La cacciatrice di storie perdute Book Cover La cacciatrice di storie perdute
Sajal Badani
Romanzo
Newton Compton Editori
6 giugno 2019
ebook, kindle, cartaceo
448

La cacciatrice di storie perdute

Jaya ha il cuore spezzato. Ha tentato a lungo di avere un bambino, ma dopo la terza gravidanza interrotta le speranze vacillano. Anche il suo matrimonio comincia a sfaldarsi e così, nel disperato tentativo di ritrovare se stessa, decide di allontanarsi da New York per riscoprire le sue origini indiane. Non appena arriva in India, Jaya viene immediatamente sopraffatta dai colori, dai profumi e dai suoni di quel Paese. Ogni cosa ha un fascino esotico, per lei, e ben presto il desiderio di riavvicinarsi alla cultura della sua famiglia prende il sopravvento. Ma ci sono eventi del passato, a lungo taciuti, che hanno il potere di influire sulle generazioni a venire. E così Jaya viene a conoscenza della storia di sua nonna e di un amore segreto che è destinato a cambiare per sempre la sua vita. Solo dopo aver conosciuto il coraggio e l'indomabile spirito combattivo che ha caratterizzato le donne della sua famiglia, infatti, Jaya scoprirà di avere dentro di sé una forza che non avrebbe mai immaginato di possedere.

La cacciatrice di storie perdute

Ricordi di una vita

Inizio questa recensione dicendo che non ho letto questo libro ma l’ho letteralmente divorato. Quando all’inizio ho visto il numero delle pagine e la data di uscita mi sono un po’ spaventata. Lo ammetto pensavo che non sarei riuscita a finirlo in così poco tempo. Ma quando ho cominciato a leggere ho capito che il problema non sarebbe stato quello di non finirlo in tempo ma quello di dover smettere per fare altre cose.

Non posso dire di averlo solo letto, io ho vissuto ogni pagina di questo romanzo che anche ora, dopo averlo finito, non mi lascia andare. Il mio pensiero va spesso ad esso e all’uno o all’altro personaggio. Mi sembra anche riduttivo spiegarlo. le mie parole non riusciranno a far capire quanto è bello questo romanzo. Ma ci proverò.

L’autrice, Sejal Badani, con la sua ottima scrittura, molto fluida e semplice ma accattivante ed intensa è riuscita ad incantarmi e a farmi smarrire nelle pagine del suo romanzo. Infatti molto spesso riesce a portarti nel racconto come se fossi tu a vivere le vicende. Con le descrizioni che fa dei vari personaggi e delle loro caratteristiche ti fa affezionare ad ognuno di loro , qualunque sia il suo ruolo.

Le protagoniste sono due donne, Amisha, la nonna e Jaya, la nipote. Ma colui che racconta la storia di questa famiglia indiana è Ravi, “un’intoccabile” che per quel mondo non è nessuno ma che per Amisha diventa il mondo.

” Tua nonna, Amisha, mi diceva sempre: << Ravi, quando ti trovi vicino alla terra riesci a udirne i segreti.>>

Il romanzo inizia con Jaya e la sua vita crollata dopo una serie di aborti. Sua madre, Lena, mai affettuosa e amorevole, le consiglia di non andare oltre quando Jaya la interroga sul suo passato in India.

” La promessa è stato il prezzo che ho dovuto pagare per essere nata. E’ tutto ciò che hai bisogno di sapere.”

E forse è proprio questo che spinge Jaya ad affrontare questo viaggio che la porterà in un mondo di segreti, di ingiustizie, di tradizioni ma anche di amore incondizionato.

Il suo viaggio, tra storie e realtà, trasformerà i suoi stati d’animo: angoscia, solitudine, tristezza, sconfitta, perdita faranno posto a un nuovo senso per la sua vita che porterà ad un finale molto commovente ma altrettanto gioioso.

” Da dove vengono le storie?”                                                                                                                    ” Dai nostri sogni”                                                                                                                                           ” Il sogno è l’unica finestra verso l’ignoto”

Molti dei racconti che Amisha scrive hanno una morale e cercano di insegnare qualcosa.

” La sua scrittura era il contributo più grande che lei potesse dare a una società che non l’avrebbe mai apprezzata.”

Ma tutto il romanzo ti lascia degli insegnamenti come quello sull’amore:  Amore incondizionato significa volere la felicità dell’altro anche se questo vuol dire perderlo.

” << Devi stare con qualcuno che ti renda felice.>> Il mio cuore si spezza mentre lo lascio libero. Con tutto l’amore che provo per lui, sussurro: << Te lo meriti.>>”

O sul talento che è un dono che molte volte non si sfrutta o non si sa sfruttare.

“…Aveva una luce speciale negli occhi, quando raccontava una storia. Diventava viva.”

E lascia anche un sentimento di rabbia per la non libertà di scegliere se, chi e quando sposarsi e anche per la non libertà in generale delle donne indiane.

” Scrivere un finale differente alla storia di Neema e offrire un’alternativa a chiunque desiderasse qualcosa di diverso rispetto a ciò che era stato deciso per loro.”

E alla fine consiglio di leggere questo romanzo anche per capire qualcosa sulle altre civiltà e per renderci conto che a volte i nostri problemi sono futili in confronto a quelli di tanti altri. Leggetelo perché vi lascerà qualcosa di bello dentro.

Buona lettura

Sejal Badani

È un avvocato che ha deciso di dedicarsi alla scrittura a tempo pieno. I suoi romanzi sono stati bestseller di «USA Today», «Wall Street Journal» e «Washington Post».  Adora ascoltare musica, viaggiare e tenersi in contatto con i suoi lettori. Per saperne di più: sejalbadani.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: