Fantasy,  Libri,  Recensioni

Recensione “Il Ribelle” di Elisabetta Tadiello ed Elena Bertani

Il ribelle Book Cover Il ribelle
Lupi di sangue
Elena Bertani, Elisabetta Tadiello
Urban Fantasy
Self publishing
4 Febbraio 2018
Ebook/Cartaceo
140

Una bellissima storia che completa il primo capitolo della saga “Lupi di Sangue”, ma stavolta è Riley il protagonista che ci riporta ai suoi 12 anni quando la sua famiglia è stata distrutta, o meglio divorata, da un branco di pazzi licantropi. Da quel momento la sua rosea infanzia viene deturpata e il povero ragazzo sarà vittima di continue prove di forza e combattimenti anche mortali. Diventato anch’egli un licantropo addestrato per uccidere, entrerà in contatto con la sua più grande forza, la sua parte animale, il suo istinto, che in connubio con la sua anima faranno di Riley un essere speciale. Capiamo da subito che ha qualcosa in più rispetto agli altri, una sensibilità e un coraggio che gli permetteranno di restare vivo e di essere salvato in seguito da Daniel: salvato e accolto in una vera famiglia. Attraverso la fiducia del branco riuscirà a sciogliere parte della sua rabbia che si trascina da questa tragica esperienza;  solo grazie all’incontro con Anastasia, che sarà un balsamo per i suoi più profondi dolori, comincerà ad aprire davvero il suo cuore e a raccontare cos’è successo in quella prigione.

 

“Dopo “Il Sangue della Luna”, dove tutte ci innamoriamo segretamente di Riley, il ragazzo arrogante e di poche parole, è arrivato il momento di ufficializzare questo amore per la sua violenta e assurda storia. Sarà Anastasia a voler sapere e sarà Riley a raccontare sotto voce le umiliazioni subite per troppo tempo. Un licantropo nato dalla paura e dalla rabbia che ci farà sperare in una futuro migliore.”

 RECENSIONE

Quando un libro si legge in pochissimo tempo e ti lascia delle immagini che ti accompagnano piacevolmente durante il giorno, lo reputo quello giusto! Il segreto di questa saga (leggerò ovviamente anche l’altro) è la facilità con cui entri nella storia. Stavolta ho avuto l’impressione di dover restare in un angolo ad ascoltare segretamente, con il timore di  rompere il delicato equilibrio fra Riley e Anastasia, pensavo che Riley potesse interrompere il suo racconto da un momento all’altro, quindi ho origliato standomene in disparte. Nonostante i personaggi siano figli della fantasia, entrare nel passato del nostro giovane licantropo è stato come vivere direttamente le sue umiliazioni, vivere nel buio senza speranza, senza via d’uscita; ma Riley ha trovato dentro di sé la forza, la luce che é stata insieme anche la sua salvezza. La sua integrità mi ha davvero colpito e ciò che le autrici mettono sempre in risalto è il contatto con la parte animale, quell’istinto che ci salva sempre e ci dà una marcia in più per potercela
davvero fare, una risorsa in cui attingere quando siamo davvero stremati. Nella prima parte del racconto Riley si oppone e combatte i suoi aguzzini,  ma i risultati sono tragici ed è come se nella resa successiva abbia trovato il suo destino: l’incontro con Daniel, come se nel momento in cui lasciamo correre c’è la svolta e tutto prende finalmente la giusta piega. Tra un ricordo e l’altro continua la storia d’amore con la sua anima gemella Anastasia, e questa forte fisicità con cui i due si relazionano ci aiuta a ritornare al presente sulla nostre domande che riguardano proprio il futuro di questa giovane coppia e non solo!
Corro a leggere “Il morso della luna”!!!

 

 

AUTRICI

Elena ed Elisabetta hanno la stessa età, lo stesso lavoro, la stessa passione per la lettura, per film e telefilm ma soprattutto, la stessa passione per l’amicizia. Unite da  un profondo legame hanno lavorato sodo per realizzare i loro sogni. Hanno creato e visto evolversi i personaggi dei loro romanzi e continuano a farlo ogni giorno per trasmettere ai lettori tutto il loro entusiasmo.

 

 

Leggo per diletto qualsiasi genere; è sempre stata una mia grande passione. Di una lettura mi colpisce sia una bella trama che una scrittura ricercata. Un romanzo rosa, un romanzo storico, della narrativa contemporanea non importa basta che non sia... fantasy! Il mio primo libro è... Eterno

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: