Horror,  Libri,  Recensioni

Recensione: “Cose strane” di Alessandra Paoloni, Delrai Edizioni

Cose Strane Book Cover Cose Strane
Alessandra Paoloni
horror
Delrai Edizioni
2020
cartaceo, ebook
400
9788855420242

Non aspettatevi risposte, ma piuttosto domande. Non aspettatevi che tutto si risolva nella manciata di qualche capitolo ma piuttosto chiedetevi: "Cosa accadrà adesso?"

Queste storie potrebbero suscitare perplessità ma è da mie personali perplessità, in effetti, che nascono. High Wall, Membra con membra, Vendetta, Seconda porta a sinistra, Dimness - Nella penombra e Semper Eadem sono un invito ad affrontare la realtà: nulla è certo, tutto è capovolgibile.

Il viaggio tuttavia verterà sul genere
gotico, horror e paranormal fantasy, ideali per gli amanti del
genere ma anche per chi non è solito frequentare mondi oscuri.

 

Cose strane è una serie composta da quattro volumi, completamente indipendenti l’uno dall’altro, ma le cui storie sono collegate da un unico filo conduttore. Una cosa è certa: assistiamo, in ogni tomo, ad eventi  soprannaturali.

La Paoloni, così facendo, conduce il lettore in un percorso che gli permetterà di conoscere diverse declinazioni del trascendente.

Essendo i libri autonomi, come vi ho anticipato, non è necessario leggerli rispettando un ordine ben preciso, per cui quello che segue è semplicemente l’ordine ideale che gli ho, personalmente, dato.

High Wall

E stava per rientrare quando un movimento nella penombra alla sua sinistra la fece sobbalzare”.

Le Case più infestate della Letteratura – Vanilla Magazine

Iniziamo da una serie di racconti che definirei una sorta di esercizio di riscaldamento o, se preferite un paragone gastronomico, uno starter, giusto per dare inizio all’aperitivo.

Piccole storie, dal sapore gotico classico, semplici  nella trama e nel linguaggio; i personaggi non particolarmente approfonditi.

Giusto per farvi venire la curiosità del soprannaturale: quel tocco di mistero che ancora non è paura, ma che vi fa chiedere se davvero la realtà è solo quella che appare davanti ai nostri occhi.

 

Dimissem

«Signori miei» parlò White Wood prima di entrare a Landlord «state per assistere a qualcosa che potete aver visto soltanto nei vostri peggiori incubi, se avete una buona immaginazione.

Storie di veri vampiri – VIDEO | Fronte del Blog

Continuiamo con un racconto lungo, o un romanzo breve se preferite, che affonda le sue origini nella più classica delle figure della letteratura gotica: il Vampiro.

Il livello narrativo si eleva, la trama è ben articolata, con un ritmo adeguato. I personaggi sono molto approfonditi e ben delineati.

L’atmosfera è di sottile inquietudine, la paura di qualcosa di oscuro nascosto nell’ombra…

 

Semper Eadem

 

“Volli gridare ma le urla mi morirono in gola. Il sangue che ricopriva il mento e la faccia di mia madre risaltarono ai miei occhi come un faro indistinto nell’oscurità, bagliore di morte”.

Fondos de pantalla ID:41164

Di nuovo, un racconto sui vampiri, ma in un’altra chiave, più moderna. Ho percepito un tocco new age.

Una lotta fra demoni, rappresentati dai vampiri, e angeli, che simboleggiano una lotta tra la luce e le tenebre. Una lotta dove l”uomo è chiamato a fare una scelta…

Il ritmo narrativo risulta un poco lento; buona, invece, la rappresentazione dei punti di vista dei singoli personaggi.

 

Seconda porta a sinistra

 

“Il sole stava calando e doveva decidere in fretta se raggiungere la casa abbandonata di Cripple Creek, quella dove la notte del 31 ottobre 2017, quasi un anno prima, alcuni ragazzi avevano trovato la morte in circostanze misteriose”.

 

5 RACCONTI DELL'ORRORE - HALLOWEEN SPECIAL 4/5 "LA CASA IN CAMPAGNA" - YouTubeBene, vi siete riscaldati… avete cominciato ad assaporare il gusto del soprannaturale, a lasciarvi incuriosire dal mistero. Adesso siete pronti per un vero sano romanzo Horror.

Perché, wow amici, questo fa davvero paura…

Protagonista una casa abbandonata, che potrebbe sembrare un clichè, ma, ammetterete, è la cosa più vicina alle nostre esperienze. Chi non ha, nella propria città, una o più case circondate da un alone di mistero? Sulle quali si raccontano storie sinistre e che quando ci passi accanto, anche se sei dotato di sano realismo, non puoi fare a meno di provare un brivido e girare la testa dall’altra parte perché ti senti osservato?

A chi non è mai capitato, quando si è in gruppo e goliardicamente si raccontano storie paurose, di sentirsi proporre di entrare in quella casa famosa che si dice infestata e magari si è risposto con un “non ci credo ma non voglio verificare?”.

Ebbene la protagonista decide di verificare… ma sarebbe stato meglio non farlo…

Ritmo e adrenalina assicurate! In un crescendo di terrore, che vi terrà incollati fino all’ultima pagina.

Fine del viaggio… avete assaporato tutte le emozioni del mistero e non appena vi sarete ripresi, sicuramente ne cercherete ancora….

 

L’autrice

Alessandra Paoloni Alessandra Paoloni vive e lavora in un piccolo paese alle porte di Roma. Nata a Tivoli, l’11 marzo del 1983. Coltiva fin da bambina una passione quasi viscerale per la scrittura e la lettura, pubblicando fin da giovanissima poesie e racconti su riviste e giornali locali. Esordisce come scrittrice con la raccolta poetica “Brevi monologhi in una sala da ballo di fine Ottocento” con la casa editrice Il Filo (2008), cui seguono i due romanzi fantasy “Un solo destino” e “Heliaca la pietra di luce” entrambi editi con la 0111 Edizioni. Si ripresenta al pubblico nell’aprile del 2012 con il nuovo romanzo “La Stirpe di Agortos” (pubblicato con lo pseudonimo di Elisabeth Gravestone), col quale inizia un ciclo di fantasy imperniati sul rapporto mistico tra l’uomo e la natura.

Arriva seconda, col racconto “La Prova”, al concorso indetto dal blog “Club Urban Fantasy”, la cui antologia “Stirpe Chimerica Volume I” è ora in vendita su lulu.com sia in versione cartacea che digitale.

Nel novembre del 2012 esce per la Butterfly Edizioni il suo primo paranormal fantasy “La discendente di Tiepole”, il suo quinto romanzo.

E’ tra i vincitori del concorso “On the Road: diari di viaggio” indetto dalla Libro Aperto Edizioni con il racconto “Sulla strada per la fine”, in vendita sia in edizione cartacea che digitale.

E’ tra i finalisti del concorso “Impronte d’amore” indetto dalla Butterfly Edizioni con il racconto “Come il vento su Top Withens”. L’uscita dell’antologia è prevista per gennaio/febbraio 2013.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: