La donna senza nome Book Cover La donna senza nome
Eric Rickstad
Thriller
Newton Compton Editori
19 luglio 2018
Ebook € 0.99 Copertina rigida € 8.41
353

In una remota cittadina nel nord del Vermont, Rachel Rath, una studentessa, ha la sensazione di essere seguita. Le sembra di avere addosso gli occhi insistenti di uno sconosciuto. Sono gli occhi di chi, molti anni prima, ha torturato e ucciso la sua famiglia. Grazie a un cavillo legale, Ned Preacher è riuscito a ottenere una riduzione della pena e, adesso che è libero, Rachel pare sia diventata la sua ossessione. Dopo il brutale omicidio della sorella, il detective Frank Rath ha adottato sua nipote. Per anni ha cercato di proteggerla dalla verità sulla morte dei genitori. Ma ora che Preacher è stato scarcerato, Rath sa che userà Rachel per vendicarsi di lui. E Frank non ha alcuna intenzione di perdere l’unica cosa preziosa che gli è rimasta. Quando alcune ragazze vengono assassinate e una scompare, Rath e la detective Sonja Test capiscono che non possono più agire con cautela. Scopriranno presto che la verità può essere molto più perversa di quanto avessero immaginato.
Un assassino assetato di vendetta è di nuovo a piede libero.
Il detective Rath deve difendere dalla sua furia omicida chi ha di più caro al mondo.

RAPE= stuprare, costringere con la violenza, sopraffare.
R: il suono di una lacerazione; A: lunga, prolungata, come un urlo; P: repentina e definitiva; E: muta, silenziosa come moltissime vittime.

Mi sono immersa nella lettura di questo thriller non sospettando minimamente quello in cui mi sarei imbattuta. Non conoscevo le opere di Eric Rickstad e affermo in maniera risoluta che certamente recupererò i precedenti romanzi che ancora non ho avuto il piacere di leggere.
Fin dalle primissime pagine l’autore è stato in grado di far percepire in maniera distinta la suspense e l’ansia crescente che mi hanno accompagnata nella lettura di questo romanzo che mi ha trasmesso la netta sensazione di essere in un film. Un eccezionale film thriller di quelli che ti restano impressi nella mente e che ti rodono con il tarlo dell’incertezza per giorni.

“non potrebbe comunque sapere. Percepire? Forse. Ma percepire non é sapere. Non può sapere cosa voglia dire essere qualcosa se non é quella cosa”

L’ambientazione negli isolati e maestosi boschi del Vermont, realmente frequentati dal nostro autore il quale ne ha saputo descrivere la spettrale bellezza, contribuisce ad aumentare l’autenticità delle vicende narrate, facendo sentire il lettore letteralmente avvolto dalla persistente nebbia presente in questi idillici paesaggi.

“Chiunque avrebbe potuto nascondersi a pochi passi da loro in quella foschia”

I molteplici personaggi presenti nella storia sono ben caratterizzati e di conseguenza è facile entrare in sintonia con loro e carpirne la natura, cogliendo i vari indizi che l’autore dissemina nel corso della vicenda e portando il lettore a dubitare di loro senza riuscire ad avere alcuna certezza fino alle battute finali, in cui l’epilogo lascia letteralmente senza parole.
Una storia cruda e terrificante, dove il confine fra il bene e il male, fra vittima e carnefice, fra giustizia e illegittimità non possono essere demarcati con certezza.

“Solo perché non ti meriti qualcosa, non significa che non ti accadrà comunque

Un appunto va fatto sulla traduzione del libro: spesso ci si imbatte in parole che risultano superflue o mancanti, facendo perdere fluidità alla lettura.
Un ottimo thriller, narrato da punti di vista differenti e in cui le varie vicende si incastrano alla perfezione rivelando un puzzle sorprendente. Assolutamente consigliato agli amanti del genere.

“Quale ragione migliore per mentire che risparmiare a una persona amata di soffrire”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: