Libri,  M/M,  Narrativa,  New adult,  Recensioni,  Romanzo contemporaneo

Recensione: “Il collegio dei ragazzi diamante” di Giulia Amaranto, Self-publishing

Il collegio dei ragazzi diamante Book Cover Il collegio dei ragazzi diamante
Giulia Amaranto
m/m romance, narrativa
Self-publishing
5 ottobre 2020
ebook
156

Milo è un ragazzo brillante, nato con una malformazione alla mano, che talvolta lo fa sentire insicuro. Proviene da una famiglia umile ma ha vinto una borsa di studio per un prestigioso college maschile, dove insegue il sogno di diventare giudice.

Francis è dotato di uno straordinario talento musicale. È figlio del Primo Ministro, sempre sotto l’occhio della stampa mondiale. Eccentrico e incurante delle regole del collegio, Francis nasconde una profonda fragilità.

Milo e Francis cominciano pian piano a rivelarsi l’uno all’altro. Milo è turbato da questo nascente amore e cercherà di opporsi ad esso con tutte le sue forze. Francis, invece, vede nell’amore l’unica via di salvezza possibile, il solo rifugio da una vita difficile.

Il destino, però, mette sul tavolo delle carte che i due giovani non possono immaginare…

 

“Un giovane che ama senza paura è come un diamante che cattura la luce dentro di se e la restituisce al mondo. E il mondo ha bisogno di luce”

 

Milo, diciottenne, è al primo anno dell’ Accademia Reale. Si ritiene un ragazzo molto fortunato, nonostante la sua malformazione alla mano ( gli mancano due dita ), frequenta un college prestigiosissimo, ha una fidanzata e un affiatato gruppetto di amici. Con questi ultimi, Milo, ha stretto davvero un’amicizia meravigliosa fatta di confidenze, aiuti reciproci, prese in giro e cazzate.

Almo Collegio Borromeo - Sezione maschile - Studio Calvi

Lo stesso college è frequentato da Francis, figlio del primo ministro, ma prima di questo, brillante studente con uno spiccato talento musicale. Agli occhi di tutti gli altri sembra uno svitato, in realtà ha una personalità estremamente fragile.

La strada dei due si incrocia e piano piano il loro rapporto diventa sempre più intimo e nonostante Milo tenti di scappare, non può più nascondere i sentimenti che prova. Come sempre, però, bisogna fare i conti con il destino.

COMMENTO PERSONALE:

Il collegio dei ragazzi diamante è un gay romance abbastanza breve, raccontato in prima persona. E’ ambientato nel 1997, lessico e descrizioni sono semplici e molto ben costruite. Il titolo deriva dal fatto che il direttore dell’ Accademia consideri tutti i suoi allievi dei diamanti, appunto.

… Lo dico sempre, a voi ragazzi: siete dei diamanti. Tutti voi. Alcuni brillano più degli altri, perché hanno già trovato la loro luce, altri stanno ancora cercando la luce sotto cui risplendere. Io so che ognuno di voi troverà quella luce…

I due protagonisti sono Milo, giovane ragazzo che vorrebbe intraprendere la carriera giuridica, e Francis, ragazzo apparentemente disturbato, con una sensibilità e una fragilità fuori dal comune, che sogna di fare musica.

All’inizio della storia Milo è eterosessuale e ha una ragazza, nel corso della narrazione però, si avvicina sempre di più a Francis. Se Francis vede in Milo l’unico modo per essere felice e allontanare la tristezza che lo avvolge, dal canto suo Milo è molto spaventato e confuso da queste nuove emozioni.

Vedi? Le parole non servono. O sono io che non le so usare come vorrei… Sto dicendo che mi piaci. Così tanto che mi fai dimenticare la tristezza. – Faticavo  a respirare. Distolsi lo sguardo da lui, ma non era abbastanza. Dovetti abbandonare quella posizione, alzarmi in piedi. Guardai fuori dalla finestra, cercando un appiglio nella fontana, o nel verde a perdita d’occhi, per distrarmi. Troppa felicità? Troppa paura?

Fare l'amore è così facile, credo Amare una persona fragile, meno… - Facciabuco.com

È la storia della nascita di un sentimento puro, ma talmente fragile che basta davvero molto poco per spezzarlo. Il periodo storico poi, non è di certo d’aiuto. Come detto, siamo alla fine degli anni novanta e sebbene la mentalità piano piano stia cambiando, i pregiudizi della gente sono ancora più che evidenti.

È proprio questo, la paura di essere giudicato, di deludere amici e genitori che frena moltissimo Milo nel rendere pubblico questo suo grande amore.

Facevo l’avvocato difensore di me stesso, ma non credevo più nella mia innocenza. Era vero, dentro di me ancora vivevo la paura di essere etichettato, ma allo stesso tempo sapevo che era sbagliato: che facevo di male? Amare un ragazzo era qualcosa di cui vergognarsi?

Di sfondo una meravigliosa ambientazione e personaggi secondari caratterialmente di spicco e fondamentali per la storia stessa.

Bellissimo libro, ottima storia con alcuni dei personaggi realmente esistiti. Un plauso all’autrice, Giulia Amaranto, per la sua sensibilità nell’affrontare argomenti così delicati, non solo l’amore omosessuale, ma anche le fragilità psicologico/emotive che caratterizzano Francis. 5 stelle.

Lasciatevi cullare dolcemente dalle sensazioni che porta con se la nascita di un nuovo amore, talmente unico da stravolgere ogni certezza nel mondo del giovane Milo.

Quella tra i due ragazzi sarà una delle classiche storie vissute tra i banchi del college, o sarà un grande amore destinato a durare nel tempo?

E a voi è mai successo di provare dei sentimenti tanto profondi da averne quasi paura?

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: