartaceo
204

La grande casa bianca

Una grande casa sulla sommità di un colle a picco sul mar Tirreno, teatro dell'epopea di una famiglia, custode inconsapevole dei segreti di un'antica leggenda, attraverso anni e generazioni, in una Toscana misteriosa e incantata. Dall'era degli etruschi, un varco aperto per il passaggio delle anime dei morti. Un potente medium che catalizzerà le forze nel tentativo di chiudere il varco. Una lotta epica tra il Bene e il Male, al termine di un terribile viaggio in una dimensione parallela. "Colle Nitti, silenzioso custode di antichi segreti di vita e di morte".

 

La grande casa bianca

                Altraga: dopo la vita

 

Il mio approccio a questo romanzo è stato un po’ come un tuffo nel vuoto. Ho sempre amato i film e le serie tv un po’ horror un po’ paranormali ma non ho mai letto un libro di questo genere. Quando mi è capitato di leggere questo titolo mi sono ovviamente come faccio di solito documentata e la trama, benché diversa da ciò che leggo di solito, mi ha attirata. E non mi sono sbagliata. Non solo questo è un gran bel romanzo ma l’autore è stato per me una fantastica scoperta. Mi ha conquistato con il suo stile ricercato ma allo stesso tempo scorrevole che rende la lettura piacevole, mai scontata né noiosa, anzi accattivante e credibile anche se racconta qualcosa di incredibile e paranormale e non diventa mai pesante anche grazie all’alternarsi di mistero e realtà. Sono stata letteralmente travolta dalle emozioni che mi ha procurato la lettura di questo romanzo: paura, ansia, inquietudine, dolore, tristezza, gioia. Tante emozioni che mi hanno fatto amare questo romanzo e apprezzare tantissimo Maurizio Gramolini che descrive i personaggi, i loro sentimenti e il loro modo di essere in modo così preciso che non è difficile immaginarli. E fa lo stesso con l’ambientazione, una Toscana un po’ misteriosa e suggestiva che fa venire anche voglia di andare a scoprire quei luoghi così ben descritti.

La storia si svolge intorno ad Alberto, la sua vita e quella dei suoi familiari tra ricordi del passato, avvenimenti del presente e sogni che in fin dei conti hanno molti aspetti della realtà. Inizia tutto da quando Alberto era solo un bambino, ma non un semplice bambino ma il predestinato, colui che dovrà trovare il modo di far cessare la lotta tra il Bene e il Male.

“Il bambino “sentiva” che se il monaco avesse potuto prenderlo gli avrebbe fatto del male e soprattutto non avrebbe più fatto ritorno a casa. Suo padre non percepì nulla di tutto ciò, ma, forse, inconsciamente, sentì il disagio di suo figlio e si parò tra il bambino e il monaco…”

Ma chi vincerà? E soprattutto Alberto ci riuscirà? Quali saranno le conseguenze?

“Ti ritroverò! Gli esplose nella mente come un grido. Ti ritroverò! E sarai nostro… Un’affermazione, una minaccia, una certezza…”

Saprà Alberto distinguere tra realtà e sogno?

“I demoni faranno di tutto per impedirvi di raggiungere Altraga… vi appariranno nelle forme più disparate e terrificanti. Leggeranno le vostre menti, attingeranno dai vostri peggiori incubi e li materializzeranno davanti ai vostri occhi. Cercheranno di confondervi, mescolando verità e menzogna…”

Saprà Alberto prendere le giuste decisioni?

– Ma cosa succederebbe se dovessimo decidere di tornare indietro lungo il sentiero?

– Sareste perduti per sempre… dietro di voi non trovereste alcun Sentiero, ma una dimensione di mezzo… una dimensione che non esiste…e che non ha vie d’uscita. La Via, l’unica Via, sarà innanzi a voi…”

Il finale ti mette davanti a qualcosa che non ti aspetteresti e che ti fa riflettere su ciò che conta di più nella vita: la famiglia.L’autore ci mostra attraverso l’amore e il legame di Alberto che ha per la sua famiglia quali sono i valori per cui vale la pena vivere e combattere.

Nonostante questo, come ho già detto, non sia il mio genere preferito di lettura consiglio di leggere il romanzo di Maurizio Gramolini perchè scoprirete oltre che una storia più che accattivante anche un eccellente scrittore.

Buona lettura

 

 

 

 

MAURIZIO GRAMOLINI Nato a Milano parecchi anni fa, troppi per dichiararli, dice lui. Da sempre grande lettore, afferma che scrivere lo ha sempre divertito, infatti, dalle elementari alle medie, i suoi temi venivano regolarmente pubblicati sui vari giornalini scolastici. Ha tentato le prime pubblicazioni incoraggiato dalla moglie e, dopo che alcuni suoi racconti erano stati selezionati in qualche concorso letterario, ha ritenuto giusto fargliela pagare scrivendo un romanzo di cui lei è coprotagonista, così impara.

 

Sono sposata dal 2002 ed ho 2 figli. Sono una casalinga con la passione della lettura. Leggo di tutto ma adoro i thriller e i libri che raccontano la vita.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: