Senza categoria

Recensione!!! “Il ponte dei delitti” di Philip Gwinne Jones edito da Newton Compton!!!

“Un antico libro di preghiere, un patto misterioso, una città piena di ombre … Un grande thriller”



undefined

 Titolo: Il ponte dei delitti  
Autore: Philip Gwinne Jones
Editore: Newton Compton
Genere: Thriller
Formato: Ebook
Prezzo: € 2,99
Formato: Cartaceo
Prezzo: € 9,90
Pagine: 320
Data di uscita: 21 settembre 2017
Link d’acquisto:


Per voi la trama e la recensione…



Trama:
Nathan Sutherland, console inglese a Venezia, ha il compito di risolvere i problemi dei connazionali in visita nella città lagunare. Un lavoro di solito noioso, ripetitivo, almeno fino a quando a Nathan non capita un’occasione singolare: in cambio di una grossa somma di denaro, dovrà custodire un piccolo pacchetto, al cui interno è contenuto un libro di preghiere illustrato dal maestro veneziano Giovanni Bellini. La proposta è allettante, per il console può voler dire cambiare vita e dedicarsi ai suoi passatempi preferiti. Ma suo malgrado si ritroverà al centro di una pericolosa disputa, un business mortale, iniziato vent’anni prima dai gemelli Domenico e Angelo Moro, che ruota intorno a un misterioso furto. 

Recensione:

Il console inglese a Venezia, Nathan Sutherland, trascorre le giornate risolvendo piccoli e grandi problemi dei suoi connazionali dedicandosi pure, nel tanto tempo libero a disposizione, all’attività di traduttore. La sua routine viene sconvolta quando un inquietante personaggio gli offre una cospicua somma di denaro per custodire un pacco di dubbia provenienza, al cui interno si trova un libro decorato dall’artista Bellini. Da quel giorno la vita di Nathan cambierà e si troverà catapultato in una folle e sanguinosa gara, all’inseguimento di opere d’arte, tra due fratelli disposti a tutto pur di entrare in possesso del pacco.


Il raffinato autore gallese Philip Gwynne Jones è certamente un grande amante di Venezia. Ha capacità descrittive molto accurate e, scorrendo le pagine, si ha davvero l’impressione di trovarsi a camminare, correre, bere e mangiare tra le calli e le fondamenta della città lagunare. Oltre a questo, il tour d’arte che l’autore fa fare al suo protagonista, coinvolge davvero il lettore e sottolinea l’importanza di preservare oggetti che conservano la storia. 


Ma definire il racconto scritto da Jones un thriller sarebbe esagerato. È certamente una storia molto elegante, che ti permette di trascorrere piacevolmente qualche ora di lettura, ma non deve avere la presunzione di tenere il lettore inchiodato alla sedia per la suspance. La trama del “giallo” è quasi banale, si intuisce subito chi sono i buoni e chi i cattivi, chi farà una brutta fine e chi invece diventerà un eroe. Inoltre la caratterizzazione dei protagonisti è troppo stereotipata, le personalità, i caratteri e le abitudini si incastrano tra di loro più del dovuto rendendo prevedibile il concatenarsi degli eventi e delle situazioni. 


Comunque, il modo in cui le figure si muovono sullo scenario, crea nel complesso un bell’insieme di pagine che lo scrittore farcisce con una dose generosa di humor, davvero molto british, che addolcisce perfettamente le atmosfere a volte un po’ tetre dei vicoletti veneziani. Il buon gallese comunque non manca di sottolineare, e più di una volta, alcuni aspetti negativi (e, ahimè, del tutto veri) della nostra italica cultura. Ma si sa, per apparire superiori è necessario mostrare gli altri come inferiori.

L’avventura si presta ad essere letta da un pubblico di tutte le età, con la leggerezza di un giro in gondola tra i canali di una città unica, ricca di fascino, storia e arte…e anche un po’ romantica.

(recensione a cura di Luca)

VALUTAZIONE



L’AUTORE


Philip Gwinne Jones



È nato nel Galles del Sud nel 1966. Ha vissuto e lavorato in diversi Paesi europei prima di stabilirsi in Scozia nel 1990. È venuto in Italia per la prima volta nel 1994, lavorando per qualche tempo presso la sede di Frascati dell’Agenzia Spaziale Europea. Oggi è insegnante, scrittore e traduttore, e vive a Venezia.


Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: