In nome dei Medici Book Cover In nome dei Medici
Barbara Frale
Storico
Newton Compton editori
27 settembre 2018
ebook, cartaceo
382

Piero de' Medici invia a Roma suo figlio Lorenzo per risolvere questioni d'affari. Una volta arrivato nella città però una strega gli rivela la sua precoce morte e, immediatamente dopo, trova nel sottopancia della sua sella un pugnale con uno stemma di dubbia provenienza.
In una Roma teatro di storia ma anche di intrighi e sotterfugi, sintomi di grande corruzione, Lorenzo dovrà capire chi attenta alla sua vita e portare a compimento la missione affidatagli dal padre.
Nel tentativo di scoprirlo, il suo destino incrocerà quello di uomini potentissimi nello scenario romano, ma anche con la donna che lo stregherà: Clarice Orsini. Preso nelle spire di questo amore, Lorenzo non si accorge che nuovi nemici si stanno per levare contro di lui, alleandosi ai vecchi per un comune intento: l’erede dei Medici deve morire.

Siamo nell’Italia del 1400, un’Italia non ancora unita e dove papato, sovrani stranieri e famiglie potenti sono in continua lotta tra loro per la supremazia del paese, creando così alleanze che vengono, dopo poco, trasformate in lotte e viceversa. In questo scenario possiamo collocare la figura di Lorenzo de’ Medici, giovane rampollo della famiglia de’ Medici che, dopo la morte di Cosimo, vede le sue finanze deteriorarsi.  Sin da subito possiamo vedere che questo compito non è pane per i suoi denti: Lorenzo è un ragazzo combina guai, dedito alla letteratura e alle belle donne, la maggior parte sposate, e quindi sempre nei guai con i mariti di queste. Infatti, proprio la sua debolezza legata al gentil sesso metterà a rischio la missione affidatagli dal padre. Ma è impossibile non rimanere stregati da questo personaggio, da come la componente emozionale guidi il suo agire.
A scongiurare i suoi errori, sostenerlo e aiutarlo  nel viaggio e nel suo soggiorno a Roma ci saranno lo zio Giovanni Tornabuoni e il precettore Gentile Becchi che lo accompagnano,  gli amici Roberto Malatesta e Ludovico Riario, il giurista Stefano Infessura che lo prenderà quasi sotto la sua ala protettiva e, soprattutto, il cardinale Rodrigo Borgia che nei Medici vedrà la chiave per ascendere al soglio pontificio.

Sullo sfondo la città eterna, Roma, piena di intrighi  e di corruzione,  dentro la quale saremo inevitabilmente trascinati insieme a Lorenzo, che ci mostrerà come un uomo può cambiare quando diviso tra il dovere verso la famiglia e il suo nome e ciò che il cuore gli comanda di fare.

Barbara Frale è riuscita, con questo libro, a rendere interessante ed invitante un romanzo storico.  Con la sua scrittura riesce a catturare il narratore con la sua scrittura che rende l’ambientazione vivida tanto da figurarcela davanti agli occhi mentre si legge, sia la scena ambientata in un ricco salotto romano o in un oscuro vicolo della città eterna. Per quanto riguarda la descrizione dei personaggi, anche questa è molto vivida ma allo stesso tempo forbita, tanto da far uscir fuori una descrizione di Lorenzo, il protagonista, talmente dettagliata da farlo apparire non come uno dei più grandi personaggi del Rinascimento italiano, bensì come un ragazzo come tanti altri che deve ma non vuole mettere da parte il divertimento per “diventare grande”.  Consigliatissimo a tutti coloro che amano i romanzi storici ma anche a chi è appassionato de’ I Medici.

Barbara Frale

Storica del medioevo, Barbara Frale è Ufficiale presso l’Archivio Segreto Vaticano e nota in tutto il mondo per le sue ricerche sui Templari. Autrice di varie monografie, ha partecipato a trasmissioni televisive e documentari storici sul processo ai Templari e sulla Sindone di Torino. Insieme a Franco Cardini è consulente storica della serie in onda sulla RAI I Medici. Lorenzo il Magnifico, e autrice del saggio La Congiura. Dopo il successo di I sotterranei di Notre Dame, con la Newton Compton ha pubblicato anche In nome dei MediciIl romanzo di Lorenzo il Magnifico e I grandi imperi del medioevo. Segnaliamo anche Andare per la Roma dei Templari (il Mulino 2014), L’inganno del gran rifiuto. La vera storia di Celestino V, papa dimissionario (UTET 2013), Il principe e il pescatore. Pio XII, il nazismo e la tomba di San Pietro (Mondadori 2011), I Templari e la sindone di Cristo (il Mulino 2009), La Sindone di Gesù Nazareno (il Mulino 2009).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: