Recensioni,  Saggio

Recensione: “Il metodo Power Wish” di Keiko, HarperCollins

Il metodo Power Wish Book Cover Il metodo Power Wish
Keiko
manuale, astrologia
HarperCollins
19 novembre 2020
cartaceo, ebook
229

Keiko è un'importante astrologa giapponese e negli anni ha messo a punto una tecnica pratica ed efficace che ci rende i grandi fautori del nostro futuro affidandoci allo straordinario potere delle costellazioni: il metodo Power Wish. La regola d'oro di questo metodo è individuare il proprio desiderio e scriverlo rivolgendosi alla Luna in un momento ben preciso del suo ciclo, usando parole cariche di vibrazioni positive.

Con Keiko a farvi da guida, sarete coinvolti attivamente e potrete tracciare da soli la vostra strada. In questo suo libro troverete tutte le indicazioni per seguire il metodo Power Wish passo passo e molti esempi concreti per imparare a padroneggiare gli elementi dinamici del cosmo e vivere la vita piena, felice e di successo.

“Il Power Wish non è un modo per trovare se stessi né una tecnica per predire il futuro. E’ un metodo che trasforma i vostri desideri in realtà, a prescindere da chi siete o sotto quale stella siete nati: E per farlo vi serve un sistema astrologico: i dodici segni zodiacali.”

 

Per la maggior parte di noi, gli ultimi giorni di dicembre e gli albori del nuovo anno sono il periodo migliore per riflettere su quanto ci si aspetta per i prossimi dodici mesi, sperando che i progetti e le intenzioni, una volta tanto, possano concretizzarsi e che, in altre parole, i nostri desideri divengano realtà.

Se con Judy Garland che cantava “When you wish upon a star … anything your heart desiders will come to you” si cercava nelle stelle la speranza che i desideri si avverassero, ora grazie a Keiko,    un’ astrologa giapponese, possiamo ricorrere ad un metodo che, a detta dell’autrice, non ci deluderà nel raggiungere ed ottenere ciò che desideriamo. Non importa se cerchiamo l’amore della nostra vita o un aumento di stipendio o una casa più grande.

Non sta propriamente nelle stelle il principio che Keiko illustra e condivide con i lettori nell’agile e sintetico manuale “Il medoto Power Wish”, poiché non si tratta di un oroscopo, ma di un modo di affidare i proprio desideri alla Luna per…

avere successo, trovare la felicità e vivere in armonia con l’universo”.

Con un linguaggio semplice, e forse anche un po’ semplicistico, viene spiegato tutto nei minimi dettagli. Il primo passo è quello di affidarsi alla Lunalogia ovvero scoprire il proprio segno zodiacale che si basa non sulla posizione del Sole, ma su quella della Luna al momento della nascita. In pratica un segno lunare personale che determina ciò che ci rende felici. Ed è proprio nel momento in cui la luna si trova nel nostro segno che diventa più facile sintonizzare le nostre azioni con l’universo. Fondamentale, infatti, per tutto l’impianto del metodo Power Wish è il concetto dell’universo inteso come fonte e flusso di energia che, in un certo qual modo, possiamo attirare per la realizzazione di quanto più auspichiamo.

L’agile manualetto aiuta a “colpire nel segno” (non solo letteralmente!) dando precise regole (solo sei) e indicazioni per esprimere in modo corretto i propri desideri durante il plenilunio e il novilunio, indicando le parole e le formule più adatte per indurre l’universo ad esaudire i desideri.

Il potere della parole (non a caso il metodo si chiama Power Wish) è fondamentale per ottenere quanto si chiede. Keiko infatti correda il libro di capitoli sulla formulazione corretta di ciò che si chiede, con tanto di elenchi di parole positive, sui momenti più adatti ed indicati per esprimere il desiderio a seconda della posizione della luna nei segni zodiacali.

Il tutto si basa su un concetto chiave ovvero che nell’universo ad averla vinta sono i pensieri positivi. Il fatto che l’autrice affermi che l’universo

predilige coloro che rendono felici gli altri, quelli che li circondano, coloro che donano a piene mani e che hanno un influsso positivo sul mondo

porta a collegare questo pensiero ad altre teorie come ad esempio a quelle del “pensiero positivo”, del pensiero quantico e così via, rendendo evidente che alcuni principi uguali si ritrovano in declinazioni diverse, forse perché il messaggio che la felicità, e la gratitudine ad essa collegata, vada condivisa con gli altri è certamente un valido assunto per tutta l’umanità.

 

Quindi, visti i tempi che stiamo vivendo, perché non accantonare lo scetticismo e provare ad esprimere qualche desiderio aiutati dalle dritte che Keiko offre nel suo libro? Non si sa mai e tentar non nuoce.

Voi avete un desiderio che vorreste si esaudisse a breve? Vi leggiamo nei commenti!

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: